ZombiU: sfruttare Wii U fin da subito

ZombiU: sfruttare Wii U fin da subito

ZombiU è l'unico gioco, fra quelli fin qui rilasciati per Wii U, che consente di valutare in profondità le caratteristiche hardware e di interfacciamento della nuova console di Nintendo. Vi proponiamo il nostro parere sul gioco, insieme alla valutazione del motore grafico.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
NintendoWii U
 

Comparto tecnico

Siamo rimasti particolarmente soddisfatti dalla grafica di ZombiU. Il motore grafico allestito da Ubisoft Montpellier consente di avere immagini fluide e con un dettaglio poligonale interessante, con ottimi effetti in post-processing e illuminazioni interessanti. ZombiU su WiiU è fluido, con immagini quasi sempre ancorate sui 30 fps.

Bisogna anche dire che gli ambienti di gioco sono sempre realistici e godibili alla vista. La capitale britannica è ottimamente riprodotta e gli interni di Buckingham Palace conferiscono al gioco un livello di immedesimazione interessante. Le immagini vengono renderizzate nativamente alla risoluzione di 720p e non presentano effetti evidenti di disallineamento, mentre i bordi dei poligoni sono sempre adeguatamente smussati.

Non abbiamo, insomma, rinvenuto i problemi di fluidità che invece ci sembrano ampiamente ricorrenti in Batman Arkham City, come abbiamo visto nel precedente articolo. Rocksteady Studios ha pensato a un complesso sistema per cui la sincronizzazione verticale viene applicata in qualsiasi momento del gameplay, mentre il frame rate non è bloccato, il che porta a variazioni significative nel frame rate, con momenti di gioco in cui le immagini scorrono in maniera particolarmente veloce e altri momenti in cui, invece, si verificano degli evidenti scatti.

ZombiU invece offre un'esperienza di gioco più solida dal punto di vista grafico. Ma non è tanto il risultato delle scelte fatte dai tecnici di Ubisoft Montpellier, quanto del livello di attenzione che è stato posto nello sviluppo di questo titolo, che si traduce in una maggiore ottimizzazione. Insomma, per tirar fuori il meglio dall'hardware della nuova console di Nintendo serve tanto lavoro proprio in termini di ottimizzazione, e sembra che proprio ZombiU sia l'unico gioco, tra quelli del lancio, su cui sono state riposte tutte queste attenzioni.

Il frame rate risulta bloccato a 30 fps, e difficilmente si verificano momenti in cui si scende in maniera consistente sotto questa soglia. Nei punti più critici in assoluto, insomma, si possono toccare i 25 fps, ma l'esperienza di gioco rimane sempre veloce e gradevole. Qualche grattacapo in più invece si verifica nel momento in cui il motore deve caricare le texture e la geometria delle nuove location di gioco, quando si può assistere alla perdita di diversi fotogrammi e ad effetti di disallineamento. Ma si tratta, in quest'ultimo caso, di situazioni estremamente sporadiche, diluite nel corso dell'avventura.

Interessante anche il comparto degli effetti in post-processing. Le illuminazioni, il motion blur e il lens filtering sono tutti effetti interessanti in Zombi U. Come in Battlefield 3, ad esempio, i giocatori possono vedere del pulviscolo depositato sulla telecamera, e ognuno dei frammenti viene illuminato in maniera differente dalle fonti di illuminazione ambientale che si trovano nello scenario.

Ma ZombiU sfrutta al meglio WiiU anche dal punto di vista dell'audio. Ci sono anche in questo caso due flussi separati, uno destinato al televisore e l'altro al GamePad, che come sapete è dotato di speaker e anche di connettore jack per le cuffie. Dal televisore si possono sentire i sordi suoni emessi dagli zombi e tutti i suoni ambientali, mentre verranno fuori dal GamePad tutti i suoni relativi al Pad virtuale, allo zaino e alle comunicazioni con Prepper. Il giocatore, comunque, può decidere di sentire entrambi i flussi audio dal televisore o dal GamePad.

 
^