La dipendenza da videogiochi è ufficialmente un disturbo mentale

La dipendenza da videogiochi è ufficialmente un disturbo mentale

La dipendenza da videogiochi è adesso fra i disturbi mentali presenti nella classificazione ICD (International Classification of Diseases)

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Videogames
 

I genitori dei più tenaci giocatori di titoli come Fortnite, World of Wacraft e League of Legends, solo per citarne alcuni, lo dicono da tempo e adesso sono stati accontentati. La World Health Organization ha aggiunto la dipendenza da videogiochi nella classificazione ICD (International Classification of Diseases). In altre parole è una malattia, alla stregua di altri disturbi genericamente considerati pericolosi. Il nuovo disturbo è caratterizzato da "un pattern di comportamenti persistenti e ricorrenti legati al gioco, che hanno priorità rispetto ad altri interessi della vita di tutti i giorni".

La WHO sostiene che molti "casual gamer" siano probabilmente al sicuro, con il disturbo che può essere preso in considerazione come tale solo nelle sue forme più estreme. La dipendenza da videogiochi può essere considerata un disturbo solo per i giocatori che, ad esempio, saltano il sonno, i pasti, non vanno al lavoro o a scuola per la classica "ultima partita", o per chi genericamente dà priorità ai giochi piuttosto che ad altre attività giornaliere. I videogiochi non sono così diversi dalle droghe, visto che sono capaci di stimolare i nostri centri del piacere.

Durante sessioni di gaming all'apparenza innocenti, infatti, si celano attività capaci di coinvolgere le stesse aree del cervello che controllano rabbia, sete e desiderio sessuale: "Quando questi percorsi cerebrali si sovraeccitano e vengono dirottati da una droga o da una dipendenza comportamentale, si perde il controllo e non si ha più la consapevolezza su ciò che è sano e ciò che non lo è", ha dichiarato Petros Levounis, professore di psichiatria presso la Rutgers University, all'interno di un'intervista con The Post.

I giocatori più assidui possono rinunciare, secondo la WHO, a pasti o altre attività, mettere in secondo piano l'igiene personale e accampare scuse con partner e parenti solo per spendere più tempo davanti al monitor. Del resto i videogiochi moderni sono progettati per stimolare le aree giuste del cervello al fine di coinvolgere il giocatore in maniera scientifica: "Siamo abbastanza convinti che un sacco di queste compagnie assoldino psicologi, in maniera non troppo diversa da come le compagnie di tabacco ingaggino esperti in chimica per trovare combinazioni che sviluppano dipendenza nei fumatori".

La classificazione ICD è utilizzata da professionisti di tutto il mondo come strumento di riferimento per disturbi e malattie, per infortuni e per analizzare le più diffuse cause di morte. L'ultima versione, la ICD-II, sarà presentata ai membri della WHO durante la conferenza annuale World Health Assembly. Siamo convinti, però, che i videogiochi ben sfruttati possano migliorare le nostre capacità cerebrali: abbiamo approfondito l'argomento con tre diversi psicologi nell'articolo "Videogiochi, quale impatto sul cervello?"

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
[?]29 Maggio 2019, 14:25 #1
La dipendenza da videogiochi può essere considerata un disturbo solo per i giocatori che, ad esempio, saltano il sonno, i pasti, non vanno al lavoro o a scuola per la classica "ultima partita", o per chi genericamente dà priorità ai giochi piuttosto che ad altre attività giornaliere.


Conosco tanta gente che va in palestra 7 volte a settimana (compreso natale), gente che lavora 13 ore al giorno (per scelta non obbligo) e cosi via.
La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine.
inited29 Maggio 2019, 14:40 #2
Originariamente inviato da: [?]
Conosco tanta gente che va in palestra 7 volte a settimana (compreso natale), gente che lavora 13 ore al giorno (per scelta non obbligo) e cosi via.
La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine.
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.
trapanator29 Maggio 2019, 15:13 #3
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


quoto e sono d'accordo con te, non al 100% ma al 10.000%.
Barco Maldini29 Maggio 2019, 15:20 #4
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


Corretto ma sai, se qui tocchi i videogiochi a qualcuno diventi il solito retrogrado nazifascio ignorante e si perde la capacità di contestualizzare e "guardare la luna invece che il dito", basterebbe avere in famiglia qualcuno con una grave dipendenza (cosa che fortunatamente mi manca) per poi vedere la cosa da tutt'altro punto di vista.
Phoenix Fire29 Maggio 2019, 15:38 #5
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


quotone
futu|2e29 Maggio 2019, 15:39 #6
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


*
Nient'altro da aggiungere.
Madcrix29 Maggio 2019, 19:11 #7
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


Da ex-tossico di WoW (pulito da ameno 10 anni, yay), devo dissentire, la mancanza di schiena dritta e la pigrizia sono solitamente alla base dell'infognamento pesante nei videogiochi.
L'hanno aggiunto all'ICD perché i sintomi che occorrono nel distacco totale dalla vita reale a quella virtuale possono essere estremi (totale isolamento e depressione in cima) in certe culture e determinate situazioni.
Ma gratta gratta, alla base c'è sempre una totale responsabilità da parte del "paziente" per la situazione in cui si trova.
L'empatia la conservo per chi i problemi veri non se li va a cercare fino in fondo.
inited29 Maggio 2019, 22:15 #8
Originariamente inviato da: Madcrix
Da ex-tossico di WoW (pulito da ameno 10 anni, yay), devo dissentire, la mancanza di schiena dritta e la pigrizia sono solitamente alla base dell'infognamento pesante nei videogiochi.
L'hanno aggiunto all'ICD perché i sintomi che occorrono nel distacco totale dalla vita reale a quella virtuale possono essere estremi (totale isolamento e depressione in cima) in certe culture e determinate situazioni.
Ma gratta gratta, alla base c'è sempre una totale responsabilità da parte del "paziente" per la situazione in cui si trova.
L'empatia la conservo per chi i problemi veri non se li va a cercare fino in fondo.
Le situazioni di sanità mentale non sono MAI quelle che hai appena descritto, e voler assimilarle è non solo sbagliato ma, per l'appunto, segno di disprezzo e di mancanza di empatia. Portando il tuo stesso esempio hai voluto ridurre tutto al tuo caso, il che per fortuna non è come funzionano le procedure di studio e di inclusione nell'ICD.
Qarboz29 Maggio 2019, 22:54 #9
Originariamente inviato da: inited
Reazione scomposta. Non è che sia stato sancito che solo i videogiochi inducano a questo tipo di comportamenti patologici, è stato solo riconosciuto che anche essi possono farlo. Nessuno ha preso di mira i videogiochi in quanto tali.

Mi vien da aggiungere, atteggiamenti tipo "La malattia non è il videogioco, ce l'hai in testa se sei rincoglionito e non capisci che devi piazzare un confine" sono ignoranti e irrispettosi di chi invece si trova in una situazione realmente patologica, in quanto atti a colpevolizzarli e a liquidare la cosa come una mancanza di schiena dritta, attribuendo valutazioni morali alla situazione.


+1
Eress30 Maggio 2019, 10:00 #10
O meglio, l'ennesimo disturbo mentale. Per esempio, fissare lo schermo di un cellulare dalla mattina alla sera (e qualcuno anche le notte immagino), è un altro disturbo mentale.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^