Ataribox: 'vinceremo dove le Steam Machine hanno fallito'

Ataribox: 'vinceremo dove le Steam Machine hanno fallito'

Il creatore della Ataribox, Feargal Mac Conuladh, ha dichiarato in un'intervista che vede una maggiore possibilità per il suo prodotto rispetto alle Steam Machine. Il motivo? Sarà più semplice l'offerta sul mercato

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Videogames
Atari
 

I creatori di Ataribox sono convinti che la loro creatura avrà successo e che questo accadrà esattamente per le ragioni per cui le Steam Machine hanno fallito: la semplicità dell'offerta sul mercato.

Feargal Mac Conuladh, creatore della Ataribox, ha spiegato in un'intervista a VentureBeat quali sono i principali punti di forza della console della sua azienda:

Steam, Valve, è una società incredibile, ma penso - quando lasci in secondo piano una parte troppo consistente dell'esperienza d'uso, quando scrivi semplicemente uno standard e lasci che un gran numero di altre società  si occupi di costruire le macchine, ti metti nei guai. Noi vogliamo essere super-aperti, ma vogliamo anche fornire un'esperienza integrata ai clienti che comprano il nostro prodotto. Possono collegarlo alla corrente, accenderlo e giocare con un'esperienza che è armoniosa. Riguardo Steam, il fatto è che c'erano molte realtà che costruivano i computer a prezzi diversi e con strutture diverse, ed è difficile farlo in maniera unificata.

Noi vogliamo avere il controllo di questa Ataribox. Il design è qualcosa su cui abbiamo investito molto tempo, per ottenere il meglio. Ci stiamo anche concentrando su un livello di prezzo e su un'audience precisi - ci focalizzeremo sui giochi indie. Non stiamo guardando agli sviluppatori "a tripla A" come Sony o Microsoft. Ci sono giochi indie incredibili sul mercato. Non sempre importa solo la grafica. Un gioco come Undertale ha venduto milioni di copie, ma ha una grafica quasi da Commodore 64. Eppure è bello. È geniale. Prendere tutti questi elementi e portarli su un'unica piattaforma è ciò a cui siamo interessati.

Steam è semplicemente posizionato in maniera differente. Il marchio Atari è anche un marchio facile da avvicinare. Ci sono persone con 40 anni che si ricordano di quando giocavano [con i prodotti Atari] quando erano giovani. Ma c'è anche la generazione più giovane, alla quale Atari dice comunque qualcosa. Ho portato ragazzi di 12 anni a vedere il film "Pixels" di Adam Sandler. Non farò commenti sul film, ma il punto è che tutti questi ragazzini riconoscevano ogni gioco, che fosse Centipede o Donkey Kong. Vedo ragazzini che vanno in giro per San Francisco con t-shirt della Atari. È come le t-shirt dei Ramones: il 95% delle persone che le indossa non ha mai sentito la loro musica, ma pensa ci sia qualcosa di magico nel marchio.

Questo è ciò che stiamo cercando di portare [nella Ataribox]. Le persone più giovani lo capiranno. Si può anche guardare contenuti in streaming e fare altre cose sulla Ataribox. Vogliamo un dispositivo che, nel soggiorno, sia intrattenimento. È gioco, ma è più del gioco. Come marchio siamo in grado di fare questo. E ci rivolgiamo a tantissime persone in luoghi diversi.

Sebbene l'analisi degli errori di Valve nella gestione delle Steam Machine possa essere condivisibile, rimarrà da vedersi se la Ataribox saprà effettivamente rivolgersi al pubblico giusto e se saprà inserirsi sul mercato nella maniera corretta, soprattutto in riferimento al prezzo. L'esordio è previsto per il secondo trimestre del prossimo anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GiGBiG25 Ottobre 2017, 00:33 #1
Beata ignoranza...
Auguro loro un successo sfolgorante, ma la vedo mooolto dura

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^