AESVI ha pubblicato il rapporto annuale sul mercato dei videogiochi in Italia

AESVI ha pubblicato il rapporto annuale sul mercato dei videogiochi in Italia

Il settore si dimostra in salute, con una crescita significativa (+18,9%) rispetto alla precedente rilevazione e un giro d'affari di 1,7 miliardi di euro

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Videogames
Aesvi
 

AESVI, l'Associazione che rappresenta l'industria dei videogiochi in Italia, ha pubblicato, così come fa tutti gli anni, il suo rapporto sul mercato dei videogiochi in Italia. Ha registrato una crescita superiore alle aspettative, per merito soprattutto dei contenuti digitali. Se le console e i videogiochi pacchettizzati hanno infatti realizzato rispettivamente un fatturato di 426 milioni di euro e 1,3 miliardi di euro nel 2018, il mercato digitale si è rivelato il segmento in più forte espansione, con un fatturato pari a 548 milioni di euro e una crescita, significativa, dell’86,6%. In questo settore si considera digital download su console e PC e le app dell'universo mobile.

AESVI rapporto 2018

AESVI - Rapporto annuale 2018

Il software registra un fatturato di 1,3 miliardi di euro (1.331 milioni di euro), con un peso del 76% sul totale mercato nel 2018 e una crescita del 26,9% rispetto al 2017. Il segmento risulta composto per il 25% dalle vendite di software fisico, per il 41% dalle vendite di software digitale e per il 34% dalle app.

Per quanto riguarda i videogiochi per console e per PC nel tradizionale formato pacchettizzato, si registra una contrazione dell’8,7% rispetto al 2017, con un fatturato di oltre 338 milioni di euro. Sul fronte digitale, invece, il giro d’affari sviluppato dal segmento delle app è pari a 445 milioni di euro, in crescita del 15,6% anno su anno. È il digital download su console e PC il vero traino del 2018, con un fatturato pari a 548 milioni di euro e un trend positivo dell’86,6%.

AESVI rapporto 2018

Il gioco per console più venduto è Fifa 19, seguito da Red Dead Redemption 2 e Marvel’s Spider-Man. Tom Clancy’s Rainbow Six: Siege è il primo titolo in classifica per i PC, in seconda posizione Overwatch, seguito da Grand Theft Auto V. FIFA 19 conquista la vetta anche tra i videogiochi più scaricati in digital download, seguito da Grand Theft Auto V e da Call of Duty: Black Ops 4 in terza posizione. Candy Crush: Saga, infine, domina la Top 10 delle app, mentre Clash Royale (al secondo posto) e Clash of Clans (al terzo) completano il podio della categoria.

Rispetto alla rilevazione precedente, il segmento dell’hardware ha registrato una lieve contrazione (-0,6%), per un giro d’affari di 426 milioni di euro e un peso pari al 24% del totale mercato nel 2018. Il segmento risulta composto per il 76% dalle vendite di console e per il 24% dalle vendite di accessori.

Il segmento delle console registra un trend negativo del -3% con un fatturato di oltre 334 milioni di euro, nonostante la buona performance delle piattaforme home, confermata dalla vendita di oltre 1,1 milioni di pezzi nel 2018 (1.101.662 unità). Di questi, oltre 85.000 unità (con un peso sul totale mercato console home pari al 7,7%) sono le console “retro”, a conferma di quell’effetto nostalgia che sta interessando tutto il mondo dell'entertainment. Il segmento degli accessori, invece, continua a crescere, con un fatturato di oltre 102 milioni di euro e una crescita dell’8,1% rispetto all’anno precedente.

AESVI rapporto 2018

Le persone che hanno giocato ai videogiochi in Italia negli ultimi 12 mesi sono 16,3 milioni, pari al 37% di tutta popolazione italiana di età compresa tra i 6 e i 64 anni. Di questi, il 54% sono uomini e il 46% donne. Le fasce di età in cui si gioca di più, sia sul fronte maschile che femminile, sono quelle comprese tra 15-34 anni e tra 45-64 anni, testimonianza concreta di come oggi i videogiochi siano un fenomeno trasversale, con un peso culturale superiore rispetto al passato.

Per quanto riguarda le piattaforme di gioco più utilizzate, i dispositivi mobile come smartphone e tablet vanno per la maggiore, con oltre 10,1 milioni di videogiocatori italiani a utilizzarli. Seguono i PC con 7,6 milioni di persone e le console home con 6 milioni. Se si guarda però al tempo passato davanti a ciascuna piattaforma, sono le console con 5 ore di gioco in media a settimana a conquistare il tempo libero degli appassionati di videogiochi. Si gioca meno sui dispositivi mobile (in media 4,3 ore a settimana) e su PC (4,2 ore a settimana).

Per leggere il rapporto completo cliccate qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matrix8329 Marzo 2019, 19:18 #1
Dati sparati a caso. Le fonti di dati usate sono inaffidabili. Gametrack conteggia facendo un sondaggio tra 1000 persone una volta l'anno offline e tra 3000 persone al mese online. GSD è usato poco ed è comunque facoltativo inviargli i dati. La francia è l'unico stato che ha aderito prima del 2018. Il resto dell'europa ha iniziato a mandare i dati a metà 2018, e l'UK solo nel 2019. Fermo restando che nessuno è comunque obbligato a darli quindi non parliamo neanche del 100% dei dati in ogni paese.
Maxt7529 Marzo 2019, 23:42 #2
Posso dire...che noia ?
Ci fosse un anno che vedo al primo posto un titolo che da qualcosa in più che tirare due calci al pallone.
Oltre ad essere invasi da partite, dirette e notizie, pure quando giocate
Orco mondo che noia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^