Verso la fine di Ouya come piattaforma hardware

Verso la fine di Ouya come piattaforma hardware

Ouya smette di essere una piattaforma hardware e diventa un canale di distribuzione digitale per sistemi come Mad Catz Mojo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
Mad Catz
 

Ouya ha annunciato che inizierà a condividere il suo negozio online con altri produttori di hardware. Si tratta dell'iniziativa conosciuta come Ouya Everywhere, che consentirà di avere il canale digitale del produttore finanziato su Kickstarter su altri sistemi simili, primo fra tutti Mad Catz Mojo. Inoltre, tutto ciò si traduce nella fine di Ouya come entità di produzione di hardware, visto che la micro-console, dopo questa mossa, non sarà più in grado di fornire valore aggiunto rispetto ad altre soluzioni simili.

Ouya

"Fino a oggi, l'esperienza da game console è rimasta bloccata dentro un unico sistema", dice Julie Uhrman, CEO di Ouya, in un comunicato ufficiale. "Poniamo fine a questo con l'accordo appena raggiunto con i veterani del mondo dell'hardware Mad Catz. L'annuncio di oggi si traduce nella nascita di una piattaforma di gioco veramente aperta, che consente agli sviluppatori indipendenti di portare i loro giochi su quei sistemi che sono i più accessibili per i giocatori".

Sono parole che in parte contraddicono lo spirito iniziale di Ouya. Al lancio di questo sistema, finanziato dal pubblico con 8,5 milioni di dollari nell'estate del 2012 (il che costituì un record), si prometteva un ecosistema rivolto principalmente al gioco con i titoli indipendenti, con un catalogo di diversi titoli in esclusiva e la possibilità di interagire con tutti i titoli del Google Play Store tramite il gamepad, come se fossero ideati per una tradizionale console. Ouya fece parlare molto di sé in quel periodo, ottenendo recensioni largamente positive e attirando l'interesse di altri investitori, con un finanziamento supplementare di 15 milioni di dollari ottenuto da una cordata formata da Kleiner Perkins Caufield & Byers, Mayfield Fund, nVidia, Shasta Ventures e Occam Partners. Inoltre, ad attirare i giocatori c'era anche il prezzo, visto che Ouya sarebbe stata venduta negli Usa a $99 e a €120 in Italia. Prezzi, però, che si mantenevano bassi anche grazie all'hardware poco perfomante che si trova dentro la micro-console, superata nettamente da questo punto di vista da altri sistemi analoghi, Mojo in primis.

Ma Ouya è ormai superata da molti altri sistemi. Nonostante le vendite non esaltanti, o perlomeno non dichiarate ufficialmente da nVidia, Shield è costruita nettamente meglio rispetto ad Ouya e, ancora una volta, garantisce prestazioni sensibilmente superiori. Stesso discorso si può fare per GameStick, un'altra micro-console finanziata tramite Kickstarter. Inoltre, Ouya non è riuscita a mantenere alcune delle promesse che erano state fatte nel periodo di lancio, visto che gli utenti non hanno potuto usufruire del supporto a OnLive, mentre Hawken non è mai arrivato. Infine, deve competere anche con le nuove console domestiche, che presentano un hardware nettamente più rifinito, e che sembrano incontrare i favori del grande pubblico, soprattutto PS4, in fatto di vendite. Erano state poi promesse diverse esclusive, ma fino a oggi l'unica veramente tale è Towerfall, il quale però uscira anche su PS4 nel corso di questa settimana. E la situazione non è destinata a migliorare, perché questo mercato attira le attenzioni dei grandi colossi: secondo i rumor, infatti, Amazon, Google e Apple, infatti, stanno realizzando dei sistemi proprietari con caratteristiche simili all'originale Ouya.

"Non stiamo abbandonando la nostra visione originale", dice però la Uhrman a The Verge. "Ciò che rende Ouya una piattaforma unica non è l'hardware fisico, ma il fatto che permette di giocare sulla TV". Promette inoltre una "consistente esperienza di gioco" grazie ad altri dispositivi, dotati di controller fisico al pari dell'originale Ouya.

Nonostante l'accordo tra Ouya e Mad Catz, inoltre, Mojo manterrà l'accesso al Google Play Store, per cui il catalogo Ouya rimarrà alternativo a quest'ultimo. Anche in questo caso, inoltre, è possibile giocare con il gamepad, fornito in dotazione, ai titoli pensati originariamente per i dispositivi Android.

"L'accordo con Ouya alimenta la nostra visione su una piattaforma software completamente aperta che offre giochi che girano su hardware particolarmente performante, con il supporto dell'intera linea di accessori per il gaming GameSmart", ha aggiunto Darren Richardson, direttore esecutivo di Mad Catz. "Crediamo che questi annunci possano consentire a Mojo di diventare più popolare presso il grande publico e che raggiunga un maggior numero di appassionati".

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
themac10 Marzo 2014, 11:45 #1
Altro fallimento di kickstarter, se vogliamo leggere fra le righe

Spiace.

TheMac
demon7710 Marzo 2014, 12:30 #2
peccato.
mi aveva entusiasmato all'inizio come progetto..

La verità è che nei vari store dovrebbe esserci una apposita sezione separata per i giochi con gamepad.. credo farebbe la differenza per questo tuipo di prodotti..
zbear10 Marzo 2014, 13:45 #3

La verità ....

E' che oggi l'hardware ARM di Android corre ad una velocità tale che un prodotto come questo dovrebbe essere aggiornato almeno una volta ogni 6 mesi, e non legato ad un unico hardware.
L'idea non era male: era la realizzazione a presentare le solite carenze di moltissimi di questi progetti.
biometallo10 Marzo 2014, 13:50 #4
"non sarà più in grado di fornire valore aggiunto rispetto ad altre soluzioni simili"

Non sono d'accordo, intanto Ouya è l'unica console nella sua categoria a stare sotto i 100 dollari, mentre Shield e Mojo costano un rene, poi essendo queste console più moderne (Ouya è un hardware del 2012) è normale che siano più potenti dato che montano un Tegra 4 invece di un Tegra 3, poi credo che sia anche l'unica console (sempre nella sua categoria) ad avere il touchpad nel controller.

Comunque ogni tanto faccio un giro su ebay sperando in qualcuno che se ne sbarazzi a poco, ma alla fine costano sempre più che nuove

Purtroppo la verità è che anche per colpa dell'inesperienza degli sviluppatori il progetto è stato minato fin da subito da una serie di errori piuttosto gravi e non del tutto giustificabili... peccato.
qboy10 Marzo 2014, 14:05 #5
Originariamente inviato da: themac
Altro fallimento di kickstarter, se vogliamo leggere fra le righe

Spiace.

TheMac

che colpa ne ha kickstarter?
laverita10 Marzo 2014, 14:24 #6
Come poteva avere successo una soluzione per far giocare sulla tv giochini per mentecatti?
themac10 Marzo 2014, 15:45 #7
Originariamente inviato da: qboy
che colpa ne ha kickstarter?


Kickstarter in se non ha niente di male (e ci mancherebbe, pure) . Soltanto che (solo tra i funded, sia ben chiaro), non e’ che abbia visto tanti progetti andare a buon fine.

Immagina se tu fossi stato uno di quelli che hanno contribuito (parliamo di 8.500.000 $)al raggiungimento del target.

Ok, ti arriva a casa (dopo tempo infinito, e quello e’un limite ENORME di kickstarter, perche’ per aver un finanziamento valido puoi presentare un progetto gia’ praticamente finito – ma allora a che ti servono i soldi- oppure chiedere soldi per un embrione/prototipo – e a quel punto porgi il fianco a chi l’idea te la prende, te la ruba, te la migliora ecc. prima che tu sia fuori col prodotto finale) la mitica ouya e dopo 5 o 6 mesi :

“oops, salve, siamo i creatori di ouya, avete pagato per una console ? beh, non la facciamo piu’, andiamo sui servizi ora. Ah, grazie per il funding, ci e’ servito tanto. Voi godetevi questa console vecchia e non piu’ supportata da nessuno!).

Ad ora l’unico vero progetto che “ce l’abbia fatta” che mi interessi e’ il pebble.

TheMac
!fazz10 Marzo 2014, 16:57 #8
Originariamente inviato da: laverita
Come poteva avere successo una soluzione per far giocare sulla tv giochini per mentecatti?


5g
devinfriday10 Marzo 2014, 20:48 #9
"Ciò che rende Ouya una piattaforma unica non è l'hardware fisico, ma il fatto che permette di giocare sulla TV"

Si, infatti le varie PS e Xbox giochi sulla lavatrice....
calabar10 Marzo 2014, 21:00 #10
Originariamente inviato da: devinfriday
"Ciò che rende Ouya una piattaforma unica non è l'hardware fisico, ma il fatto che permette di giocare sulla TV"

Si, infatti le varie PS e Xbox giochi sulla lavatrice....

Immagino che il termine di paragone fossero smartphone e tablet (con cui condivide la piattaforma e molti giochi), non le consolle domestiche.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^