Italia e moto: da Milestone SBK 2011

Italia e moto: da Milestone SBK 2011

Abbiamo provato la versione beta di SBK 2011 per PC. Vediamo quali sono le novità sul piano del gameplay e per quanto concerne la tecnologia di questo nuovo capitolo della serie sviluppata da Milestone, la software house con sede a Milano.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Italia

17 campionati Superbike vinti da marche italiane, due fra i più grandi piloti della storia del motomondiale sono italiani, marche epiche dal grande passato e dal grande futuro come Ducati e Aprilia, campione del mondo del campionato Superbike con bandiera tricolore, e potremmo andare avanti ancora per molto. Parliamo del rapporto tra moto e Italia, evidentemente molto stretto visti i successi della nostra nazione in questo ambito.

E, per tornare nel nostro campo, Milestone e Black Bean Games. La prima è lo sviluppatore storico di giochi di moto, dai tempi del primo Superbike risalente al 1999 e pubblicato da Electronic Arts; il secondo è l'unico produttore di videogiochi italiano. Entrambi, guarda caso, sono di anno in anno impegnati nell'aggiornare la nuova serie di Superbike, che ovviamente avrà un capitolo anche nel 2011.

SBK 2011 dà al brand una nuova direzione dal punto di vista artistico, e un aggiornato modello di guida per soddisfare le aspettative degli utenti seguendo le loro precise indicazioni raccolte attraverso il web, come per esempio un più dinamico ed accattivante aspetto grafico e il perfezionamento di diversi aspetti visivi come menù, ambienti, oggetti in 3D, effetti di luce.

Riguardo ai contenuti ufficiali disponibili al lancio, SBK 2011 mette a disposizione l'intero pacchetto ufficiale che caratterizzerà l'attuale Stagione del Campionato Mondiale Superbike: le classi, i piloti e i circuiti della stagione 2011.

Come è noto, la principale differenza tra il mondiale MotoGP e quello Superbike riguarda le moto. Se nel primo vengono usati dei prototipi, moto da corsa che non sono disponibili sul mercato né possono essere guidate legittimamente sulle strade pubbliche; nel secondo si sfidano versioni pesantemente modificate di moto acquistabili da qualsiasi concessionario. Nel mondiale Superbike ci sono moto da 1000cc con 220 cv, ovvero dei bolidi il cui controllo non è certamente immediato.

Come vedremo in maniera approfondita nelle pagine successive, SBK 2011, come da tradizione della serie, offre un modello di guida ibrido tra simulazione e arcade, pesantemente basato sul controllo della derapata. Il giocatore percepisce le reazioni della moto e può realizzare correzioni che hanno effetti evidenti nella simulazione. Fondamentali, poi, la distribuzione del peso del pilota sulla moto e l'entrata in curva, oltre che la percorrenza.

 
^