Italia e moto: da Milestone SBK 2011

Italia e moto: da Milestone SBK 2011

Abbiamo provato la versione beta di SBK 2011 per PC. Vediamo quali sono le novità sul piano del gameplay e per quanto concerne la tecnologia di questo nuovo capitolo della serie sviluppata da Milestone, la software house con sede a Milano.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Considerazioni

Milestone non sarà più lo sviluppatore di riferimento per i giochi di guida con le auto, ma sicuramente lo è per le moto. Possiamo dire che è la software house sostenitrice di un certo modello di guida per le moto ormai da diversi anni, e porta avanti questa impostazione ancora oggi.

Con SBK 2011 si ha la sensazione di completezza che si era avuta con i primi Superbike, giochi che, lo ricordiamo, erano sulle pagine più importanti di tutte le riviste del settore, anche quelle straniere, e che ricevevano valutazioni da capogiro. Se la nuova serie di Superbike, quella in mano a Black Bean Games, in passato faceva storcere un po' il naso perché c'erano alcuni elementi troppo approssimativi, con questa edizione 2011 pare che Milestone abbia ripulito un po' tutto.

Il modello di guida è molto divertente, soprattutto perché dà la sensazione ai giocatori di migliorarsi nel corso del week-end di gara e nel corso della carriera. Si ottengono risultati via via sempre più validi perché si interpreta meglio la pista e perché si usano assetti sempre più validi. SBK 2011 è molto valido in questo aspetto perché esegue una mole di calcoli in relazione all'assetto e allo stato della pista, due elementi che incidono fortemente sulla guida vera e propria. Altro elemento che il giocatore non deve sottovalutare sono i limiti del mezzo: andare oltre spesso equivale a dire essere disarcionati dalla moto.

Si tratta di un modello di guida ibrido tra simulazione e arcade. Non c'è una periferica analogica realmente adatta a un gioco di modo puramente simulativo, e questo svantaggia sensibilmente i giochi che rientrano nella categoria. Milestone ha pensato e affinato un modello di guida, incentrato su derapate e controllo del peso del pilota, ottimizzato per il gamepad, del quale ne sfrutta tutti gli elementi di analogicità.

Non è un gioco, invece, per i fan della pura simulazione. Le impostazioni scarseggiano e il sistema fa tutto automaticamente. Si può ovviamente decidere se giocare con cambio automatico o manuale o se abilitare le indicazioni a schermo sull'intensità della frenata da tenere in prossimità della curva, ma non c'è, ad esempio, un'opzione specifica che consente di abilitare o meno il controllo di trazione o il bloccaggio dei freni.

Impostando il livello di simulazione a completo si ottiene un modello di guida più nervoso: è molto più facile cadere e si può perdere il controllo della moto se non si bilancia accuratamente l'accelerazione. Ma ci sono comunque tanti limiti, ad esempio non c'è la simulazione del beccheggio (ma ci sono freno anteriore e freno posteriore con risultati diversi a seconda di quello che si usa. La presenza del freno posteriore consente di bilanciare la forza frenante sulle due ruote), e soprattuto permane la sensazione che non ci sia molta differenza tra livello di simulazione medio e completo. Insomma, passando dall'uno all'altro si riesce a ottenere buone prestazioni anche senza tanta abnegazione. La presenza, comunque, di 4 livelli di abilità dei piloti gestiti dall'intelligenza artificiale consente di avere un livello di sfida adatto alla maggior parte dei giocatori.

Con SBK 2011 Milestone ha lavorato molto sull'aspetto grafico. I menu sono finalmente rifiniti e puliti, e la grafica in-game è buona. C'è un sufficiente dettaglio poligonale per gli elementi a bordo pista e per i piloti, che vantano nuove animazioni che rendono tutto molto più fluido e realistico, soprattutto in fase di ingresso in curva. Il dettaglio poligonale delle moto, invece, poteva essere in certi casi più sostenuto. Come nello scorso SBK, inoltre, i piloti e le moto si sporcano in caso di caduta. Se si cade troppo spesso le moto si rompono e diventano meno competitive sul piano delle prestazioni (ma questa caratteristica può essere disabilitata).

Ovviamente, SBK 2011 consente anche di giocare online in 16 contemporaneamente sia nella modalità gara semplice che in quella campionato. Uscirà il 29 aprile nei formati PC, PlayStation 3 e XBox 360.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Boscagoo20 Aprile 2011, 13:06 #1
Fantastico! Ogni anno migliora...non vedo l'ora di averlo tra le mie mani Quest'anno sembra anche più...divertente
paolo.guidx20 Aprile 2011, 15:47 #2
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Sogno o son desto? Una 996?

E al centro sullo sfondo una VTR1000 sp2.....

Ma ci sono anche modelli vecchi?
Boscagoo20 Aprile 2011, 16:47 #3
Originariamente inviato da: paolo.guidx
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Sogno o son desto? Una 996?

E al centro sullo sfondo una VTR1000 sp2.....

Ma ci sono anche modelli vecchi?


se hai letto l'articolo ti rispondi da solo
paolo.guidx20 Aprile 2011, 18:03 #4
"Riguardo ai contenuti ufficiali disponibili al lancio, SBK 2011 mette a disposizione l'intero pacchetto ufficiale che caratterizzerà l'attuale Stagione del Campionato Mondiale Superbike: le classi, i piloti e i circuiti della stagione 2011"

Originariamente inviato da: Boscagoo
se hai letto l'articolo ti rispondi da solo


Aiutami!
fulvo20 Aprile 2011, 19:09 #5
Ci sono poi i cosiddetti piloti della categoria Leggenda. Si possono, infatti, fare delle gare in cui si affrontano King Carl Fogarty o Troy Bayliss, ognuno con la moto che lo ha reso famoso e con il preciso stile di guida.


prego
paolo.guidx20 Aprile 2011, 21:21 #6
Originariamente inviato da: fulvo
prego


Ok, spiegami ora che ci fa una Yama R1 (sterilgarda, quindi 2010) in mezzo?

Chè è, trova l'intruso?

Con tutto il rispetto per Spies, li non c'azzecca nulla....

Se fanno delle gare miste è proprio l'apice dell'arcade.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^