XBox 360 negli ospedali per l'infanzia

XBox 360 negli ospedali per l'infanzia

Nuova iniziativa di Microsoft che intende mettere a disposizione le proprie console nelle aree di gioco degli ospedali per l'infanzia.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:38 nel canale Videogames
MicrosoftXbox
 
Microsoft ha raggiunto un accordo con l'organizzazione non profit Companions in Courage Foundation che prevede l'impegno da parte del colosso di Redmond nel fornire console XBox 360 agli ospedali per l'infanzia degli Stati Uniti. Le console saranno installate all'interno di appositi chioshi che verranno disposti nelle aree di gioco degli ospedali.

I primi ospedali che fanno parte del progetto sono il Morgan Stanley Children's Hospital di New York, il Children's Hospital & Regional Medical Center di Seattle e il Children's Hospital di Orange County, California. Ovviamente, non sarà possibile eseguire giochi violenti come Grand Theft Auto IV e Gears of War, ma solamente prodotti classificati come E e E10+ e film la cui visione è consentita ai minorenni.

I chioschi saranno dotati di connessione a internet e di telecamera Live Vision. I pazienti avranno, dunque, l'opportunità di giocare su XBox Live, ma potranno sfidare solamente gli altri pazienti degli ospedali che aderiscono all'iniziativa.

"L'obiettivo con questa iniziativa è di consentire ai pazienti di divertirsi come fanno gli altri bambini", ha dichiarato Robbie Bach, presidente della divisione Entertainment and Devices di Microsoft. "Divertimento, creatività e rapporti interpersonali possono essere fattori importanti per alleviare lo sconforto e l'isolazione a cui sono sottoposti questi bambini", aggiunge Pat LaFontaine, fondatore di Companions in Courage.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor28 Aprile 2008, 08:50 #1
bella iniziativa!

Ma bisognerebbe fare ancora di più per i bambini malati: entrare nel reparto pediatrico di un ospedale ti cambia "dentro"...
Zannawhite28 Aprile 2008, 09:03 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
bella iniziativa!

Ma bisognerebbe fare ancora di più per i bambini malati: entrare nel reparto pediatrico di un ospedale ti cambia "dentro"...
Per non spingersi poi nei reparti Oncologici....

Comunque spero che anche l'Italia insieme alle mille iniziative di molti volontari riesca a inserire uno spazio video aulico.
Wee-Max28 Aprile 2008, 09:03 #3
beh, con quello che si paga per l'ospedale in america se non si è assicurati l'xbox è il minimo!
gospel28 Aprile 2008, 09:14 #4
ma mica era uscita la notizia che negli ospedali italiani venivano installate le wii?
Paganetor28 Aprile 2008, 09:26 #5
Originariamente inviato da: gospel
ma mica era uscita la notizia che negli ospedali italiani venivano installate le wii?


dove, in ortopedia?

usi il wiimote e ti vola via un braccio?
FabioCC28 Aprile 2008, 09:38 #6
Dite che GTA IV è classificato E10+?
Lo dico perchè al giorno d'oggi i "bambini" già alle elementari sono mooolto informati in ambito videoludico.
gospel28 Aprile 2008, 09:41 #7
Originariamente inviato da: Paganetor
dove, in ortopedia?

usi il wiimote e ti vola via un braccio?


ehehehe..no no avevo ragione

http://www.wiitalia.it/2007/12/14/n...lati-di-milano/

sslazio28 Aprile 2008, 09:42 #8
vero gospel, ma non negli ospedali italiani in generale, soltanto ad uno di milano speciliazzato per bambini di cui non ricordo il nome, l'equivalente del nostro Bambin Gesù qui a Roma
Paganetor28 Aprile 2008, 09:46 #9
bene bene, sono tutte iniziative che aiutano i bambini a "vivere meglio" l'esperienza in ospedale
qaywsx28 Aprile 2008, 10:06 #10
Questa iniziativa mi fa schifo.
"L'obiettivo con questa iniziativa è di consentire ai pazienti di divertirsi come fanno gli altri bambini" .. sì sì certo perchè ormai i bambini si divertono solo con i videogiochi !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^