World of Speed: Project Cars verso l'arcade e il social

World of Speed: Project Cars verso l'arcade e il social

Slightly Mad Studios ha annunciato un nuovo gioco di guida free-to-play. La differenza rispetto a Project Cars? È rivolto a un pubblico mainstream.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:04 nel canale Videogames
 

Slightly Mad Studios è una software house spesso accostata al genere della simulazione di guida. Il perché è presto detto: è responsabile di Project Cars, uno dei titoli di guida più promettenti tra quelli in fase di sviluppo. Ma, per il gioco che ha appena annunciato, bisogna sicuramente dimenticarsi dell'esistenza del termine simulazione: World of Speed è infatti un racing game free-to-play rivolto a un pubblico mainstream.

World of Speed

Sms lo descrive infatti come un "team deathmatch con le auto", visto che il vincitore viene determinato sulla base della media tra la posizione finale, le sbandate realizzate durante la corsa e il livello di aggressività sugli avversari. Insomma, con Project Cars ha ben poco da spartire, anche perché sono stati rivisti il modello di funzionamento dei pneumatici e la fisica di gioco. Quello che rimarrà è l'ottima grafica di Project Cars.

"Project Cars è una vera simulazione di guida, ma è un gioco buono per una nicchia. Probabilmente le mamme giocano ad Angry Birds, non a Project Cars", sono le parole usate da Sms per promuovere il nuovo gioco, più chiare di mille altre descrizioni.

Con World of Speed si vuole creare un'esperienza di guida rivolta al maggior numero di persone possibile. Si promette anche un modello free-to-play non aggressivo come quello di altri giochi moderni. "Di solito questi giochi sono pensati per tirar fuori della tasche dei giocatori tutti i soldi che hanno. Noi non siamo così", dice Slightly Mad Studios.

Quindi, niente "pay-to-win", ma tanto "social". I giocatori possono creare gruppi e farne parte, mentre in una modalità di gioco dovranno presidiare alcune zone della mappa e cercare di impedire l'accesso agli altri giocatori ('Territory Wars'). Quando una squadra prenderà un territorio, i cartelloni pubblicitari presenti in quest'ultimo verranno riempiti con i colori di quella squadra. Una modalità, insomma, che miscela elementi da RTS al genere dei racing game.

Non mancheranno, inoltre, auto mutuate dalla realtà come la Pagani Huayra, la McLaren MP4-12c, la Mercedes SLS AMG e la Chevrolet Camaro. Già nel caso di Project Cars, Slightly Mad Studios ha riciclato molti asset dalla sua precedente serie di giochi, Need for Speed Shift, adattandoli ovviamente all'impostazione arcade. Che World of Speed sia una versione riveduta, corretta e adattata al free-to-play di Shift? Già dal nome parrebbe di si.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MCMXC10 Febbraio 2014, 17:00 #1
Ottimo: chi vuole una simulazione scegliera' Project Cars, mentre chi vuole divertirsi con un arcade scegliera' World of Speed. Cosi' tutti contenti!
Maxen10 Febbraio 2014, 17:51 #2

!

Comprerò di sicuro Project Cars e visto che è free to play, giocherò anche a questo free to play, ottima news!
kenshin8810 Febbraio 2014, 19:51 #3
world of speed dalle immagini sembra identico a project gotham racing per la xbox.tracciati simili.se ha lo stesso stile di gioco ci giocherò sicuramente.il primo pgr era veramente eccezionale e molto sottovalutato come gioco.Andando avanti con la carriera diventava sempre piu' difficile ed inoltre era bello dover non solo vincere la gara ma anche raggiungere un ottimo punteggio con combo di derapate e sorpassi aggressivi ma puliti.
Bestio10 Febbraio 2014, 22:29 #4
MAh, io preferirei che si sbrigassero a fare uscire P.Cars invece di sprecare tempo e risorse in queste cavolate...
tony8910 Febbraio 2014, 22:37 #5
io voglio underground 3

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^