Windows 8 catastrofe: dopo Valve, ci si mette anche Blizzard

Windows 8 catastrofe: dopo Valve, ci si mette anche Blizzard

Il vice presidente di Blizzard di schiera dalla parte di Gabe Newell, rimarcando gli elementi di criticità del nuovo sistema operativo Microsoft al debutto il 26 ottobre.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:48 nel canale Videogames
MicrosoftWindowsBlizzard
 

Rob Pardo, vice presidente esecutivo di Blizzard, ha quotato il commento di Gabe Newell a proposito di Windows 8 sul suo profilo Twitter, schierandosi dalla parte del CEO e fondatore di Valve. Pardo ha aggiunto: "Non è positivo neanche per Blizzard".

Gli sviluppatori storici su piattaforma PC si schierano dunque contro il nuovo sistema operativo di Microsoft, che debutterà in versione definitiva il prossimo 26 ottobre. Microsoft sembra voler avere più controllo sulle applicazioni che circolano sul suo nuovo sistema operativo e limitare la libertà dei produttori, specialmente di chi si occupa di videogiochi.

Le dichiarazioni che Gabe Newell ha rilasciato a VentureBeat hanno fatto il giro della rete. "Credo che Windows 8 sia una catastrofe pressoché per tutti nel mondo del PC", ha detto il direttore di Valve. "Penso che stiamo per perdere alcuni storici produttori di videogiochi per PC, che decideranno di uscire da questo mercato. La possibilità di marginare su questa piattaforma sta diventando sempre più esigua".

Sia Valve che Blizzard sembrano riferirsi principlamente al Windows Store integrato nel nuovo sistema operativo Microsoft, che restringerebbe ulteriormente le possibilità dei produttori di videogiochi di vendere il software direttamente. Microsoft prenderà il 30% sul valore di ogni transazione realizzata attraverso lo store.

Windows Store potrebbe rivelarsi un rivale diretto dei servizi di distribuzione digitale di Valve e Blizzard, ovvero Steam e Battle.net, risultando avvantaggiato dal fatto di essere integrato nel sistema operativo. Potrebbe riproporsi, quindi, anche per gli store digitali lo stesso problema che si è verificato con i web browser, quando Internet Explorer risultava favorito rispetto alle soluzioni di terze parti proprio grazie alla sua integrazione in Windows.

183 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TheZeb27 Luglio 2012, 16:54 #1
Basterebbe non rendere disponibili i prodotti valve e blizzard per windows store ma solo tramite steam e battle.net .... o no ?? certo che il 30%.... sti azzi !!
Varg8727 Luglio 2012, 17:02 #2
Originariamente inviato da: TheZeb
Basterebbe non rendere disponibili i prodotti valve e blizzard per windows store ma solo tramite steam e battle.net .... o no ?? certo che il 30%.... sti azzi !!


La stessa percentuale che si prende Steam.
heavese27 Luglio 2012, 17:03 #3
queste dichiarazioni mi fanno capire che hanno paura delle potenzialità che ha Windows 8 con l'uscita dello store!! Eppure mi aspettavo altre dichiarazioni, non penso che i si possano mettere a confronto con i giochini flash! La Blizzard deve pensare a far uscire titoloni e non avere paura del casual gamers!
MIK027 Luglio 2012, 17:04 #4
Da due storici limitatori di utilizzo come Valve e Blizzard, pare un po' ipocrita come commento. I due vincolano i clienti invece di fidelizzarli.

Posso essere d'accordo che la chiusura di Windows 8, lo store integrato e tutto il resto possano non essere il masismo, ma non sono certo loro a poter criticare. Piuttosto che diano l'esempio di apertura.
Valve ad esempio potrebbe smettere di richiedere il suo client per giocare, e dividerlo dallo store, soprattutto quando si tratta di giochi retail. Perché se c'è qualcuno che ha ammazzato la concorrenza con questi mezzi, quello è Steam. E non è di certo di molto più aiuto agli sviluppatori.
Kronoturbo27 Luglio 2012, 17:07 #5
se apple si fa pagare nel suo store va tutto bene, se lo fa microsoft son dei ladri e gridano allo scandalo.ma bafff

io invece non ci vedo un fattore negativo,anzi...specie per gli sviluppatori più piccoli,come me, che avrebbero le applicazioni con una bella visibilità senza investire in pubblicità ecc...le app con uno store ufficiali sono alla vista di tutti,e quindi secondo me hai una maggiore possibilità di successo.
Soulbringer27 Luglio 2012, 17:09 #6
Ma invece che sparare queste vaccate, che stessero zitti e pensassero a sistemare Diablo III che quella è la vera catastrofe!
acerbo27 Luglio 2012, 17:14 #7
Ma come, con Win8 puntavano tutto all'integrazione con l'ecosistema xbox e adesso le software house iniziano a parlarne male?
metalgrayfox27 Luglio 2012, 17:15 #8
Ma catastrofe lo sarà perchè con tutti questi "per sentito dire" non se lo filerà nessuno. IMHO è un buon sistema, metro purtroppo è un'arma a doppio taglio ma ci si abitua a tutto prima o poi.
gondsman27 Luglio 2012, 17:18 #9
@Varg87: Fonte? Valve non discute pubblicamente quanto prende per la distribuzione (e' chiaramente scritto sul loro sito) e contratta caso per caso con gli sviluppatori, cambiando la percentuale a seconda del prezzo del gioco e di altri fattori.
kisono27 Luglio 2012, 17:18 #10
@ Kronoturbo:
Il punto è che i pc apple non sono buoni per giocare (devi fare un porting a pc a mac)

Il fatto è che lo store di window permette di vendere sulle piattaforme pc-xbox-mobile e quindi andrebbe a dar molto fastidio a Valve che (sencondo forbes) fa più del 50% del fatturato tramite steam.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^