Vivendi: introiti record e cambio di nome

Vivendi: introiti record e cambio di nome

Vivendi annuncia un cambio di nome e quantifica gli incassi record riportati soprattutto grazie a World of Warcraft.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:55 nel canale Videogames
World of Warcraft
 

Vivendi ha pubblicato la situazione finanziaria dell'azienda in relazione ai primi mesi del 2006. Si è registrato un incremento del 18,6%, dovuto, in larghissima parte, all'apporto dato dall'inarrestabile successo di World of Warcraft.

Un importante sostegno è stato dato anche da giochi come Ice Age 2, 50 Cent: Bulletproof e Crash Tag Team Racing. Vivendi ha anche annunciato un cambiamento di nome della stessa azienda, la quale perde così la dicitura Universal. In questa pagina vedete il nuovo logo della società francese.

Vivendi

Secondo Vivendi il nuovo logo riflette le ambizioni e la forza della società. Una forza basata sulla creatività, sull'innovazione e sul dinamismo. Conseguentemente cambia anche il nome della sezione videoludica, adesso definita Vivendi Games.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick24 Aprile 2006, 16:17 #1
AHAH GODO

E quei pirla che tempo fa volevano anche chiudere/vendere/smembrare la Blizzard...

Tie'!
DevilsAdvocate24 Aprile 2006, 17:00 #2
"il nuovo logo riflette le ambizioni e la forza della società. Una forza basata sulla creatività, sull'innovazione e sul dinamismo"

Una forza basata dall'avere Blizzard nella propria scuderia, piu' che altro
Redvex24 Aprile 2006, 17:15 #3
Chi è che la voleva chiudere? O_o
Rubberick24 Aprile 2006, 18:13 #4
Chi è che la voleva chiudere? O_o

Ai tempi di diablo 2 c'e' stato un momento in cui la vivendi non credeva tanto nella blizzard, la considerava un'azienda poco produttiva con tempi troppo biblici per essere concorrenziale... quelli ci mettevano tempo perche' ogni game sfornato era ed e' un capolavoro...

dopo Warcraft 3 si sono un po' rivisti i fattarelli loro e si son resi conto che stavano facendo una cagata...
Braccop24 Aprile 2006, 20:07 #5
con gli introiti di wow presto la blizzard mi sa che non avra' piu' bisogno di vivendi
Nippolandia24 Aprile 2006, 20:31 #6

x braccop

Mica possono decidere loro se dipendere oh meno da vivendi,se al capoccia di vivendi gli girano gli camia pure il nome a loro.
jpjcssource24 Aprile 2006, 21:53 #7
Originariamente inviato da: Braccop
con gli introiti di wow presto la blizzard mi sa che non avra' piu' bisogno di vivendi


Alla Blizzard non basterebbero nemmeno 10 anni di WoW per raggiugere le dimensioni di vivendi - universal non esageriamo.
Inoltre se le cose fra uno sviluppatore ed un editore funzionano bene ed entrambi ci guadagnano non vedo perchè dovrebbero divorziare
JohnPetrucci25 Aprile 2006, 01:57 #8
Originariamente inviato da: Rubberick
Ai tempi di diablo 2 c'e' stato un momento in cui la vivendi non credeva tanto nella blizzard, la considerava un'azienda poco produttiva con tempi troppo biblici per essere concorrenziale... quelli ci mettevano tempo perche' ogni game sfornato era ed e' un capolavoro...

dopo Warcraft 3 si sono un po' rivisti i fattarelli loro e si son resi conto che stavano facendo una cagata...

Quoto.
mjordan27 Aprile 2006, 12:39 #9
Originariamente inviato da: jpjcssource
Alla Blizzard non basterebbero nemmeno 10 anni di WoW per raggiugere le dimensioni di vivendi - universal non esageriamo.
Inoltre se le cose fra uno sviluppatore ed un editore funzionano bene ed entrambi ci guadagnano non vedo perchè dovrebbero divorziare


Le dimensioni di Vivendi con la Blizzard non c'entrano niente. Si parla della possibilità o meno di Blizzard di prodursi i giochi da sola, come fanno altre case abbastanza blasonate.
IL PAPA27 Aprile 2006, 13:36 #10
Blizzard pur essendo un colosso non ha le capacità economiche di supportare e mantenere un MMORPG da sola
Sony si, ma Sony è a livello di Vivendi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^