Vigil Games era al lavoro su un nuovo progetto

Vigil Games era al lavoro su un nuovo progetto

Durante l'asta che si è tenuta in settimana, successiva al fallimento del publisher, nessuna delle controparti presenti ha avanzato offerte per l'acquisizione dello sviluppatore di Darksiders.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 14:31 nel canale Videogames
 

Jason Rubin, presidente di THQ, ha dichiarato che è singolare il fatto che Vigil Games - team di sviluppo responsabile del franchise di Darksiders - non sia ancora stata acquisita da nessuna azienda. Durante l'asta che si è tenuta in settimana, successiva al fallimento del publisher, nessuna delle controparti presenti ha avanzato offerte per l'acquisizione, nonostante l'azienda stanziata a Austin goda di buona considerazione nel settore.

Altre software house si sono già accasate presso alcuni dei principali protagonisti dell'industria, tra cui Crytek, Sega, Ubisoft e Koch Media. Peraltro lo studio, fondato nel 2005 da Joe Madureira e David Adams, era attualmente al lavoro su un nuovo progetto non ancora annunciato, a detta dello stesso Rubin particolarmente promettente.

"Quando i team si sono recentemente riuniti per mostrare i rispettivi titoli, Crawler ha raccolto i maggiori consensi", ha spiegato nel corso di un'intervista rilasciata a Game Informer.

"E' un'idea fantastica e davvero unica. Il fatto che nessuno abbia avanzato offerte per il team e il titolo è grottesco. Per quanto mi riguarda non ha alcun senso. Se non fossi stato impossibilitato dall'avanzare offerte in quanto membro interno, sarei stato là, pronto con il libretto degli assegni. Sono sicuro che sia una magra consolazione per il team, ma è la verità".

Secondo Rubin il fatto che Vigil fosse impegnata su una nuova IP non ha contribuito ad invogliare le aziende presenti all'asta.

"Avendo appena concluso i lavori su un prodotto, Vigil non era in procinto di pubblicare il suo prossimo titolo, e non siamo stati capaci di catalizzare l'interesse dei compratori, nonostante i nostri forzi estremi. Inoltre, erano impegnati su una nuova IP, il che significa ulteriori rischi a carico degli acquirenti".

Nelle scorse ore Atsushi Inaba, leader di Platinum Games, ha espresso interesse nei confronti dello studio, dopo essere venuto a conoscenza della mancanza di offerte da parte di altre personalità del settore.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^