Vampyr: Dontnod Entertainment non ha in programma dei DLC

Vampyr: Dontnod Entertainment non ha in programma dei DLC

Per risultare profittevole Vampyr dovrà vendere almeno 500.000 copie. Se il responso del pubblico sarà positivo inizieranno immediatamente i lavori sul sequel

di Davide Spotti pubblicata il , alle 15:41 nel canale Videogames
 

La strategia di rilasciare contenuti aggiuntivi dopo il lancio di un videogioco è ormai diventata la norma, ma esiste ancora qualche eccezione. Una di queste è Vampyr, il promettente action RPG su cui è da tempo al lavoro Dontnod Entertainment, lo studio di Life is Strange e Remember Me. Come confermato da Cedric Lagarrigue, presidente del publisher Focus Home Interactive, il team ha deciso che terminerà i lavori sul gioco e se il responso del pubblico dovesse rivelarsi soddisfacente inizieranno immediatamente la creazione di un sequel.

“Questa è un’esperienza completamente in singolo; non abbiamo pianificato dei DLC”, spiega Lagarrigue a MCVUK. “Se la risposta nei confronti del gioco lo giustificherà, preferiremmo pensare a un sequel. Noi e Dontnod abbiamo già alcune idee, visto che ci sono così tante cose incredibili da proporre in un universo come questo”.

In termini di budget, Vampyr si colloca a metà strada tra le produzioni tripla A e i progetti indipendenti, ma Lagarrigue assicura che “l’universo, il tema e la qualità del gioco gli permette di esistere nei negozi a fianco dei blockbuster”.

Nome immagine

Il fatto che il PC sia ormai focalizzato poco sul retail, grazie a Steam e alle altre piattaforme digitali, viene considerato un fattore importante per consentire a giochi dal budget intermedio di avere successo. “Gli utenti desiderano nuove esperienze, originalità e una direzione meno generica”, prosegue Lagarrigue. “C’è spazio per i blockbuster, ma ai giocatori piacciono le esperienze fuori dall'ordinario”.

Avere a disposizione budget più limitati, per creare esperienze uniche nel loro genere, permette alle produzioni di raggiungere il successo anche senza arrivare a numeri stratosferici; è stato citato in particolare il caso di Dead Space 2, che alla sua uscita vendette molte copie ma non riuscì comunque a coprire gli ingenti costi di sviluppo. Lagarrigue ha specificato che Vampyr dovrà vendere almeno 500.000 copie per diventare profittevole, e verrà considerato un successo qualora dovesse raggiungere un milione di unità.

Il lancio di Vampyr è previsto per la primavera del 2018 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ethan8614 Novembre 2017, 13:54 #1
battleground? buget limitatissimo ed enorme successo.
nickname8814 Novembre 2017, 13:58 #2
Originariamente inviato da: ethan86
battleground? buget limitatissimo ed enorme successo.

Enorme successo più per via della tipologia di gioco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^