UE: agevolazioni fiscali per chi produce videogiochi

UE: agevolazioni fiscali per chi produce videogiochi

La Commissione Europea ha approvato una richiesta del governo francese che prevede l'applicazione di agevolazioni fiscali per chi produce videogiochi.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:54 nel canale Videogames
 
Videogiochi come il cinema, perlomeno dal punto di vista fiscale. È la richiesta del governo francese alla Commissione Europea, adesso accolta. Chi produce videogiochi in Europa riceverà agevolazioni fino al 20% del totale dei costi di produzione. Bisogna, comunque, che i prodotti aderiscano a determinati criteri. Metà dei giochi prodotti nel 2007 li rispettano.

I criteri non sono ancora noti, ma nella richiesta della Francia figuravano garanzie per ciò che concerne l'originalità, la qualità e la promozione della diversità culturare dell'Europa rispetto agli altri continenti. Una manovra del genere si è rivelata necessaria alla luce di iniziative analoghe adottate da altre nazioni come il Canada.

Neelie Kroes, Commissario europeo responsabile della Concorrenza, sostiene: "Dobbiamo innanzitutto assicurarci che questa misura promuova solamente i progetti genuinamente culturali e che non abbia gli effetti di una politica di controllo sull'industria".

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
K7-50013 Dicembre 2007, 08:57 #1
Allora giochi violenti niente?
In fondo le bombe a mano fanno saltare tutti, senza discriminazioni...

Vediamo quale sarà il testo finale, come si sa poi rivedono smepre qualcosa di grosso.
Aragorn7713 Dicembre 2007, 08:59 #2

Era Ora!!!

L'unica cosa che mi preoccupa come già fatto presente:

"Dobbiamo innanzitutto assicurarci che questa misura promuova solamente i progetti genuinamente culturali e che non abbia gli effetti di una politica di controllo sull'industria"
monsterman13 Dicembre 2007, 09:00 #3
x me li daranno agli sviluppatori di giochini per bambini con meno di 10 anni tipo winx o teletubbies alla scoperta del mondo (la parte felice di esso ovviamente)
TheMatrix8313 Dicembre 2007, 09:08 #4
Cmq sia anche se ci sono delle agevolazioni fiscali in merito qua in Italia non riusciranno mai a mettere in piedi una casa che produce o sviluppa videogiochi
SuperSandro13 Dicembre 2007, 09:09 #5
... garanzie per ciò che concerne l'originalità, la qualità e la promozione della diversità culturare dell'Europa rispetto agli altri continenti ...

Marzianetti che scendono dalle astronavi e fanno piazza pulita di tutti i terrestri che non possano dimostrare - passaporto alla mano - di essere cittadini europei.
dsajbASSAEdsjfnsdlffd13 Dicembre 2007, 09:38 #6
sta volta devo proprio dire bravi ai francesi.
in italia fare videogiochi è considerato una cazzata, una perdita di tempo, le aziende che ci provano fanno una fatica del diavolo e cmq son tenute in scarsissima considerazione.

siamo in un paese proiettato nel passato
spad8513 Dicembre 2007, 09:45 #7
Originariamente inviato da: TheMatrix83
Cmq sia anche se ci sono delle agevolazioni fiscali in merito qua in Italia non riusciranno mai a mettere in piedi una casa che produce o sviluppa videogiochi


Sbagliato! --> Milestone
Freisar13 Dicembre 2007, 09:51 #8
Ah eh beh capirai.....chissà che aiuti....giochi che comprano 4 gatti e che continueranno a comprare 4 gatti.....magari 5 dai.



TheMatrix8313 Dicembre 2007, 09:56 #9
Originariamente inviato da: Freisar
Ah eh beh capirai.....chissà che aiuti....giochi che comprano 4 gatti e che continueranno a comprare 4 gatti.....magari 5 dai.





Quoto...e poi c'è ne una contro le centinaia all'estero ...non riusciremo mai a mettere in piedi qualcosa di serio che prduca prodotti di un certo livello..non perchè non ne abbiamo la possibilità, perche abbiamo delle grandi menti in italia..ma purtroppo volano tutte all'estero
dawid99913 Dicembre 2007, 09:58 #10
la notizia non è proprio esatta,queste agevolazioni riguardano soltanto la Francia e non l'italia o il resto dell'europa

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^