Ubisoft: in futuro non ci saranno più di 10 titoli tripla-A all'anno

Ubisoft: in futuro non ci saranno più di 10 titoli tripla-A all'anno

La sviluppatrice leader di Ubisoft Toronto predica cautela in vista dei cambiamenti che stanno investendo il mercato.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 09:26 nel canale Videogames
Ubisoft
 

Jade Raymond, leader di Ubisoft Toronto, ritiene che i recenti cambiamenti avvenuti nell’industria videoludica creeranno difficoltà a mettere sul mercato più di dieci titoli tripla-A all’anno. L’apertura di una fase di transizione si dimostrerà particolarmente redditizia soprattutto per il mercato dei prodotti free-to-play.

Jade Raymond

“C’è ancora spazio per grandi giochi tripla-A che, nonostante il budget, possano conservare il classico modello che prevede l'acquisto di un prodotto tutto con un'unica spesa”, ha spiegato la Raymond durante un’intervista al quotidiano The Guardian.

“Diciamo che c’è spazio per dieci titoli di successo all’anno, per quanto riguarda questo genere di budget. Bisogna andare all-in in questi casi, essere sicuri di avere per le mani un successo e quando lo si realizza bisogna assicurarsi di investire tutto il possibile per fare in modo che sia fantastico”.

Il mercato sta già muovendo verso nuove direzioni e si registra un incremento dei prodotti che sfruttano la formula free-to-play. Una soluzione che secondo la Raymond dev’essere ulteriormente studiata per poter diventare un modello appetibile anche al mercato console: “dobbiamo trovare un modo per far funzionare questo genere di cose anche con i giochi destinati alle console”.

Peraltro la line-up di Ubisoft per il 2013 è particolarmente ricca, sono infatti già confermati per quest’anno Splinter Cell: Blacklist, Assassin’s Creed 4: Black Flag, Watch Dogs e Rayman Legends.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phoenix Fire27 Marzo 2013, 10:51 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.gamemag.it/news/ubisoft-...anno_46405.html

La sviluppatrice leader di Ubisoft Toronto predica cautela in vista dei cambiamenti che stanno investendo il mercato.

Click sul link per visualizzare la notizia.


secondo me 10 titoli tripla A sono pure troppi per essere tutti e 10 veramente validi e non delle semlici versioni n+1

Vedi i CD Project che non fanno un TW al mese per esempio e fino a adesso hanno fatto 2 capolavori con anche un enorme lavoro post uscita (enanced edition gratuita per tutti)
-Maxx-27 Marzo 2013, 11:07 #2
Secondo me, in un futuro non troppo lontano, non ci sarà più spazio per i titoli a budget faraonico: non perché i free to play potrebbero essere un grande successo ma perché il tripla A è un approccio realizzativo veramente ignorante, nel senso che viene ignorato il fatto che investire molto poco per una componente ludica sempre più standard e scarna ( cit. "essere sicuri di avere per le mani un successo" ) e fare promozione e pubblicità a tappeto porta inevitabilmente allo stremo sviluppatori e giocatori.

L'isteria che traspare in alcuni contesti come sparate della stessa Ubisoft nei confronti dei PC gamers ( cit. "il 95% dei giocatori PC sono pirati" ) oppure il malcontento sempre più evidente nelle community di videogiocatori per i giochi di elevata copertura mediatica non fa nient'altro che avvalorare la tesi di quanto questo modus operandi sia sempre più ridicolo perché stanno compromettendo loro stessi il futuro del videoludo (e del loro business).

La chiusura di THQ dovrebbe far riflettere tutti i big del settore perché, cattivo investimento a parte, il suddetto publisher contava di vivere su livelli di vendite che esistevano solo sulla carta; e se ci sarà "difficoltà a mettere sul mercato più di dieci titoli tripla-A all’anno" (cit.) è solo la diretta conseguenza del considerare il tutto come un affare economico astratto.

Il videogioco è un media interattivo e, in quanto tale, è molto più personale di qualsiasi altro media contemplativo come musica e film perché va vissuto e non solo "osservato". Di conseguenza, il mio consiglio è di puntare all'opposto di ciò che stanno facendo ora, ossia differenziare: numerosi progetti di investimento medio-piccoli dedicati per ogni categoria di giocatori, così si riducono i rischi di fallimento nel caso uno o due siano dei flop e si snellisce il ciclo di produzione con studi di sviluppo piccoli, efficienti e soprattutto creativi; ed ho fiducia in quello che sostengo visto che esistono numerosi titoli indie di pregio realizzati da poche persone e con mezzi molto limitati che potrebbero solo beneficiare della presenza di un publisher che decide di intraprendere un cammino simile anche se non privo di rischi.

Riassumendo: meno marketing e più divertimento videoludico, grazie.
Malek8627 Marzo 2013, 11:23 #3
Una diminuzione del numero totale di giochi ad alto budget (o almeno una diminuzione del budget di tali giochi) è auspicabile. Bisogna solo capire quali.

Ad esempio, pensando ad Ubisoft, possiamo supporre che Assassin's Creed 4 recupererà il suo budget, ma ho i miei dubbi che il nuovo Splinter Cell venderà molto, quindi spero per loro che non ci stiano spendendo più del dovuto.
Nazgul198727 Marzo 2013, 11:31 #4
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
La sviluppatrice leader di Ubisoft Toronto predica cautela in vista dei cambiamenti che stanno investendo il mercato.


Fermi fermi fermi fermi..... ma mi state dicendo che quella nella foto è "La sviluppatrice leader di Ubisoft Toronto" no perchè sto facendo i biglietti per il canada! Ma questa è da sposare!
Malek8627 Marzo 2013, 11:40 #5
Originariamente inviato da: Nazgul1987
Fermi fermi fermi fermi..... ma mi state dicendo che quella nella foto è "La sviluppatrice leader di Ubisoft Toronto" no perchè sto facendo i biglietti per il canada! Ma questa è da sposare!


E' quella che ha creato Assassin's Creed
lucabeavis6927 Marzo 2013, 11:45 #6
Sì, a chi gliene frega dei titoli tripla A dopo aver visto quella foto?? Semmai viene in mente una tripla X
cronos199027 Marzo 2013, 12:00 #7
Allora c'è qualcosa di buono in Ubisoft

10 titoli Tripla AAA all'anno? La tipa sarà pure interessante sotto certi punti di vista ma si fa anche di sostanze allucinogene
Lo sviluppo di un titolo del genere richiede mediamente 2 anni, quando di più, quando di meno (in questo caso si parla spesso di seguiti di cui si ha già una base di partenza); e richiedono budget decisamente elevati (oramai sforiamo anche i 100 milioni senza battere ciglio).

Da quando le SH fanno 10 Tripla AAA l'anno? Anzi, a leggere l'intervista, pare che si sia costretti a "limitarsi" a 10 (come a dire: un tempo ne facevamo 15/20).

Solo considerando la Ubisoft, che è una di quelle che sforna più titoli, l'anno scorso a memoria ricordo: Assassin's Creed 3, Far Cry 3, Just Dance 3 (facciamo finta che è un Tripla AAA ); altri titoli non li nomino, non credo si possano considerare Tripla AAA.
Vediamo poi le uscite Tripla AAA quest'anno: Call of Juarez, Assassin's Creed 4, Watch Dogs, Just Dance 4 (si, fa simpatia ), Splinter Cell.

Già solo quest'anno (2013) sono previsti almeno 4/5 AAA per Ubisoft, che tra l'altro può contare su numerosissimi studios e grandi risorse, ed a me paiono tanti per una SH; tant'è che una delle principali critiche che faccio alla Ubisoft è quella di star dietro a troppi titoli. Toh, mettiamoci anche Rayman Legends per Wii U, tanto per abbondare.
Questo al netto dei vari titoli minori, dei FTP e via dicendo.

10 AAA l'anno? Che è, l'albero della cuccagna?
-Maxx-27 Marzo 2013, 12:12 #8
Originariamente inviato da: cronos1990
Allora c'è qualcosa di buono in Ubisoft

10 titoli Tripla AAA all'anno? La tipa sarà pure interessante sotto certi punti di vista ma si fa anche di sostanze allucinogene
Lo sviluppo di un titolo del genere richiede mediamente 2 anni, quando di più, quando di meno (in questo caso si parla spesso di seguiti di cui si ha già una base di partenza); e richiedono budget decisamente elevati (oramai sforiamo anche i 100 milioni senza battere ciglio).

Da quando le SH fanno 10 Tripla AAA l'anno? Anzi, a leggere l'intervista, pare che si sia costretti a "limitarsi" a 10 (come a dire: un tempo ne facevamo 15/20).

Solo considerando la Ubisoft, che è una di quelle che sforna più titoli, l'anno scorso a memoria ricordo: Assassin's Creed 3, Far Cry 3, Just Dance 3 (facciamo finta che è un Tripla AAA ); altri titoli non li nomino, non credo si possano considerare Tripla AAA.
Vediamo poi le uscite Tripla AAA quest'anno: Call of Juarez, Assassin's Creed 4, Watch Dogs, Just Dance 4 (si, fa simpatia ), Splinter Cell.

Già solo quest'anno (2013) sono previsti almeno 4/5 AAA per Ubisoft, che tra l'altro può contare su numerosissimi studios e grandi risorse, ed a me paiono tanti per una SH; tant'è che una delle principali critiche che faccio alla Ubisoft è quella di star dietro a troppi titoli. Toh, mettiamoci anche Rayman Legends per Wii U, tanto per abbondare.
Questo al netto dei vari titoli minori, dei FTP e via dicendo.

10 AAA l'anno? Che è, l'albero della cuccagna?


Il numero è riferito all'intera industria videoludica su scala annuale
cronos199027 Marzo 2013, 12:14 #9
Originariamente inviato da: -Maxx-
Il numero è riferito all'intera industria videoludica su scala annuale
Ah ecco, già ha più senso

Comunque, per curiosità, sono andato sul sito ufficiale della tipa. A caratteri cubitali in testa:
This website is dedicated to the splendid Jane Reymond and her fans
Modesta

[ EDIT ]
Che cavolo, non è il sito ufficiale: il tizio ha scritto "Ufficial not ufficial"... dannato oggi non ne azzecco una
Darkon27 Marzo 2013, 12:23 #10
10 titoli AAA!? Ah sì!?

Diamine mi devo esser perso qualcosa dato che di titoli che valuterei da 6,5 ce ne saranno stati 3 in tutto il 2012 considerando tutti i produttori.

E sono stato buono eh... La verità è che molti AAA sono in realtà spazzatura punto e basta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^