Ubisoft, controversia nei confronti di EA per il marchio Ghost Recon

Ubisoft, controversia nei confronti di EA per il marchio Ghost Recon

Il reclamo è stato indirizzato allo United States Patent and Trademark Office, l'ente amministrativo statunitense preposto alla registrazione di brevetti e marchi di fabbrica.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 07:01 nel canale Videogames
Ubisoft
 

Ubisoft ha deciso di avviare una controversia nei confronti di Electronic Arts per l’utilizzo del marchio Ghost. La conferma è giunta da parte dello United States Patent and Trademark Office, ente amministrativo statunitense preposto alla registrazione di brevetti e marchi di fabbrica. Secondo quanto emerge dal documento il publisher francese è intervenuto per bloccare le richieste di EA in data 29 gennaio, specificando di essere in possesso del marchio “Ghost Recon” e che per questo motivo la domanda effettuata dalla compagnia rivale non può essere convalidata.

Nome immagine

Electronic Arts aveva inviato due differenti richieste per il marchio Ghost il 18 marzo 2015, come viene specificato nella documentazione di Ubisoft. Nei mesi di settembre e novembre erano già state avanzate richieste di opposizione e nella seconda occasione la USPTO aveva dato tempo fino alla fine di gennaio 2016 per riservarsi di agire nei confronti della richiesta effettuata da parte di EA.

Ovviamente una delle principali argomentazioni riguarda il fatto che entrambe le compagnie si occupino di software destinato all’intrattenimento, categorie che vengono definite “identiche e altamente correlate ai servizi offerti da Ubisoft in relazione al marchio Ghost Recon”.

Non è stato chiarito quale sia l’intento di EA nell’utilizzo del marchio, mentre Ubisoft è attualmente al lavoro su Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands, annunciato per la prima volta durante l’E3 2015. Electronic Arts avrà tempo fino al 9 marzo per rispondere formalmente a Ubisoft, se non lo farà il caso verrà trasferito ad una corte di giustizia di livello superiore.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^