Tribunale respinge causa contro Battlefield 4

Tribunale respinge causa contro Battlefield 4

Electronic Arts era stata accusata di aver rilasciato prima del lancio dichiarazioni ingannevoli sullo stato di sviluppo di Battlefield 4.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:31 nel canale Videogames
Electronic ArtsBattlefield
 

Un giudice federale ha respinto la causa contro Electronic Arts riguardante le promesse sullo stato di sviluppo di Battlefield 4 sulla base del disastroso stato del gioco al momento del lancio. Stando a quanto riferisce Ars Technica, il giudice distrettuale Susan Illston della Corte di San Francisco avrebbe considerato le dichiarazioni dei dirigenti EA a proposito di Battlefield 4 come "espressioni di circostanza di ottimismo aziendale su cui nessun investitore ragionevole farebbe affidamento".

Battlefield 4

La causa è partita da alcune dichiarazioni dei dirigenti EA, tra cui il CEO Andrew Wilson. Come abbiamo visto in passato, non è l'unica causa contro EA e DICE inerente lo stato di Battlefield 4 al lancio, visto che il gioco era affetto da problemi di lag, glitch e altri difetti tecnici.

"EA ha minimizzato i problemi tecnici che riguardavano il gioco nella fase di promozione del gioco stesso", sosteneva l'accusa, ma secondo il giudice "i presunti errori corrispondono a dichiarazioni inattaccabili sul piano legale".

La stessa DICE ha recentemente ammesso che il lancio di Battlefield 4 ha portato molti fan a disamorarsi della serie. Ha però promesso che non ci saranno problematiche simili per il lancio del prossimo capitolo Battlefield Hardline, previsto nel 2015.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PaulGuru23 Ottobre 2014, 12:08 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.gamemag.it/news/tribunal...ld-4_54593.html

Electronic Arts era stata accusata di aver rilasciato prima del lancio dichiarazioni ingannevoli sullo stato di sviluppo di Battlefield 4.

Click sul link per visualizzare la notizia.


Bravi complimenti, respingiamo le giuste accuse così potranno continuare a fare quello che vogliono !

Vedi Ubizoz e Rockstar Games che fanno letteralmente quello che vogliono e tirano fuori titoli totalmente privi di ottimizzazione.
zerominus23 Ottobre 2014, 12:14 #2
La stessa DICE ... ha però promesso che non ci saranno problematiche simili per il lancio del prossimo capitolo Battlefield Hardline ... "espressione di circostanza di ottimismo aziendale su cui nessun investitore (quindi giocatore) ragionevole farebbe affidamento."
rokis23 Ottobre 2014, 12:36 #3
Ma infatti non basterebbe aspettare un aio di recensioni prima di acquistare un gioco?
Così si riscontrerebbero quasi tutti i problemi o no?
alex923 Ottobre 2014, 13:18 #4
Se ricordo bene la causa è stata intentata dagli azionisti, non dai giocatori. E gli azionisti non potevano fare affidamento sulle recensioni visto che il loro investimento lo avevano già fatto.
PaulGuru23 Ottobre 2014, 13:24 #5
Originariamente inviato da: rokis
Ma infatti non basterebbe aspettare un aio di recensioni prima di acquistare un gioco?
Così si riscontrerebbero quasi tutti i problemi o no?

Gli investimenti si fanno prima, non dopo.
Sennò non si chiamerebbero investimenti.
Barone Nero23 Ottobre 2014, 13:42 #6
La stessa DICE [...] ha però promesso che non ci saranno problematiche simili per il lancio del prossimo capitolo Battlefield Hardline, previsto nel 2015.


Come fa la DICE a promettere una cosa del genere se non sono loro a sviluppare il gioco, ma la Visceral?
PaulGuru23 Ottobre 2014, 14:31 #7
DICE promette ?

Ma scusate ma Hardline non è sviluppato da Visceral Games ?

Prima dichiarazione ed han già fatto la gaffe ?
moicano6824 Ottobre 2014, 14:42 #8
ahhhh che bella la "democrazia" USA!!! il sogno Ammerigano! schifato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^