The Division, dopo la beta i cheater avranno vita dura

The Division, dopo la beta i cheater avranno vita dura

Ubisoft ammette che soprattutto su PC ci sono stati problemi di cheating nella beta chiusa di The Division appena conclusa.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 18:01 nel canale Videogames
Ubisoft
 

La beta di The Division è servita a Ubisoft e a Massive innanzitutto per testare l'infrastruttura di rete, ma può rivelarsi particolarmente utile anche nell'ottica di affrontare il problema del cheating, che affligge purtroppo buona parte dei titoli multiplayer.

The Division

La versione beta del nuovo MMO di Ubisoft presentava alcuni glitch che sono stati sfruttati da malintenzionati che sono stati in grado di imbrogliare e ottenere vantaggi competitivi soprattutto nella parte PvP della beta. Lo ha ammesso la stessa Ubisoft, tramite un suo community manager, sul forum ufficiale del gioco.

Tramite exploit, alcuni giocatori PC sono stati in grado di moltiplicare i proiettili a disposizione e di ottenere maggiori probabilità di assestare colpi critici. Si poteva anche diventare invincibili e invisibili, con i problemi che riguardano anche le versioni console, pur presentandosi in questi casi in un numero inferiore di circostanze.

"Il team è al lavoro a tempo pieno per risolvere questi problemi e introdurremo un nuovo sistema che consentirà di avere una migliore esperienza di gioco già a partire dall'8 marzo, giorno in cui il gioco verrà rilasciato", ha scritto il community manager.

Potrebbe riferirsi a un sistema di anti-cheating esterno come Valve Anti-Cheat di Steam oppure a uno strumento interno che possa consentire ai giocatori di riportare chi imbroglia.

La closed beta di The Division ha comunque riscosso un innegabile successo sia come numeri che come livello di apprezzamento da parte dei giocatori, al punto che adesso si parla di una possibile open beta. In molti hanno registrato il proprio giocato e pubblicato queste creazioni su YouTube. Di seguito trovate un esempio con cui si intende rimarcare l'alternanza del giorno con la notte e il sistema di gestione delle condizioni meteo del motore Snowdrop. Le nostre impressioni sulla beta, invece, si trovano a questo indirizzo.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala04 Febbraio 2016, 09:07 #1
Sappiamo tutti come i sistemi di report interni funzionano, praticamente la passeranno liscia ...
idkfa28 Marzo 2016, 12:19 #2
Infatti ancora si incontrano.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^