SwapMob, una piattaforma per le aste di oggetti virtuali

SwapMob, una piattaforma per le aste di oggetti virtuali

SwapMob è una piattaforma che permette di comprare gli oggetti virtuali, indipendente dal gioco e dal sistema operativo su cui gira.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale Videogames
 

SwapMob, una rete sociale di trading per i giochi free-to-play, ha ricevuto un finziamento da un milione di dollari. Si tratta di una piattaforma che consente di vendere e comprare gli oggetti virtuali da usarsi all'interno dei videogiochi, e ciò a prescindere dal gioco e dal sistema operativo.

SwapMob

La società con sede ad Ann Arbor, nel Michigan, ha ricevuto un round di finanziamento da una cordata guidata da Bernie Stolar, un veterano con 30 anni di esperienza nell'industria che, dopo l'azione di finanziamento, diventerà presidente del gruppo.

SwapMob offre agli sviluppatori una tecnologia che consente loro di integrare la piattaforma per le aste degli oggetti virtuali direttamente all'interno dei loro giochi. Questo vale per i giochi multiplayer online, per i giochi che risiedono sui social network e per le app mobile.

"SwapMob elimina i confini tra i tuoi giochi preferiti con la creazione di una piattaforma per il commercio degli oggetti virtuali gratuita a cui si può accedere a prescindere dal social game che si sta giocando", ha detto Mark Sendo, chief executive officer e fondatore di SwapMob, a GamesBeat. "SwapMob aprirà un nuovo mondo di possibilità sia per gli sviluppatori che per i giocatori, in cui è possibile vendere un oggetto di un gioco e investire il ricavato su un altro gioco, con la conversione automatica nella valuta in-game dei vari giochi".

Per gli sviluppatori che aderiscono all'iniziativa, SwapMob inserisce una nuova tab marketplace all'interno dei giochi. La piattaforma, all'interno del software, poi permette di filtrare le offerte in base al valore e all'utente. Come succede su eBay, il venditore riceve una notifica quando qualcuno fa un'offerta per un oggetto o lo acquista a titolo definitivo. I venditori possono, poi, decidere se l'asta deve durare solo qualche ora o giorni.

La piattaforma per le aste degli oggetti virtuali è già attiva nei seguenti giochi: Drive or Die 3 per Android, Game Ventures per Facebook e Cristiano Ronaldo Footy per Facebook. Stolar, che in passato è stato direttore delle divisioni gaming americane di Sony e Sega, ha recentemente avuto un ruolo dirigenziale in Kizzang.

"SwapMob è il futuro del trading degli oggetti virtuali", aggiunge. "La piattaforma è pensata per aumentare il numero di giocatori che spendono soldi nei titoli free to play e la quantità dei soldi spesi. Inoltre, indirizza i giocatori verso dei titoli che non conoscono. Semplicemente, SwapMob è la prima piattaforma di trading sociale cross-platform al mondo".

"Abbiamo già dimostrato che funziona", ha aggiunto Sendo. "In tre settimane abbiamo riscontrato un incremento di 20 mila transazioni nel solo Game Ventures, e stiamo crescendo ulteriormente. Diventerà un gioco nel gioco".

Altre informazioni si trovano sul sito ufficiale di SwapMob.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
hexaae26 Luglio 2013, 10:09 #1
Ma che schifo...
Sempre più business nei videogiochi...
Greyzard29 Luglio 2013, 22:52 #2
*Oh god, why?*

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^