Su Windows 8 Store anche i giochi vietati ai minori

Su Windows 8 Store anche i giochi vietati ai minori

Microsoft ha rivisto la decisione di non vendere i giochi vietati ai minori di 18 anni attraverso il nuovo Windows 8 Store.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
MicrosoftWindows
 

I giochi con rating PEGI 18 potranno essere acquistati regolarmente sul nuovo Windows 8 Store. Lo fa sapere Microsoft, che recede dalla precedente decisione di impedire questo tipo di pubblicazione. Come abbiamo visto qui, infatti, in questo momento lo Store non può accogliere prodotti di alcun tipo vietati ai minori.

Windows 8 Store

In realtà, i termini di servizio di Microsoft non muteranno almeno fino a dicembre, quindi i vari Skyrim, Modern Warfare 3, Max Payne 3, Sleeping Dogs, Dishonored e Mass Effect 3, tanto per citarne alcuni, con ogni probabilità saranno acquistabili tramite lo Store di Windows 8 solamente a partire dagli ultimi giorni dell'anno.

"Annunciamo questo cambiamento con così tanto anticipo in modo da tranquilizzare gli sviluppatori", dice Antoine Leblond, Windows corporate VP of web services, a Gizmodo. "Potranno continuare a lavorare senza dover guardare troppo alla classificazione".

Naturalmente questa limitazione riguarda solamente lo Store, ma su Windows 8 sarà comunque sempre possibile giocare con i titoli vietati ai minori acquistati nel tradizionale formato scatolato.

Gizmodo ha strappato a Leblond alcune dichiarazioni anche sulla recente polemica con Valve, che ha visto Gabe Newell lamentarsi dei pochi spazi lasciati dal nuovo sistema operativo agli altri servizi di distribuzione digitale. "Vogliamo che il mondo delle desktop app al di fuori dello Store di Windows continui a esistere", dice Leblond. "Non c'è ragione per volere il contrario e Valve potrà continuare a essere Valve".

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1327 Ottobre 2012, 09:38 #1
sarebbe interessante che dopo questo cambiamento si verificasse anche l'azione del family control su queste app; se da una parte è giusto che chi ha win8 ed è maggiorenne possa trovare tutto quel che vuole dall'altra se un minore si siede davanti allo store non deve trovare ciò che non fa per lui.
frankie27 Ottobre 2012, 09:40 #2
Scusate, ma solo io non trovo un sito Ms dove sono elencate e descritte le app accessibile da qualsiasi browser?

Con Play store c'è,
iTunes idem
Windows store
tiger8827 Ottobre 2012, 11:10 #3
Originariamente inviato da: djfix13
sarebbe interessante che dopo questo cambiamento si verificasse anche l'azione del family control su queste app; se da una parte è giusto che chi ha win8 ed è maggiorenne possa trovare tutto quel che vuole dall'altra se un minore si siede davanti allo store non deve trovare ciò che non fa per lui.


si ma di solito i minori non hanno la carta di credito, quindi comunque non potranno acquistarli...
zev1627 Ottobre 2012, 11:21 #4
Originariamente inviato da: tiger88
si ma di solito i minori non hanno la carta di credito, quindi comunque non potranno acquistarli...


quando ho fatto la postepay, potevi fare la junior a 14 o 16 anni (non ricordo) se un maggiorenne ti faceva da "garante". le uniche differenze erano un platfond minore e un limite di spese di 150€ giornalieri. penso che in tutte le banche offrano prepagate simili, quindi ci vorrebbe comunque un sistema dove ti puoi registrare come minorenne, e per vedere o acquistare certi titoli serve il consenso dell'account del tuo genitore o qualcosa di simile
iK@rus27 Ottobre 2012, 11:33 #5
Originariamente inviato da: zev16
quando ho fatto la postepay, potevi fare la junior a 14 o 16 anni (non ricordo) se un maggiorenne ti faceva da "garante". le uniche differenze erano un platfond minore e un limite di spese di 150€ giornalieri. penso che in tutte le banche offrano prepagate simili, quindi ci vorrebbe comunque un sistema dove ti puoi registrare come minorenne, e per vedere o acquistare certi titoli serve il consenso dell'account del tuo genitore o qualcosa di simile


Basta fare un sistema simile a quello di itunes.. blocchi lo store in base ai contenuti, permettendo di visualizzare solamente quelli per la fascia di età non ristretta.... e nel caso del PEGI anche in base ai contenuti, se contengono violenza o linguaggio scurrile...
tiger8827 Ottobre 2012, 11:36 #6
si ma rendiamoci conto che stiamo parlando di niente...
probabilmente la maggior parte dei giocatori di cod sono minorenni la gente "adulta" gioca a titoli piu seri...
figurati se il genitore guarda il pegi quando acquista un gioco per il figlio sedicenne.. poi è chiaro se ha 10 anni è un altro discorso...

In sintesi non ci vedo un gran problema, manco vendessero i giochi porno giapponesi.
zev1627 Ottobre 2012, 12:00 #7
Originariamente inviato da: tiger88
si ma rendiamoci conto che stiamo parlando di niente...
probabilmente la maggior parte dei giocatori di cod sono minorenni la gente "adulta" gioca a titoli piu seri...
figurati se il genitore guarda il pegi quando acquista un gioco per il figlio sedicenne.. poi è chiaro se ha 10 anni è un altro discorso...

In sintesi non ci vedo un gran problema, manco vendessero i giochi porno giapponesi.


lo pensi te questo! i miei non mi hanno mai permesso di comprare gta 3 alla fine ci giocavo dal mio vicino, e anche lui ha dovuto piangere in greco per poterselo prendere (idem per san andreas)
djfix1327 Ottobre 2012, 13:50 #8
No attenzione!
prendiamo una ipotesi più che plausibile ove una famiglia abbia il pc e tutti lo usino. Lo store accetta pagamenti paypal preautorizzati al quale al massimo si può richiedere l'immissione di password se è previsto un acquisto.
Ebbene se non ci fosse un controllo oltre a questa password che è facilmente reperibile da parte di un figlio gli acquisti non posso poi venire annullati!

Altro caso: se si hanno 2 pc in casa ma si usasse il medesimo account MS per lo store questo implica (senza modifiche) avere spalmata la App su entrambi i PC, senza perciò un distinguo tra PC adulti e PC figlio.

Quindi solo se si gestisse al meglio il safety control si limiterebbero queste problematiche o sapendole ogniuno dovrebbe impostare il tutto nel limitare la cosa personalmente.

Lo Store per il momento fa distinzioni di account utente locale quindi le app di un utente non compaiono nelle App di un altro utente...ma se io voglio l'App su entrambi gli utenti? per il momento devo scaricarla 2 volte...
iK@rus27 Ottobre 2012, 14:17 #9
Originariamente inviato da: djfix13
Lo Store per il momento fa distinzioni di account utente locale quindi le app di un utente non compaiono nelle App di un altro utente...ma se io voglio l'App su entrambi gli utenti? per il momento devo scaricarla 2 volte...


Quindi, se io acquisto un gioco da 7-8gb con un utente, e poi un altro utente sullo stesso pc ma con profilo separato lo vuole riscaricare nella sua utenza non può utilizzare il mio, ma dovrà riscaricarlo? se si, può riscaricarlo con il mio account?

Sarebbe comodo, non ho ancora provato win 8, che se io, utente A, installo un gioco o un programma come word, abbia la possibilità di installarlo per tutti gli utenti del computer, e poi l'utente B che accede con utenza separata possa utilizzare il programma installato da me, magari richiedendogli di inserire i miei dati dello store, ma senza doverlo riscaricare o ri acquistare..

Devo provare sto win 8 allora
hom27 Ottobre 2012, 14:29 #10
Secondo me non vi rendete conto che ad oggi la maggior parte dei "minorenni" hanno le capacità e i mezzi per arrivare atutti quei contenuti che molti di noi dovevano cercare dal barbiere ....

quindi secondo me non è il software che deve porre dei limiti barriere ecc molto arginabili e sempre più complicati per i genitori che per i figli che li usano molto meglio, ma sono iGENITORI stessi che devono usare i pc telefonini ecc per quello per cui sono nati e non come TATE per i figli per avere tempo libero.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^