Stop alla produzione di Wii in Giappone, ma negli Usa resta in commercio

Stop alla produzione di Wii in Giappone, ma negli Usa resta in commercio

Ci avviciniamo alla fine del ciclo vitale di Wii, anche se Nintendo ha confermato che continuerà la commercializzazione negli Stati Uniti.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:01 nel canale Videogames
Nintendo
 

La decisione di arrestare la produzione di Wii in Giappone non avrà implicazioni sulla commercializzazione della console di precedente generazione negli Stati Uniti. Lo ha confermato un portavoce di Nintendo parlando a Gamespot.

Nintendo Wii

Nella scorsa settimana, Nintendo ha aggiornato il sito ufficiale giapponese di Wii aggiungendo la dicitura "la produzione è stata arrestata". Nintendo continuerà a vendere le console già prodotte e rimaste in magazzino ma, oltre a queste, non ci sarà ulteriore fornitura di console della famiglia Wii.

"L'annuncio si riferisce unicamente al mercato giapponese", chiarisce il portavoce di Nintendo. "Non ci sono cambiamenti per gli Stati Uniti, dove Wii continuerà a essere disponibile per questa stagione natalizia". È molto probabile che i piani di Nintendo tra Stati Uniti ed Europa coincidano, sebbene non venga chiaramente esplicitato.

Wii è stato introdotto sul mercato otto anni fa, essendo stato lanciato tra novembre e dicembre 2006 nella maggior parte dei mercati. Wii U, il suo successore, invece, è arrivato nello scorso anno e si appresta ad affrontare una cruciale seconda stagione natalizia.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giuliop25 Ottobre 2013, 18:55 #1
"È molto probabile che i piani di Nintendo tra Stati Uniti ed Europa coincidano"

Eh... probabilissimo: http://www.joystiq.com/2013/10/25/w...-mini-lives-on/

Domanda: ma perché spararle così a casaccio? Non fate miglior figura a non dire niente?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^