Square Enix lancia Collective e mette l'utente nel ruolo di game designer

Square Enix lancia Collective e mette l'utente nel ruolo di game designer

Il progetto Collective di Square Enix dà la possibilità all'utente finale di decidere cosa vorrebbe vedere in un videogioco

di Dorin Gega pubblicata il , alle 09:40 nel canale Videogames
Square Enix
 

Square Enix ha annunciato il suo programma Collective, che permetterà alle software house di proporre le proprie idee, mentre la community deciderà quali progetti potrebbero essere dei futuri successi.

Square Enix Collective

Sul sito dedicato troviamo le informazioni in merito sia per gli sviluppatori che per la community. Square Enix vuole ricevere idee dalle software house indipendenti, e il progetto avrà una finestra temporale di 28 giorni per essere valutato dalla community. Se il feedback degli utenti sarà positivo allora Square Enix avvierà una procedura di crowdfunding attraverso il partner Indiegogo. Square Enix non avrà solo il ruolo di mediatore ma supporterà il progetto attivamente per far sì che questo diventi realtà. Se il progetto non verrà considerato valevole dalla community sarà Square Enix a fornire delle motivazioni sul perché il progetto non è stato gradito spingendo il suo ideatore a correggere l'idea, migliorarla e riproporla. Square Enix dà anche la possibilità di lavorare con le proprietà intellettuali di Eidos, potremmo quindi vedere un nuovo Commandos oppure uno StarTopia 2.

Square Enix

L'utente della community viene quindi messo nella posizione di decidere se il progetto può essere interessante o meno. Oltre a questo potrà anche essere parte attiva del progetto fornendo lui stesso idee e supportare il progetto. Terminati i 28 giorni di valutazione da parte della community, se i feedback saranno positivi e se il team di sviluppo viene ritenuto adeguato al progetto, Square Enix avvierà la procedura di ricerca fondi su Indiegogo. Il ruolo dell'utente non finisce alla sola fase di approvazione ma prosegue anche una volta trovati i fondi. Verranno forniti costanti aggiornamenti sullo stato dei lavori ed anche in questa fase si potrà contribuire con i propri feedback sul progetto, suggerimenti e prendere parte alle decisioni chiave in merito al gioco stesso.

Il colosso giapponese, nella presentazione del suo bilancio per l'anno fiscale 2012, dichiarava una perdita di circa 13.7 miliardi di Yen, circa 100 milioni di euro. Secondo Yoichi Wada la perdita era dovuta ad un mercato console molto competitivo, ragione per cui il focus dell'azienda sarebbe stato spostato sul mondo PC e mobile.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phoenix Fire10 Ottobre 2013, 09:52 #1
sembra una bella idea (mi ricorda greenlight), cmq le perdite secondo me sono state date dall'aver gettato al vento il brand Final Fantasy, vedi anche la nuova versione di FFVII, potevano fare il botto con una versione moddata graficamente e invece nada. Alla fine gli altri brand come tomb raider stanno andando molto bene mi sembra

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^