Sony cita Lik-Sang per il commercio illegale di PSP

Sony cita Lik-Sang per il commercio illegale di PSP

Sony ha citato in giudizio il rivenditore di videogiochi Lik-Sang, accusato di vendere PSP dall'Asia ad acquirenti europei.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:32 nel canale Videogames
Sony
 
Diventa sempre più contorto il caso Sony-Lik-Sang. Quest'ultimo è un noto rivenditore di videogiochi e di periferiche ad essi allegate, la cui sede è a Hong Kong. Lik-Sang è stato negli ultimi giorni bersaglio di diverse cause legali intentante congiuntamente da Sony Computer Entertainment Europe Limited e da Sony Computer Entertainment Int.

L'oggetto della discordia riguarda la commercializzazione illegale di PSP, la console portatile di Sony. Questa sarebbe stata venduta dall'Asia all'Europa, infrangendo i diritti sul marchio registrato, il diritto d'autore e i diritti sul design registrato. Sony ha ottenuto un giudizio nell'Alta Corte di Londra.

Lik-Sang ha cessato le proprie operazioni commerciali, chiudendo di fatto la propria attività. Sony è intervenuta oggi proprio su quest'ultima questione, dichiarando ufficialmente: "neghiamo fermamente che le nostre azioni abbiano qualcosa a che fare con la chiusura del sito [di Lik-Sang]. Supponiamo che l'entità legale della società sia ancora attiva".

Secondo la posizione ufficiale di Sony, è stata citata in giudizio con esito positivo Pacific Game Technology, la quale usa Lik-Sang come uno dei suoi marchi commerciali, per aver infranto i diritti sulla proprietà intellettuale.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Truelies25 Ottobre 2006, 14:45 #1
Alla Sony fanno veramente pena... sono anni che esistono gli importatori paralleli... spero che perdano!
Kintaro7025 Ottobre 2006, 14:47 #2
Perchè c'è differenza tra PSP per Asia ed Europa?
rutto25 Ottobre 2006, 14:53 #3
il mio punto di vista e' i seguente:

Link-Sang non fa/faceva nulla di illegale ma alla sony non stava bene, per il semplice fatto che i prodotti venduti in europa hanno un ricarico maggiore che non in asia... e Link-Sang vanificava questa politica aziendale.

Sony ha fatto causa ben sapendo che il piccolo avversario non sarebbe stato in grado di difendersi. Non avendo soldi per sostenere le spese legali, sono costretti a ritirarsi dal mercato.

Come direbbe Sgarbi... la sony e' FASCISTA!



la verita' sta nel mezzo


grazie a bist per il link:
http://www.gamesblog.it/post/2188/s...iudere-lik-sang
JohnPetrucci25 Ottobre 2006, 14:57 #4
Originariamente inviato da: Kintaro70
Perchè c'è differenza tra PSP per Asia ed Europa?

Nessuna, solo che qui da noi le vendono ai prezzi di loro comodo, quindi parecchio più elevati rispetto a quelli proposti in Asia.
Sony =
Luposardo25 Ottobre 2006, 15:16 #5
Non vorrei dire idiozie ma a questo punto potrebbe passarmi per la mente che viste le molte perdite, Sony voglia recuperare qualche soldino sempre ammesso che in questo caso ci abbia "guadagnato" qualcosa.
volpe7125 Ottobre 2006, 15:20 #6

Continuano le porcate

Continua la solita porcata delle "nicchie di mercato" artificiali come il tanto conosciuto region-code sui dvd e degni successori.

A parità di prodotto, devono rendersi conto che la differenza la fanno due e soltanto due cose:

- il prezzo
- la qualità del post-vendita

Se poi il consumatore sa che comprando in "asia" risparmia ma rischia di avere problemi con la garanzia ed è _BEN CONSCIO_ della cosa, sarà lui a decidere, non un tribunale fantoccio.
Kintaro7025 Ottobre 2006, 15:21 #7
Sembra la guerra dei poveri detta così
monsterman25 Ottobre 2006, 15:22 #8
beh devono avere qualche introito dopo l'esborso dovuto alle batterie no?
Asterion25 Ottobre 2006, 15:26 #9
Originariamente inviato da: monsterman
beh devono avere qualche introito dopo l'esborso dovuto alle batterie no?


Quasi quasi pure io cito qualcuno, ora va così di moda

Scherzi a parte, non credo che una multinazionale così grande abbia un qualche benefico da una citazione del genere, mi da più della manovra d'immagine. Visto che ultimamente è così calata per la storia delle batterie, magari vogliono dare l'idea dell'azienda che ha ancora il controllo su tutto
mjordan25 Ottobre 2006, 15:40 #10
Originariamente inviato da: Truelies
Alla Sony fanno veramente pena... sono anni che esistono gli importatori paralleli... spero che perdano!


Gli importatori paralleli effettuano una vera e propria importazione di un prodotto, non lo vendono soltanto via Internet. Secondo, gli importatori paralleli sono autorizzati dalla casa madre e vengono considerati un canale di distribuzione. In questo caso abbiamo solo un canale di "smercio" di prodotti asiatici non autorizzati alla vendita europea. Quindi non sono per niente la stessa cosa. Inoltre importare non significa solo prendere un prodotto dall'asia e portarlo in Italia. Ci sono delle procedure di autorizzazione molto particolari, tasse, verifiche, ecc. ecc. Non diciamo fesserie.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^