Sondaggio Play Smart, Play Safe di Microsoft: il 75% dei genitori soddisfatto dei videogiochi

Sondaggio Play Smart, Play Safe di Microsoft: il 75% dei genitori soddisfatto dei videogiochi

Secondo la ricerca praticata da Microsoft, la maggior parte dei genitori ritiene che i videogiochi possano avere una funzione educativa per i propri figli.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:32 nel canale Videogames
Microsoft
 
I genitori sono in larga parte soddisfatti dai videogiochi e dalla loro funzione educativa sui propri figli. Lo rivela la seconda edizione del sondaggio Play Smart, Play Safe, che Microsoft somministra annualmente ai genitori dei videogiocatori. Il 75% dei genitori intervistati è soddisfatto dei videogiochi.

Il 61% degli intervistati considera i videogiochi un'esperienza socializzante e più della metà (52%) ritiene che aiutino a riunire le famiglie. Il 75% dei genitori, inoltre, si dichiara sufficientemente informato sulle funzioni delle console e sui sistemi per controllare e limitare l'accesso ai propri figli. La Francia mostra la percentuale più alta di genitori informati (81%), seguita da Germania (75%), Italia (74%), Regno Unito e USA (entrambi al 73%).

Dai risultati della ricerca è emerso inoltre che i genitori italiani sono all'avanguardia per quanto riguarda il controllo dei contenuti usati dai figli e la conoscenza dei sistemi per il corretto uso dei videogiochi. Il 97% (la percentuale maggiore emersa dall'indagine) ha infatti dichiarato di prendersi la responsabilità di controllare l'indicazione di età consigliata dei videogiochi.

Il il 62% degli intervistati ha dichiarato che apprezzerebbe delle funzionalità aggiuntive per gestire ancora meglio questo aspetto, mentre il 66% ha confermato che sarebbe favorevole a utilizzare uno strumento di discussione genitori-figli che aiuti a stabilire le regole per il consumo dei media in casa. Il sondaggio ha coinvolto 2500 genitori delle seguenti nazioni: Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Stati Uniti.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
daywatch8509 Marzo 2009, 10:39 #1
Belli tutti questi dati sulla carta, peccato che nella realtà i genitori non capiscano niente, e spesso vedi ragazzini di 12 anni giocare a giochi come Manhunt, oppure come mi è successo proprio sabato scorso di entrare in un Gamestop, e di vedere una mamma col papà che compravano Gears of War 2 a loro figlio che di altezza non arrivava neanche alla cintura dei pantaloni di suo padre, ergo avrà avuto 12 anni pure lui se non di meno. E quei due genitori ridevano, erano contenti di dare a loro figlio un gioco "educativo" come Gears of War.
Per carità non ho niente contro Gears of War, anzi è un gioco che mi piace moltissimo, ma se avessi un figlio di 12 anni col cavolo che glielo regalo!!!
danyroma8009 Marzo 2009, 10:41 #2
mah! non capisco come un videogioco (per pc, xbox,ps,c64, amiga, nintendo, sega, spectrum,vic20 e così via) possa essere un'esperienza socializzante. Sarà che per "esperienza socializzante" io intendo uscire ed incontrare persone, ma forse sono troppo all'antica.
Samires09 Marzo 2009, 10:45 #3
Il 97% (la percentuale maggiore emersa dall'indagine) ha infatti dichiarato di prendersi la responsabilità di controllare l'indicazione di età consigliata dei videogiochi.


ma per favore!! il 97%?? caspita che coincidenza pazzesca che io conosca solo casi appartenenti al rimantente 3% o questi hanno parlato tanto per farsi vedere genitori responsabili, oppure sul serio controllano l'età, ma poi se ne fregano!
Bluknigth09 Marzo 2009, 10:55 #4
Quoto Samires.

Questi dati sono del tutto fuori.

Ma se la maggior parte non sa neanche quale è il bollino....
Pikazul09 Marzo 2009, 11:02 #5
E' confermato che il 97% degli italiani è un gran pallista che mente pure nei sondaggi anonimi... sigh
Eulogy09 Marzo 2009, 11:04 #6
Quoto samires, è proprio l'opposto che si verifica, il 3% sono coloro che controllano il bollino altrimenti agli altri non interessa, basta che piaccia al figlio/a e lo prendono.

Forse poi si accorgono che sono un pò ""violenti"" ma non dicono nulla.
Terroncello8609 Marzo 2009, 11:18 #7
boh, sinceramente a 13-14 anni giocavo a carmageddon quake doom etc. e non sono cresciuto ne turbato, ne come un criminale, penso che i genitori devano fare il loro lavoro spiegando comuqnue che è e rimane un gioco, perchè senò a questo punto dovremmo vietare ai figli di sentire musica, guardare film e telegiornali, non leggere.
penso ormai che i tempi siano cambiati e che un ragazzo/a dai 12-13 anni inizi a capire molte cose, quindi il compito del genitore imho non è di vietare, ma di spiegare e seguire i figli a capire questo genere di cose, perchè la vita non è solo rose e fiori.

penso comunque pure io che questo sondaggio sia poco veritiero.
DEABlade09 Marzo 2009, 11:31 #8
97%??? ma se sono entrato in un negozio GameStop qualche giorno fà e c'era una madre che stava comprando Fear 2 a suo figlio di 10 anni...
mav8809 Marzo 2009, 11:46 #9
Sull'età c'è chi esagera in senso opposto: il PEGI non lo capisce nessuno.
Io ho lavorato come promoter Playstation e molti mi dicevano: "ma è adatto the sims a mio figlio? lui ha 15 anni ma qui c'è scritto 3+. Non è troppo semplice?"
Stessa cosa con altri giochi normali, come Pes, Race driver grid, Virtua tennis, ecc

Io ho visto genitori non comprare alcuni giochi a causa del pegi (in senso negativo)
Whizkid09 Marzo 2009, 11:55 #10
tanto tutti sanno che youporn viene utilizzato soprattutto dai ragazzini delle scuole medie

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^