Secondo EA la data di lancio di The Old Republic funzionerà

Secondo EA la data di lancio di The Old Republic funzionerà

Il publisher ha optato per la release a ridosso delle festività natalizie, contrariamente a quanto avviene di solito con i titoli tripla A. Una scelta che peraltro è stata ragionata, in funzione di un più rapido raggiungimento del break even.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 10:13 nel canale Videogames
 

La scorsa settimana BioWare ha finalmente annunciato la data d'uscita definitiva di Star Wars: The Old Republic. Molti sono rimasti perplessi per la scelta dello studio di far uscire il nuovo MMO negli ultimissimi giorni dell'anno, proprio in prossimità del natale.

La maggior parte dei titoli tripla A trova infatti collocazione sugli scaffali con qualche settimana di anticipo sulle festività. Si tratta di una strategia di marketing ormai conclamata, che punta a cogliere il momento più propizio del mercato, ovvero il periodo in cui la maggior parte delle persone si "porta avanti", acquistando quelli che saranno poi i regali da posizionare in bella mostra sotto l'albero.

BioWare si è mossa controcorrente in questo senso, decidendo di far esordire The Old Republic ad oltre un mese di distanza dal lancio di titoli come The Elder Scrolls V: Skyrim, Modern Warfare 3, Uncharted 3, Need for Speed: The Run o Assassin's Creed: Revelations.

Peraltro un rinvio al prossimo anno è stato escluso a priori da Electronic Arts, nonostante la politica di BioWare di far uscire il gioco solamente "quando sarà pronto" (un po' come da sempre ama dichiarare Blizzard). I vertici di Electronic Arts hanno confermato che la scelta è stata compiuta per differenti ragioni.

La prima è che, sebbene il lancio avvenga agli sgoccioli, si tratta pur sempre della finestra natalizia, pertanto il gioco venderà sicuramente bene. Ovviamente per poter recuperare l'ingente investimento compiuto dal publisher si rende necessario un rapido e veloce incremento delle sottoscrizioni. E' stato calcolato che per raggiungere il break even, ovvero il punto di pareggio, Star Wars: The Old Republic ha bisogno di un milione di utenti abbonati, ognuno dei quali pagherà all'incirca 14 dollari su base mensile. Perdere a priori il periodo natalizio avrebbe voluto dire spostare ulteriormente in avanti la fase entro cui rientrare dei costi sostenuti dall'azienda.

EA e BioWare sono perfettamente consapevoli di quelle che sono state le mosse vincenti nel lancio di un MMO in passato. Il publisher ha ammesso di aver studiato nei minimi particolari i meccanismi del lancio di World of Warcraft e il conseguente periodo di aggiornamento che seguì nei mesi successivi alla release. Anche in questo caso l'idea è la medesima, ovvero garantire una copertura e un supporto costante per un periodo non inferiore ai 18 mesi. In definitiva, questa finestra di lancio è stata pianificata per accrescere le opportunità di The Old Republic di raggiungere il vertice e di rimanerci poi nel corso dell'anno che verrà.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
threnino10 Ottobre 2011, 12:06 #1
WoW è stato lanciato ai primi di febbraio, e nonostante questo è il mmorpg più giocato al mondo con all'attivo diversi milioni di utenti. Mi pare che il record assoluto abbia superato i 10 milioni, vado a memoria.

Quello che conta è il supporto attivo delle SH con patch, correzione di bug, aggiornamenti, espansioni e quant'altro. L'atmosfera di star wars, di per sè, vale l'acquisto.
fraussantin10 Ottobre 2011, 14:39 #2
Originariamente inviato da: threnino
WoW è stato lanciato ai primi di febbraio, e nonostante questo è il mmorpg più giocato al mondo con all'attivo diversi milioni di utenti. Mi pare che il record assoluto abbia superato i 10 milioni, vado a memoria.

Quello che conta è il supporto attivo delle SH con patch, correzione di bug, aggiornamenti, espansioni e quant'altro. L'atmosfera di star wars, di per sè, vale l'acquisto.


il problema sara riuscire a rubare la vita una fetta di clienti blizzard, dato che ormai chi ha deciso di impegnare parte della propia esistenza in un videogioco , è ormai impegnato a giocare a wow( e non credo sara facile trovarne molti altri)

ci hanno provato con warhammer , lineage e altri titoli ma ormai chi gioca da una vita a un mmorpg conosce amici li, ha un bel pg li, VIVE li, perche dovrebbe cambiare e reiniziar eda 0.


riusciranno certamente a farsi una clientela, pur minima , come se l'erano aftta anche gli altri giochi ,( anche perche il mondo ws attira ancora bene) ma dubito che sara longevoe redditizio come wow.

beati gli ultimi .............se i primi fanno errori!!!!!
Enderedge10 Ottobre 2011, 17:45 #3
Per me un altro problema sarà il bilanciamento tra l'uso della spada laser e i poteri della forza.
Secondo me il "difetto" sta proprio qui.
SW (i films) sono incentrati sulla scoperta di essere IL Jedi e sul percorso che porta Luke Skywalker a divenire jedi.
Ha un inizio ed una fine ...
Il MMORPG non potendo avere una fine (ofc) avrà la difficoltà di gestire il bilanciamento tra le due componenti di cui sopra.
Nei films l'accento era più sui "sentimenti" che sui poteri e i combattimenti erano prevalentemente con le spade ... cosa che non può essere nel gioco (imho).
MI attira e credo che lo proverò senz'altro ma ...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^