Remedy sta valutando la possibilità di sviluppare Alan Wake 2

Remedy sta valutando la possibilità di sviluppare Alan Wake 2

Sam Lake ha confermato che lo studio sta discutendo questa eventualità con Microsoft, ma che è ancora presto per dare l'ufficialità al progetto.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 16:36 nel canale Videogames
MicrosoftXbox
 

Remedy si sta confrontando con Microsoft per valutare l’opportunità di sviluppare un secondo capitolo di Alan Wake. A confermarlo è stato Sam Lake, leader della software house svedese, durante una recente intervista incentrata sul lancio di Quantum Break.

“Sono stato molto chiaro riguardo al nostro amore per Alan Wake. E’ una proprietà intellettuale che possediamo. Come ho detto, come abbiamo detto, ci piacerebbe avere la possibilità di fare un nuovo capitolo. Ovviamente siamo del tutto focalizzati su Quantum Break, ma siamo sempre impegnati a sperimentare nuove idee”.

Nome immagine

Lake ha anche rilasciato alcuni commenti in merito alla recente pubblicazione di un filmato nel quale veniva mostrato un vecchio prototipo di Alan Wake 2, risalente all'incirca a cinque anni fa.

“C’è un sacco di lavoro che avviene di continuo dietro le quinte. L’aspetto importante è che questi concept subiscono anche delle evoluzioni. Si tratta sempre di un processo iterativo. Sembrava che le nostre idee più recenti su Alan Wake si sarebbero spinte così lontano dall’idea originaria che ci siamo sentiti di renderlo pubblico, in modo che la gente potesse vedere quali fossero le nostre idee di allora. Quella era la parte più rifinita, ma c’erano anche altre demo più grezze, prototipi e ovviamente un bel po’ di materiale su carta!”.

Rimane comunque il fatto che, al momento, una decisione definitiva non è ancora stata presa, o per lo meno non c’è l’intenzione di renderla pubblica proprio adesso che gli sforzi sono tutti orientati al lancio di Quantum Break.

“E’ troppo presto per dire qualcosa di specifico. Abbiamo fatto e facciamo ancora delle chiacchierate al riguardo, ma per il momento non c’è alcuna notizia sicura”.

Vi ricordiamo che il lancio di Quantum Break è previsto per il 5 aprile su Xbox One e Windows 10.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
yukon07 Marzo 2016, 16:44 #1
speriamo migliorino il primo sia nel gameplay, che ho trovato troppo monotono e ripetitivo, che nella storia, a dir poco imbarazzante sopratutto nella parte finale.

niente da dire invece sul level design, le ambientazioni montane erano veramente ben fatte.
Bivvoz07 Marzo 2016, 17:08 #2
La storia è bellissima invece, il finale non conta
La trama si inspira chiaramente a Stephen King che è famoso per i finali di cacca.
Ne "la torre nera" lui stesso scrive nella postfazione che i finali sono inevitabilmente deludenti e se fosse possibile non ne scriverebbe manco uno (quando ho il libro in mano se volete vi scrivo esattamente la frase).
PaulGuru07 Marzo 2016, 17:22 #3
sarebbe dovuto essere un obbligo il capitolo successivo non un optional
ciocia07 Marzo 2016, 19:35 #4
Originariamente inviato da: yukon
speriamo migliorino il primo sia nel gameplay, che ho trovato troppo monotono e ripetitivo, che nella storia, a dir poco imbarazzante sopratutto nella parte finale.

niente da dire invece sul level design, le ambientazioni montane erano veramente ben fatte.


Concordo.
Ci starebbe bene un titolo apposito per visori
TigerTank07 Marzo 2016, 20:31 #5
Spero di sì, il primo mi è piaciuto molto.
però dev'essere tipo questo...non come american nightmare che invece non mi è piaciuto per nulla
amd-novello07 Marzo 2016, 22:50 #6
madonna che bello il primo

360 mitica
cronos199008 Marzo 2016, 06:20 #7
Originariamente inviato da: Bivvoz
La storia è bellissima invece, il finale non conta
La trama si inspira chiaramente a Stephen King che è famoso per i finali di cacca.
Ne "la torre nera" lui stesso scrive nella postfazione che i finali sono inevitabilmente deludenti e se fosse possibile non ne scriverebbe manco uno (quando ho il libro in mano se volete vi scrivo esattamente la frase).
In altre parole, siccome Stephen King è incapace a scrivere dei finali, ha trovato un modo "elegante" per non delegittimarsi ai lettori per questa sua mancanza (per la serie: non è che li faccio io schifosi, sono tutti schifosi ).

Un'affermazione del genere detta da uno che non sa scrivere i finali (che poi è opinabile; per esempio proprio il finale della saga della Torre Nera io l'ho trovato molto azzeccato) non è che abbia molto valore.
Che poi un conto è che deludino (cosa penso vera nel 95% dei casi, ma per altri motivi), un'altra che siano fatti male.

Poi, ultimo ma non ultimo, non è che se ti ispiri a uno che scrive pessimi finali devi per forza imitarlo pure in quello

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^