Remedy parla delle console portatili

Remedy parla delle console portatili

Secondo il vice presidente Aki Jarvilehto gli hardware portatili dovranno adeguarsi ai mutamenti del mercato, diversamente rischiano di essere sopraffatti dagli smartphone e dai tablet.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 08:39 nel canale Videogames
 

Aki Jarvilehto, vice presidente esecutivo di Remedy, ritiene che le console portatili tradizionali debbano reinventarsi per poter rimanere al passo con il mercato e continuare ad essere competitive nei confronti degli smartphone e i tablet.

Parlando del recente lancio di Death Rally per iPhone e iPad, pubblicato su App Store in 34 differenti paesi, ha dichiarato che gli smartphone e i tablet sono in grado di offrire molto ai giocatori in termini di intrattenimento.

"Attualmente si possono acquistare tonnellate e tonnellate di divertimento su iOS, con il prezzo di un singolo gioco per console portatile", ha commentato nel corso di un'intervista rilasciata a IndustryGamers. "Ritengo quindi che le console portatili debbano reinventarsi se vogliono continuare a competere".

"Penso che il mercato stia cambiando in modo radicale. Le barriere di ingresso sono state letteralmente spazzate via. Nuovi modelli di business stanno per esplodere e non si tratta di svalutazione".

"Facebook sta facendo cose eccezionali per il gaming, convincendo gente completamente nuova a divertirsi con titoli casual e social. Non posso immaginare come possa costituire un fattore negativo il fatto che il mass market abbia finalmente abbracciato la nostra industria. Non è forse quello che abbiamo sperato da sempre?".

Secondo un recente studio sono oltre 63 milioni i giocatori su piattaforma iOS sparsi tra USA, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Olanda e Belgio, mentre la quantità di download per il versante ludico è di cinque milioni di titoli al giorno.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^