Remedy: iPad è quasi pronto a ospitare titoli tripla-A

Remedy: iPad è quasi pronto a ospitare titoli tripla-A

Il CEO, Matias Myllyrinne, ha dichiarato a GamesIndustry che anche su iPad presto compariranno progetti di primissimo piano. Si tratterà di produzioni native e non di semplici porting.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 16:21 nel canale Videogames
iPadApple
 

Matias Myllyrinne, CEO di Remedy, ritiene che l'industria sia prossima a pubblicare titoli tripla-A anche su una piattaforma come iPad.

Il leader dello studio che ha creato Max Payne e Alan Wake ha citato Infinity Blade di Epic come 'benchmark' per quanto riguarda i dispositivi iOS, aggiungendo peraltro che esistono ancora degli ostacoli da dover fronteggiare, principalmente per quanto riguarda lo sviluppo nativo sulla piattaforma, invece di ricorrere a dei semplici porting.

"Credo che vedremmo molta gente approdare in questo spazio e ovviamente, anche qualora il potere di calcolo dovesse crescere, non penso che costituirebbe un fattore limitante. Ritengo che il modo per sfondare al momento sia costruire contenuti adeguati per questo medium", ha dichiarato nel corso di un'intervista rilasciata a GamesIndustry.biz.

"E le sessioni di gioco sono anch'esse differenti". Myllyrinne ha spiegato che attualmente l'intento è quello di sviluppare titoli che la gente possa sfruttare mentre si trova alla fermata dell'autobus o al bagno, ma questo non significa che la gente non possa desiderare di svolgere anche sessioni prolungate sul proprio iPad.

"So che ci sono molti utenti che giocano a casa con un iPad e per periodi di tempo prolungati. Non so se gli hardcore gamer vorrebbero ancora accendere una console e giocare ad Uncharted o Halo, o quello di cui disponete. Ma io non credo che gli uni escludano necessariamente gli altri".

Infine Myllyrinne ha concluso affermando che il vero elemento importante non è la durata delle sessioni o il prezzo più o meno elevato, quanto la qualità complessiva dei prodotti offerti.

"Anche se fosse 99 cent o 4.99 dollari o qualsiasi altra cifra, si tratta di una promessa implicita nei confronti dell'utenza, ovvero che si tratta di buon materiale. Qualora non lo fosse, nessuno ama sentirsi raggirato o imbrogliato".

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Maxt7512 Aprile 2012, 17:00 #1
Di certo a livello generale più scelta c'è e meglio è, ma per quanto mi riguarda invece credo che questo dia il colpo di grazia ''al bel giocare di una volta''. Giochi sempre più massificati, sempre più semplici, che si terminano quasi da soli, per far piacere un po' a tutti.

''Guarda che bello, guardaaa...ohhhh....''
Buone esibizioni a tutti.
Cieli neri...
Pinone12 Aprile 2012, 19:28 #2
Ma cosa si sono fumati oggi quelli di Remedy???
Raghnar-The coWolf-13 Aprile 2012, 00:24 #3
Punta e Clicca Tripla A.
Dopo Baldur's Gate mi aspetto Sam e Max, e Day of the Tentacle.
SimoxTa13 Aprile 2012, 08:48 #4
Sam e Max (nella loro nuova incarnazione episodica) in realtà già ci sono; Day of the Tentacle è giocabile tramite emulatore (a patto di avere il JB) e come giustamente detto da te, BG (e anche BG2) saranno portati già di default su iPad.
Oggi l'unico limite è dato dalla sola interfaccia touch; dopodichè si può tranquillamente sbaragliare la concorrenza, perlomeno in ambito mobile (e iniziare a incrinare il mercato delle console casalinghe). Il basso prezzo dei titoli (che non sempre è sinonimo di superficialità rappresentano il trampolino di lancio per tutti quei dev o SH che non hanno soldoni da investire (e per tutte le persone che non vogliono spendere 50 cucuzze a scatola chiusa). Se sai programmare, butti nel piatto circa 2000€ (tra costo di una macchina Apple -forse l'unica pecca di tutta la filiera, visto che basterebbe fare l'SDK per macchine Win- una licenza per dev e un po' di ore di lavoro (e con una base di utenza di 150 milioni di utenti, vendessi anche a 0.79€ incamerando il 50% per via delle royalties Apple, significa che devi vendere 5200 copie per andare in pari (e pagarti addirittura la macchina mac che è così ammortata anche per i titoli futuri), ossia il 3-4% del bacino potenziale. Per di più l'App Store è l'esempio lampante di come nonostante la pirateria su iOS sia presente, non rappresenti (per ora) una minaccia preoccupante visto che tra scaricare fare il JB, scaricare lo store alternativo e cercare il mirror del giochino, probabilmente spendi più tempo che a tirare fuori i "0.79€" dell'applicazione (con evidenti vantaggi in caso di upgrade dove nel caso della pirateria devi ripetere parte del processo.
Raghnar-The coWolf-13 Aprile 2012, 09:42 #5
Ci sono Sam e Max su iPAD?!?!?!

Ommioddio me li ero persiiiiiii
Baboo8513 Aprile 2012, 10:10 #6
Giochi Tripla A su iPad... Ma dove siamo andati a finire...

Ora si' che i giochi verranno ROVINATI PESANTEMENTE da queste piattaforme...
adapting13 Aprile 2012, 10:42 #7
Originariamente inviato da: Baboo85
Giochi Tripla A su iPad... Ma dove siamo andati a finire...

Ora si' che i giochi verranno ROVINATI PESANTEMENTE da queste piattaforme...


Tutto è relativo: pensa che io ritengo che i giochi siano stati rovinati da piattaforme come xbox e ps1/2/3...
Baboo8513 Aprile 2012, 10:47 #8
Originariamente inviato da: adapting
Tutto è relativo: pensa che io ritengo che i giochi siano stati rovinati da piattaforme come xbox e ps1/2/3...


Quoto, volevo evitare di scriverlo, ma se pensi che gia' le console hanno dato una mazzata sui videogiochi, qui si parla proprio di morte definitiva...
adapting13 Aprile 2012, 11:00 #9
Originariamente inviato da: Baboo85
Quoto, volevo evitare di scriverlo, ma se pensi che gia' le console hanno dato una mazzata sui videogiochi, qui si parla proprio di morte definitiva...


No, nulla muore ma tutto si trasforma.
I VG del periodo touch/kinect nel quale stiamo entrando saranno probabilmente molto diversi da quelli precedenti. Pensiamo ad un controllo a distanza kinect-like di fronte ad un video gigante, oppure ad un ipad 60 pollici o alla combinazione dei due. Ci potrebbero essere idee incredibili, non solo in ambito videoludico ma anche di realtà virtuale. Pensiamo a poter visitare una casa camminando sul posto, o muoversi all'interno di un periodo storico. L'unica cosa certa è che il periodo dei controller esterni (joystick, telecomandi, mouse) è davvero finito.
SimoxTa13 Aprile 2012, 11:02 #10
Boh chissà perchè, superati i limiti del controllo (che sono oggettivi), il resto dipende solo dalla buona volontà dei dev. Ci sono capolavori e altrettante schifezze anche sulle console di rango "superiore". L'unico vantaggio è che qui la "schifezza" costa una decina di Euro al massimo, mentre da altre parti costa di più. Dopotutto Steam con l'apertura ai prodotti Indie si sta cercando di seguire le orme di Apple dove praticamente tutto è "indie". Secondo me spesso vengono dati commenti senza aver testato a 360 gradi le piattaforme ma giudicando solo sui blockbuster tipo Angry Birds che rappresentano eccezioni (in positivo) ad un mercato che è in continuo fermento.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^