Rare continuerà a supportare Kinect

Rare continuerà a supportare Kinect

La società prosegue la sua sperimentazione su Kinect, confermando di avere in serbo alcune idee, ancora tutte da sperimentare.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 10:00 nel canale Videogames
 

Qualunque giocatore di vecchia data che senta nominare Rare non può far altro che riportare alla propria memoria numerosi capolavori del passato. Oggi l'azienda è profondamente cambiata rispetto agli anni '90 e lo sviluppo si è concentrato progressivamente sul mercato casual e sul supporto di Kinect.

Nel corso di un'intervista rilasciata sulle pagine di Videogamer, il director Nick Burton ha spiegato che l'azienda proseguirà nella sua politica recente, inaugurata con il lancio sul mercato di Kinect Sports.

"Come in ogni titolo il giocatore dovrebbe sentirsi un superuomo, capace di compiere imprese eccezionali e straordinarie, ma dobbiamo anche assicurarci del fatto che i giocatori possano migliorare nel corso dell'esperienza, che l'abilità venga ricompensata e spinga al miglioramento. In aggiunta a tutto questo, Kinect dovrebbe sempre migliorare le esperienze di gioco e non sminuirle, dovrebbe essere impiegato dove riesce a dare il suo meglio, ovvero nel creare quel gameplay che è precluso al controller tradizionale".

Ad una specifica domanda riguardante i futuri progetti riguardanti Kinect e le possibilità che nel 2012 l'attenzione dei giocatori verso questa periferica cresca, Burton ha replicato: "Assolutamente! Kinect è focalizzato sulla conoscenza dell'hardware e sulle innovazioni software che possono essere garantite per migliorare e aggiornare ogni nuovo titolo. Abbiamo circa 35 anni alle spalle, dedicati allo sviluppo di controller e abbiamo avuto solamente un anno di sviluppo su piattaforma Kinect. C'è ancora molto che si potrebbe fare, ho una serie di idee su una lavagna, delle quali non ci siamo ancora occupati ma che dobbiamo migliorare e sperimentare un passo alla volta".

La principale aspirazione dello studio è di poter contribuire alla crescita di questa tecnologia, percorrendo strade nuove e giungendo a risultati che oggi non sono ancora prefigurabili. Burton ha effettuato anche parallelismo con la crescita dei dispositivi touch.

"Provate a ricordare a che punto si trovavano i touch screen dieci anni fa e poi pensate ad iPad e agli smartphone. Guardate cosa sono in grado di fare gli sviluppatori con la medesima tecnologia, ora che sono abituati a sfruttarla. Sarà una bella sfida condurre Kinect fino a questo punto".

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
VILLO198805 Dicembre 2011, 21:12 #1
Allora... Esaminiamo la news:

"Rare[....] lo sviluppo si è concentrato progressivamente sul mercato casual e sul supporto di Kinect."


"Kinect[....] dovrebbe essere impiegato dove riesce a dare il suo meglio, ovvero nel creare quel gameplay che è precluso al controller tradizionale"


Andiamo bene... Allora c'aspettano solo giochi del tipo kinect sports????giochi dei chipmunks e tanto altro ancora.. Tipo quello delle cheerleader, giusto?

"C'è ancora molto che si potrebbe fare, ho una serie di idee su una lavagna, delle quali non ci siamo ancora occupati ma che dobbiamo migliorare e sperimentare"

Mo' è ora che le tirino fuori ste belle idee, visto che alla fine è solo software, sta periferica va sfruttata da loro e fare uscire giochini allo stesso prezzo di giochi la cui programmazione è durata come minimo 5 anni, io lo ritengo una truffa..

Proprio oggi vedevo che per pc qualcuno ha rilasciato uno street fighter che sembra davvero promettente, certo non è nulla di che, però paragonato a power up heroes, o fighter uncaged già si capisce la differenza..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^