RAD Soldiers: lo sviluppatore di Brink verso il free-to-play

RAD Soldiers: lo sviluppatore di Brink verso il free-to-play

Con il lancio di un nuovo publisher chiamato Warchest, Splash Damage ha iniziato lo sviluppo di videogiochi free-to-play per iOS, PC e console.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:41 nel canale Videogames
iOSApple
 

Anche per Splash Damage, lo sviluppatore di Enemy Territory Quake Wars e di Brink, si profila un futuro all'interno del settore dei free-to-play. Attraverso la nuova etichetta Warchest, Splash Damage distribuirà infatti giochi ad accesso gratuito per i formati iOS, PC e console.

RAD Soldiers

Il primo titolo della serie è RAD Soldiers, che vedete anche nell'immagine. Si tratta di un videogioco interamente sviluppato da Splash Damage che si presenta come uno strategico multiplayer a turni. Il gioco è previsto nel formato iOS e verrà rilasciato nel corso del mese di giugno.

Ambientato a Londra, RAD Soldiers chiama il giocatore ad assemblare una squadra di mercenari dotati di armi personalizzabili, equipaggiamento e specifiche abilità. Si può affrontare online in competizione contro altri giocatori, oppure offline contro l'intelligenza artificiale.

Portare a termine le missioni consente di acquisire denaro che può essere investito in nuovi soldati, opzioni di personalizzazione ed equipaggiamento, tutto sbloccabile nello store in-game. RAD Soldier farà uso anche di Game Center e Facebook, consentendo ai giocatori di configurare le sessioni di gioco in maniera asincrona rispetto al gameplay.

Si tratta del primo tentativo per Splash Damage di lavorare in maniera indipendente, mentre in passato ha sviluppato videogiochi sempre per conto di altri, configurandosi spesso come braccio destro di id Software. La possibilità di operare senza costi di produzione o legati alla distribuzione fisica del software ha consentito a Splash Damage di mettere in pratica questo cambio di prospettiva.

Il passaggio al gaming su mobile sembra, d'altronde, una mossa ormai obbligata per i produttori tradizionali di sparatutto in prima persona, basti vedere come Crytek, Bungee ed Epic abbiano fatto altrettanto con i vari Fibble, Crimson Steam Pirates e Infinity Blade.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Altair[ITA]20 Aprile 2012, 09:51 #1
"brink".


ok.
gildo8820 Aprile 2012, 18:01 #2
Avrei sperato in un ETQW (o simile) free to play, con grafica aggiornata, nuove mappe e qualche nuova meccanica di gioco. Di tutti i loro titoli è di sicuro il migliore. Questo onestamente mi sembra più una vaccata pensata per i tablet/smartphone...
AleK20 Aprile 2012, 18:29 #3
Originariamente inviato da: gildo88
Avrei sperato in un ETQW (o simile) free to play, con grafica aggiornata, nuove mappe e qualche nuova meccanica di gioco. Di tutti i loro titoli è di sicuro il migliore. Questo onestamente mi sembra più una vaccata pensata per i tablet/smartphone...


Io invece mi sarei accontentato di una rispolverata al primo mitico Enemy Territory. Quante ore ci ho giocato. Mamma mia!! Ma non si può avere tutto nella vita.
Link ad immagine (click per visualizzarla)
gildo8820 Aprile 2012, 19:27 #4
Originariamente inviato da: AleK
Io invece mi sarei accontentato di una rispolverata al primo mitico Enemy Territory. Quante ore ci ho giocato. Mamma mia!! Ma non si può avere tutto nella vita.
Link ad immagine (click per visualizzarla)


Per me andrebbe bene anche quello, infatti ho messo tra parentesi "o simile". Poi considerando che ultimamente gli fps sulla seconda guerra mondiale non sono molti, potrebbe essere un'idea vincente. Ma forse questi di Splash Damage, con Brink si sono fottuti il cervello... Cmq neanche ETQW era malaccio, anzi secondo me è uno dei migliori fps multiplayer a squadre.
nostradamus191521 Aprile 2012, 00:26 #5
Brink è un abominio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^