Project Spark: il Minecraft di Microsoft ora disponibile in beta

Project Spark: il Minecraft di Microsoft ora disponibile in beta

Il Beta Program permette ai giocatori di usare gli strumenti di sviluppo di Project Spark sia su piattaforma Windows 8.1 che Xbox One.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:15 nel canale Videogames
MicrosoftWindowsXboxMinecraft
 

Microsoft annuncia la disponibilità della Beta Release di Project Spark per Xbox One, dopo che la beta era stata avviata su piattaforma Windows 8.1 nello scorso dicembre. Hanno partecipato 250 mila giocatori alla precedente beta per Windows, secondo i dati divulgati da Microsoft.

Project Spark

Project Spark si caratterizza per una dinamica community di sviluppo, che usa degli strumenti atti a creare, esplorare e giocare mondi di gioco virtuali. Con le funzionalità cross-platform e attraverso la potenza del Cloud Saving, inoltre, gli sviluppatori del Project Spark possono ora creare le proprie opere su un dispositivo Windows 8.1 per poi prendere un controller e continuare a giocare su Xbox One e viceversa.

Gli utenti del digital playground potranno creare livelli, giochi e mondi unici, immediatamente giocabili. Ma si potranno anche giocare le creazioni degli utenti e remixarle secondo il proprio gusto personale. Le creazioni, infine, possono essere condivise con il Team Dakota e gli altri partecipanti alla Beta all’interno della community.

Per partecipare alla Beta di Project Spark, basta cliccare su questo link e registrarsi. Gli utenti che hanno già accesso al Beta Program per Windows 8.1 riceveranno l’accesso anche a quello per Xbox One.

Come Minecraft, Spark contiene gli strumenti per personalizzare in profondità il mondo di gioco, e interagire con i diversi elementi che ne stanno alla base come l'intelligenza artificiale dei personaggi. Per questo progetto Microsoft ha creato un team apposito, chiamato appunto Team Dakota, che ha sede a Redmond, quindi nello stesso posto in cui si trova il quartier generale Microsoft.

Le prime versioni di Spark erano costruite su Kodu, un linguaggio di programmazione visuale ideato inizialmente per i più giovani. Ma nelle successive fasi dello sviluppo il Team Dakota ha rimosso tutte le complicazioni, per fare in modo che Spark sia accessibile da chiunque, e che ogni giocatore possa creare il proprio mondo di gioco senza avere alcuna conoscenza di programmazione.

Gli utenti di Project Spark possono determinare anche il sistema di interfacciamento per la propria creazione, quindi se interagire con mouse e tastiera o con il gamepad. Ma hanno voce anche sulle caratteristiche di base del mondo e sulle proprietà fisiche degli oggetti.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^