Presentazione italiana per l'OS indipendente AROS

Presentazione italiana per l'OS indipendente AROS

Approda in Italia AROS, sistema operativo indipendente che ha quali primi obiettivi la semplicità d'uso e l'efficienza. È il frutto di un progetto iniziato nel 1995 da Aaron Digulla.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:23 nel canale Videogames
 
AROS è il frutto di uno sviluppo indipendente, iniziato nel lontano 1995. AROS è l'acronimo di AROS Research Operating System. Si tratta di un sistema operativo per il desktop che pone in primo piano l'efficienza e la facilità d'uso. Si tratta di un OS due volte indipendente: sia a livello di sviluppo e di produzione, sia indipendente dalla piattaforma.

È, inoltre, pensato per essere compatibile con AmigaOS 3.1 a livello di API (come Wine). Il codice sorgente è distribuito con una licenza open source, che permette a chiunque di migliorarlo come crede. AROS può essere portato sulle seguenti piattaforme: x86, PowerPC, Alpha, Sparc, HPPA e altre ancora. Il sistema, inoltre, può essere caricato all'avvio, ma può essere eseguito anche in finestra in dipendenza di un altro OS.

AROS è compatibile a livello binario su Amiga e a livello di sorgenti sul resto dell'hardware. Il Team AROS sta cercando professionisti, e non, che possano contribuire per sviluppare ulteriormente il progetto. Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale.

AROS sarà presentato in Italia in occasione dell'evento Pianeta Amiga 2007 che si terrà ad Empoli tra il 22 e il 23 settembre. La conferenza di presentazione si terrà sabato alle ore 16:00, mentre il presentatore sarà Paolo Besser che gli assidui lettori di testate videoludiche ricorderanno come il "Paolone di TGM".

Dal sito di AROS ricaviamo questa breve storia del progetto:

Nell'ormai lontano 1993, la situazione della piattaforma Amiga apparì in qualche modo più drammatica del solito e alcuni fan cominciarono a discutere sul da farsi, per mantenere vivo l'interesse sul loro computer preferito. Il motivo principale del suo scarso successo apparì chiaro: era la sua mancata diffusione. L'Amiga avrebbe dovuto essere una macchina più diffusa per risultare più attraente, sia per gli utenti sia per gli sviluppatori. Così cominciarono a pensare a un piano per risolvere il problema. Si pensò di correggere i bug di AmigaOS, o ancora di creare un sistema operativo più moderno. Nacque il progetto AOS.

Ma cos'era esattamente un bug? E come correggerlo? Quali sono le caratteristiche che un sistema moderno dovrebbe avere? E come inserirle all'interno di AmigaOS?

Due anni dopo, le persone stavano ancora litigando e non avevano scritto neanche una riga di codice (o per lo meno nessuno l'ha mai visto). Le discussioni erano giunto a un punto in cui qualcuno diceva "dobbiamo assolutamente..." e qualcuno rispondeva "leggi le vecchie email" o "non si può fare perché..." e qualcuno aggiungeva "ti sbagli in quanto..." e così via.

Nell'inverno del 1995, Aaron Digulla si stufò di queste discussioni e inviò una RFC (request for comments) alla mailing list di AOS in cui chiedeva quale fosse la base minima da cui partire. Arrivarono diverse risposte e alla fine si stabilì che tutti avrebbero desiderato un OS aperto che fosse compatibile ad AmigaOS 3.1 (kickstart 40.68), su cui eventualmente discutere in tempi successivi cosa fosse possibile migliorare e cosa no.

I lavori iniziarono e nacque AROS.

AROS

118 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zerk21 Settembre 2007, 10:34 #1
Quindi in teoria potrei rispolverare il mio vecchio amiga 1200 dall' armadio?
Wilfrick21 Settembre 2007, 10:46 #2
Ma....boh! a che serve? per tirare fuori i mitici giochi? basterebbe un emulatore. programmi che funzionano? presumo manco uno. Sforzo per fare questo OS? Immane. Non capisco.
Mister2421 Settembre 2007, 10:57 #3
Ma che senso ha fare un sistema operativo per un computer di 15 anni fa?

A questo punto facciamo un nuovo OS anche per un 486.
Sp4rr0W21 Settembre 2007, 11:02 #4
Originariamente inviato da: Mister24
Ma che senso ha fare un sistema operativo per un computer di 15 anni fa?

A questo punto facciamo un nuovo OS anche per un 486.


hai mai usato un'amiga? credo proprio di no.

Ai tempi AmigaOS quelli col PC erano ancora lì a scrivere righe di comando in DOS altro che multitasking

E poi non hanno fatto un sistema operativo per un computer di 15 anni fa visto che gira anche su X86...

Semmai è il S.O. ad essere portato su sistemi moderni
Bulfio21 Settembre 2007, 11:03 #5
E perchè, il 486 non è per caso un x86?
cagnaluia21 Settembre 2007, 11:04 #6
ma... non ho capito bene.. ma un pò di fretta ho dato un occhio al sito ufficiale.. e ho visto che questo AROS si installa su sistemi operativi FreeBSD 5.x o Linux.
Ma quindi questo AROS non è un S.O. vero e proprio.. è "solo" un interfaccia grafica come può esserlo.. che ne sò.. kde? gnome?
TecnoWorld821 Settembre 2007, 11:09 #7
quello che io non capisco è cosa si intende per compatibilità. se io gli do in pasto un programma amiga, lui lo apre? o è una compatibilità a livello, che so, di file system, nel senso che legge il contenuto ma non esegue file?

in ogni caso, è vero che basterebbe un emulatore, ma...questo in teoria è un OS completo, aperto e moderno, con il più, il plus di essere "basato" (come appunto non l'ho ancora capito) su Amiga OS.

Fatto sta che io ho ancora un 1200 con 68030 ed un 2000 con su una JanuxXT per la compatibilità con i PC dell'epoca, hehe. Acquistai il primo Ami esattamente 20 anni fa, settembre 1987. Quanti bei ricordi.
Mister2421 Settembre 2007, 11:09 #8
Originariamente inviato da: Sp4rr0W
hai mai usato un'amiga? credo proprio di no.

Ai tempi AmigaOS quelli col PC erano ancora lì a scrivere righe di comando in DOS altro che multitasking

E poi non hanno fatto un sistema operativo per un computer di 15 anni fa visto che gira anche su X86...

Semmai è il S.O. ad essere portato su sistemi moderni


Si, 15 anni fa avevo un Amiga 500plus e ricordo che il sistema operativo era una rivoluzione per l'epoca, ma rimane il fatto che oggi è obsoleto.
leo boss21 Settembre 2007, 11:10 #9
Originariamente inviato da: Sp4rr0W
hai mai usato un'amiga? credo proprio di no.

Ai tempi AmigaOS quelli col PC erano ancora lì a scrivere righe di comando in DOS altro che multitasking

E poi non hanno fatto un sistema operativo per un computer di 15 anni fa visto che gira anche su X86...

Semmai è il S.O. ad essere portato su sistemi moderni

ma che tristezza invece di andare avanti c'è gente che vorrebbe ancora tornare indietro alle righe di comando viva il progresso
sententia21 Settembre 2007, 11:10 #10
Originariamente inviato da: Bulfio
E perchè, il 486 non è per caso un x86?


No...è il terno sulla qruota di Bari

BYEZ

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^