Postal Redux: il remake del violentissimo sparatutto previsto per la primavera

Postal Redux: il remake del violentissimo sparatutto previsto per la primavera

Running with Scissors ha annunciato che rilascerà Postal Redux, il remake dello sparatutto in terza persona a visuale isometrica, nel corso della prossima primavera.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 07:01 nel canale Videogames
Steam
 

Postal Redux è un remake rivelato per la prima volta nel 2014 e che userà Unreal Engine 4 per aggiornare la grafica isometrica del gioco originale agli standard moderni. Il remake includerà alcuni contenuti provenienti dalla versione originale, insieme a nuovi elementi di gioco come una modalità inedita.

Postal Redux

Si tratta della cosiddetta Rampage Mode, che premierà i giocatori che realizzano le uccisioni più creative, le serie di uccisioni e i metodi di distruzione più devastanti. Il gioco offre una nuova grafica in alta risoluzione; insieme a musica, suoni e dialoghi rimasterizzati.

Tornano i livelli di gioco del Postal originale, così come un ampio esercito di nemici da sconfiggere e le armi sopra le righe tipiche di questo gioco. Postal Redux è previsto nei formati Windows, OS X e Linux, mentre successivamente arriverà anche su PS4. Altri dettagli si trovano su Steam.

Postal, la cui prima versione risale al 1997, è storicamente un gioco ampiamente apprezzato per il gameplay, ma anche ferocemente criticato per l'eccessiva e gratuita violenza, oltre che per i contenuti al limite. Il gioco, infatti, non ha una trama elaborata, limitandosi a narrare le vicende di un cittadino statunitense improvvisamente impazzito che decide di uccidere chiunque gli capiti a tiro.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^