PlayStation VR è il nome ufficiale di Project Morpheus

PlayStation VR è il nome ufficiale di Project Morpheus

Durante la sua conferenza al Tokyo Game Show, Sony ha annunciato il nome definitivo di quello che abbiamo conosciuto fino a oggi come Project Morpheus.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:06 nel canale Videogames
SonyPlaystation
 

PlayStation VR sarà il punto di riferimento per il gaming in realtà virtuale per le console PlayStation. Dopo la sua prima apparizione nel marzo del 2014, ha ricevuto sempre più consensi e oggi è una tecnologia particolarmente attesa da tutti gli appassionati di videogiochi.

PlayStation VR

"Il nome 'PlayStation VR' non definisce soltanto una nuova esperienza, firmata PlayStation, che permette ai giocatori di sentirsi come se fossero fisicamente all'interno del mondo virtuale di un gioco, ma riflette anche la nostra speranze che i nostri utenti possano provare un senso di familiarità godendo di questa straordinaria esperienza", ha dichiarato Masayasu Ito, EVP, Division president of PS Product Business and VP, Software Design Division. "Continueremo a perfezionare l'hardware, lavorando a stretto contatto con gli sviluppatori 3rd party e SCE Worldwide Studios, per creare contenuti emozionanti che solo VR può offrire".

Il nuovo hardware è disponibile sullo showfloor del Tokyo Game Show e può essere provato da tutti i visitatori dell'evento. Sony non comunica ancora il prezzo ufficiale o la data di rilascio precisa, ma questa dovrebbe essere collocata nella prima parte del prossimo anno.

Non è l'unico annuncio proveniente dal Tgs da parte di Sony, visto che ci sarà un taglio di prezzo per PS4 in Giappone. La riduzione è del 12,5%, dal precedente prezzo di 39.980 yen (295 euro circa) all'attuale di 34.980 yen (258 euro circa). Il cambio di prezzo diventerà effettivo a partire dall'1 ottobre e sembra possa essere propedeutico per un corrispondente taglio di prezzo anche per i mercati occidentali.

Sony ha annunciato anche che il lancio di PlayStation Now in Giappone è previsto per il 16 settembre. Si tratta del servizio di cloud gaming che consente di giocare ai titoli per le precedenti PlayStation anche su PS4, grazie all'elaborazione da remoto. Circa 150 titoli verranno resi disponibili tramite il servizio, e tra questi ci sarà anche The Last of Us. Si potranno noleggiare i giochi e si potrà iniziare a giocare senza aver completato il download.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7715 Settembre 2015, 14:24 #1
Ho ben più di un dubbio in merito alle prestazioni e pertanto sull'esperienza finale.

L'unica cosa certa in merito alla VR è che ci vuole potenza. Soprattutto in termini di GPU per garantire il rendering in real time con adeguata risoluzione e frequenza di due scene distinte.

Come contano di fare?
pin-head15 Settembre 2015, 14:51 #2
il visore sono è a 120 Hz, quindi teoricamente la PS4 dovrebbe elaborare i giochi in full HD a 120 FPS... di sicuro non può farlo con la qualità che invece ha un PC con una 970.
Quelli che l'hanno provato, però, ne parlano gran bene: mi piacerebbe sapere il parere di chi ha usato sia questo che un prototipo Oculus recente...
acerbo15 Settembre 2015, 14:58 #3
Originariamente inviato da: pin-head
il visore sono è a 120 Hz, quindi teoricamente la PS4 dovrebbe elaborare i giochi in full HD a 120 FPS... di sicuro non può farlo con la qualità che invece ha un PC con una 970.
Quelli che l'hanno provato, però, ne parlano gran bene: mi piacerebbe sapere il parere di chi ha usato sia questo che un prototipo Oculus recente...


domanda da ignorante, ma qual'é il rapporto refrash rate / FPS? Non sapevo che hli hertz corrispondessero ai frame per second
pin-head15 Settembre 2015, 15:19 #4
nel caso dei visori di VR, sì - per avere la miglior esperienza possibile è importante che gli FPS siano tanti, e che corrispondano al refresh del display.
E' anche facile capire perché: se per esempio giri la testa da destra a sinista di 180°, e lo fai in mezzo secondo, con un ipotetico refresh di 30 fps avresti un frame ogni 12 gradi, mentre con uno da 90 Hz avresti un frame ogni 4 gradi.
Nel primo caso il cervello si rende perfettamente conto della scattosità, e facilmente scatena la nausea. Nel secondo invece le cose vanno molto meglio.
Io ho il DK2 che si comporta abbastanza bene, con 75 Hz di refresh - chi ha provato il Crescent Bay, a 90 Hz, dice che è decisamente meglio e l'esperienza è molto più confortevole.
demon7715 Settembre 2015, 15:23 #5
Originariamente inviato da: acerbo
domanda da ignorante, ma qual'é il rapporto refrash rate / FPS? Non sapevo che hli hertz corrispondessero ai frame per second


No in effetti sono cose separate anche se usano la stessa unità di misura.

Gli FPS (frame per second) sono il numero di immagini complete renderizzate in uscita dalla sk video.
Il refresh del video invece è il numero di volte al secondo che il video aggiorna l'immagine.

Se i valori collimano tra di loro è l'ottimizzazione massima possibile altrimenti si avranno o refresh del video che riportano sempre il medesimo frame oppure frame renderizzati dalla scheda video persi perchè non riportati dal pannello lcd.

Va beh comunque purismi a parte se hai un visore/video che ti fa 60HZ costanti ed una sk video che con il tal gioco e la tal risoluzione te ne sforna 80-100 di media stai più che bene. (gioco fluido e reattivo)
Se invece gli FPS cominciano ad arrivare sui 30-40 sei al limite minimo diciamo.
Sotto i trenta sono rallentamenti effettivamente visibili e fastidiosi.

Detto questo.. con l'hardware a disposizione di PS4 io escluderei a priori la possiblità di avere DUE immagini full HD a 60 FPS di qualsivoglia gioco.. gli va già bene che ne fanno UNA.
demon7715 Settembre 2015, 15:25 #6
Originariamente inviato da: pin-head
nel caso dei visori di VR, sì - per avere la miglior esperienza possibile è importante che gli FPS siano tanti, e che corrispondano al refresh del display.
E' anche facile capire perché: se per esempio giri la testa da destra a sinista di 180°, e lo fai in mezzo secondo, con un ipotetico refresh di 30 fps avresti un frame ogni 12 gradi, mentre con uno da 90 Hz avresti un frame ogni 4 gradi.
Nel primo caso il cervello si rende perfettamente conto della scattosità, e facilmente scatena la nausea. Nel secondo invece le cose vanno molto meglio.
Io ho il DK2 che si comporta abbastanza bene, con 75 Hz di refresh - chi ha provato il Crescent Bay, a 90 Hz, dice che è decisamente meglio e l'esperienza è molto più confortevole.


Ah ecco un aspetto importante che non avevo considerato pensando all'uso standard del display.
Su un visore quindi la questione refresh assume una importanza molto maggiore.
pin-head15 Settembre 2015, 17:53 #7
Originariamente inviato da: demon77

Detto questo.. con l'hardware a disposizione di PS4 io escluderei a priori la possiblità di avere DUE immagini full HD a 60 FPS di qualsivoglia gioco.. gli va già bene che ne fanno UNA.



eh in realtà l'immagine in FullHD è una, splittata - anche l'Oculus nelle sue declinazioni usa lo stesso sistema, cioè un solo display su cui vengono visualizzate le immagini per l'occhio sx e quelle per l'occhio dx.

Nel caso del Playstation VR ogni occhio ha quindi un'immagine da 960*1080, che in effetti sono ancora meno, perché i bordi sono neri (dato che non vengono visualizzati).
Esempio:
https://anttiilomaki.files.wordpres...0910_224921.jpg

il problema della ps4 non varia rispetto a quello che dici: è vero che non sono due immagini fullHD a 60Hz, ma si tratta di un fullHD a 120 Hz.

Come dicevo, chi lo ha provato è entusiasta: mi piacerebbe capire come hanno fatto, forse usano un interpolatore dei frame simile a quello (che odio) delle TV.
demon7715 Settembre 2015, 18:00 #8
Originariamente inviato da: pin-head
eh in realtà l'immagine in FullHD è una, splittata - anche l'Oculus nelle sue declinazioni usa lo stesso sistema, cioè un solo display su cui vengono visualizzate le immagini per l'occhio sx e quelle per l'occhio dx.

Nel caso del Playstation VR ogni occhio ha quindi un'immagine da 960*1080, che in effetti sono ancora meno, perché i bordi sono neri (dato che non vengono visualizzati).
Esempio:
https://anttiilomaki.files.wordpres...0910_224921.jpg

il problema della ps4 non varia rispetto a quello che dici: è vero che non sono due immagini fullHD a 60Hz, ma si tratta di un fullHD a 120 Hz.

Come dicevo, chi lo ha provato è entusiasta: mi piacerebbe capire come hanno fatto, forse usano un interpolatore dei frame simile a quello (che odio) delle TV.


Ok, una FHD a 120 hz (o due "HALF HD" a 60 fps) sono comunque un carico della madonna per una PS4.
L'unica cosa che mi viene in mente è che il software dipsponibile per l'uso con il VR sia specifico e caratterizzato da oggetti stilizzati e super leggeri che determinano un carico di lavoro minimo per la GPU.
Si scordino di poter caricare in VR battlefield 4 e giocarci come nulla fosse.. no?
bobafetthotmail15 Settembre 2015, 18:47 #9
secondo me servono due o tre ps4 insieme, altro che.
kamon15 Settembre 2015, 20:15 #10
Che nome originale!

Scommetto che avrà la stessa diffusione esplosiva di kinect ed oculus rift.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^