PlayStation 3 come un computer per evitare le tasse?

PlayStation 3 come un computer per evitare le tasse?

Alcune indiscrezioni vorrebbero che Sony stia cercando di far classificare PlayStation 3 come un computer per evitare le tasse dovute all'importazione dei giochi.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:37 nel canale Videogames
SonyPlaystation
 
Negli ultimi giorni si parla molto delle analogie che PlayStation 3 sembra avere con i tradizionali PC. Sia Harrison che Kutaragi, due dei dirigenti di spicco di Sony, hanno recentemente sostenuto che, in realtà, PlayStation 3 è molto più simile ad un PC che ad una console. Questo è giustificato con la tradizionale motivazione che la nuova console di Sony potrà essere upgradata in un secondo momento, migliorandone così le caratteristiche hardware.

In realtà, questa procedura è già stata vista, considerando che fu attuata anche per il lancio di PlayStation 2. Sony, infatti, era molto preoccupata dell'oneroso impatto che le tasse dovute all'importazione dei giochi all'interno dell'Unione Europea avrebbero comportato sui propri conti. Tali tasse vengono applicate unicamente per i giochi console, non per quelli PC.

Sony rilasciò effettivamente una versione di Linux per PlayStation 2. Questa manovra, di fatto, diede l'opportunità a Sony di classificare PlayStation 2 come un computer, e non come una normale console. La storia sembra, dunque, ripetersi pedissequamente con PlayStation 3 anche per l'aspetto riguardante Linux. Come sapete, infatti, quest'ultimo sarà immediatamente presente in ognuna delle PlayStation 3 fin dal momento del lancio della console.

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Luca6914 Giugno 2006, 08:41 #1
Fatta la legge .... trovato l'inganno! Chissa se qualche buon "italiano" lavora alla Sony
DarKilleR14 Giugno 2006, 08:48 #2
Bhe sia X-Box che PS2, PSOne e PS2 nano o come si chiama, sono sempre state importate nell'unione europea classificandole come PC per evitare le tasse.


E' sempre stato così.
GianL14 Giugno 2006, 08:54 #3
Fatica sprecata, in Italia non è necessario:
avete un'idea di quanti consulenti informatici hanno comprato la PS al figlio e l'hanno scaricata come costo aziendale?
Giustificazione: "se arriva il Cicillo Cacace della GdF gli dico che mi serve perchè sviluppo software per PS".

EDIT: per quel che riguarda i dazi doganali non mi risulta esistano categorie doganali separate: l'hardware ha già un'aliquota generalizzata molto vicina allo 0% (probabilmente è oramai, giustamente, considerato un fattore produttivo cruciale quindi controproducente tassarne l'importazione), mentre per il software non credo che esista una differenziazione software applicativo - videogame nè tanto meno videogame per PC-videogame per console; attendo conferme/smentite.
r.14 Giugno 2006, 09:15 #4

L'articolo è chiaro

X GianL (non credo che esista una differenziazione software applicativo - videogame nè tanto meno videogame per PC-videogame per console; attendo conferme/smentite)

l'articolo:

Tali tasse vengono applicate unicamente per i giochi console, non per quelli PC.

PS: Perchè non riesco a loggarmi sul forum (mi rimane la pagina
http://www.hwupgrade.it/forum/login.php bianca ogni volta che provo)?
GianL14 Giugno 2006, 09:35 #5
Corretto, mi sono informato meglio.
Dazi sull'hardware (QUALSIASI tipo di hardware) e sul software per PC (sia serio che VG) = 0%. Non sui videogame per console.
Finalmente mi spiego perchè i giochi per console costano di più: avete info più precise sull'aliquota effettiva per capire se giustificano al 100% le differenze sullo stesso gioco fra piattaforma PC e console?
TROJ@N14 Giugno 2006, 09:38 #6
Sta PS3 ampò scassato....tirate fuori l'arrosto che del fumo mi sono rotto...
Xlive.DoomIII++14 Giugno 2006, 09:40 #7
scusate ma quindi in pratica questa tassa la pagano M$ e Nintendo?
GianL14 Giugno 2006, 09:44 #8
ahimè è molto probabile attendersi una traslazione al 100% dell'imposizione sul consumatore finale:
se il gioco costa 100 + 5 di dazi, il prezzo di partenza sullo scaffale del negozio sarà 105 + il mark-up (guadagno) per il negoziante.
ronthalas14 Giugno 2006, 09:48 #9

XliveDoom3

no, in realtà la tassa alla fine la paghiamo noi consumatori, in quanto ultimo elemento della catena su cui scaricare tutti i costi.
Quindi se a loro tocca pagare 10 euro di tassa per ogni copia di gioco importata, noi al negozio paghiamo quella copia ulteriori 10 euro (+ IVA 20%).
Bluknigth14 Giugno 2006, 10:52 #10
Nintendo di solito importa le sue console come giocattoli e quindi paga i dazi applicati a questa categoria merceologica. Almeno così ricordo avesse fatto con il GC., torna a qualcun altro?

Con la PS2 se non ricordo male questa strategia andò male alla Sony, che dovette vedersi applicare i dazi. Ricordo di un articolo (non so se era una buffonata) che diceva che grazie a questa interpretazione della commissione euro Saddam aveva aquistato un numero considerevole di console per trasformarle in unità di controllo (sui pc c'era l'ambargo).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^