Pirateria e produttori indipendenti: la parola a Ritual Entertainment

Pirateria e produttori indipendenti: la parola a Ritual Entertainment

Mike Russell di Ritual Entertainment, in un'intervista rilasciata a Shacknews, spiega come la pirateria possa compromettere un progetto indipendente come SiN Episodes.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:43 nel canale Videogames
 
"Faccio parte dell'industria dei videogiochi da diversi anni, e quindi conosco le conseguenze della pirateria. Io ho visto software house chiudere per questo motivo, ho visto persone perdere la propria casa". Sono alcune delle parole con le quali Mike Russell, Ritual Entertainment, descrive l'incidenza della pirateria sul mercato videoludico PC.

L'intervista è stata raccolta da Shacknews e rapporta questo fenomeno soprattutto con l'ultimo gioco di Ritual Entertainment, ovvero SiN Episodes. Quando il gioco fu lanciato, ad esempio, gli sviluppatori si aspettavano di ricevere richieste di supporto in proporzione 1 a 1 tra coloro che possedevano la copia originale e quelli che invece giocavano con una versione illegale del software; oggi tale rapporto è invece di 5 a 1 a favore di coloro che non possiedono la versione originale di SiN Episodes.

Secondo Russell gran parte delle responsabilità vanno addebitate agli ISP (Internet Service Providers), in quanto sono gli unici che possono realmente monitorare coloro che fanno uso della propria connessione per scopi illegali. Evidentemente si riferisce al crescente fenomeno del download di versioni illegali del software tramite peer to peer.

Russell fa riferimento anche alla decadente situazione del mercato videoludico PC, sulla quale si era concentrato, nei giorni scorsi, anche Mark Rein di Epic Games. Per Russell il primo motivo che spinge i produttori verso le console è proprio quello legato alla pirateria, da sempre pratica più facile su questa piattaforma. A questo elemento, si aggiunge l'aumento dei costi, soprattutto relativamente alle fasi di beta test dei giochi.

"Sul PC ci sono milioni di combinazioni possibili [a livello hardware], e testarle tutte è proibitivo. Quindi è veramente difficile rimuovere tutti i bug da un titolo PC. E' meno costoso eseguire questa operazione su console, e inoltre c'è meno pirateria. Questo è il motivo che spinge tutti verso le console".

Alla domanda se in questo può venire in aiuto l'approccio accentratore che Microsoft sta cercando di attuare con Windows Vista, Russell risponde affermativamente. "Io spero che con Vista, grazie al nuovo modello che regola i driver delle schede video, molte cose siano significativamente più semplici. In più, potremo usufruire di un sistema a shader unificati, dove i driver non sono più un problema".

Mike Russell non ha voluto fare riferimento alla versione console di SiN Episodes, che molte indiscrezioni vogliono già in fase di sviluppo. Russell sostiene che è una questione di pertinenza del produttore. Non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione neanche a proposito del secondo episodio di SiN Episodes per PC.

93 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dema8631 Luglio 2006, 08:53 #1
"Secondo Russell gran parte delle responsabilità vanno addebitate agli ISP (Internet Service Providers), in quanto sono gli unici che possono realmente monitorare coloro che fanno uso della propria connessione per scopi illegali."
Il solito discorso, per eliminare la pirateria non si può eliminare la privacy, caro il mio Russell.
magilvia31 Luglio 2006, 09:08 #2
Faccio parte dell'industria dei videogiochi da diversi anni, e quindi conosco le conseguenze della pirateria. Io ho visto software house chiudere per questo motivo, ho visto persone perdere la propria casa

Si, probabilmente hanno perso la 15° villa a tre piani e si sono dovuti accontentare di 14...
Ma per favore non diciamo idiozie! Se un gioco non vende è perchè fa schifo il gioco. La maggior parte di chi lo pirata non lo comprerebbe comunque come è sempre stato.
topspin8731 Luglio 2006, 09:23 #3
A volte succede ke gente ke pirata i giochi, successivamente li compra originali xche hanno il multiplayer o xche gli è paciuto.........ma cm avete detto voi se un gioco fa schifo fa schifo.........e poi nn penso ke sia così tragica la faccenda......
Dias31 Luglio 2006, 09:24 #4
Originariamente inviato da: magilvia
Si, probabilmente hanno perso la 15° villa a tre piani e si sono dovuti accontentare di 14...
Ma per favore non diciamo idiozie! Se un gioco non vende è perchè fa schifo il gioco. La maggior parte di chi lo pirata non lo comprerebbe comunque come è sempre stato.



Hai una visione un po' distorta dell'industria.

Se tu credi che tutti quelli che lavorano nell'ambito videoludico guadagnano 10k$ al mese allora sei fuori strada, ma abbondantemente.

Se un gioco non vende non è perchè fa schifo (ci sono tanti giochi che fanno cagare ma che hanno venduto a milionate, mentre quelli belli e con idee originali vendono 2 copie se va bene), la maggior parte del pubblico non legge di certo le recensioni. Non vendono perchè:

- cattiva campagna pubblicitaria
- pirateria

Quindi smettiamola di fare ipocrisia da scrocconi, pirateria c'è ed è un problema reale che sta soffocando l'industria, i costi crescono ma i profitti diminuiscono, bel andamento del cazzo.

Scaricare la colpa sugli ISP ovviamente è inutile, dovrebbero lavorare sui vari sistemi di protezione (non come Starforce, più verso il Steam).
Baltico31 Luglio 2006, 09:28 #5
ormai si è delineato il modo per evitare che i giochi vengano piratati.

Farli solo multiplayer con codice di verifica [vedi wow, guild wars] oppure metterli dentro un sistema come quello della valve, steam
bellaLI!31 Luglio 2006, 09:29 #6
Originariamente inviato da: magilvia]Ma per favore non diciamo idiozie! Se un gioco non vende è
non nascondiamoci dietro un dito: se non vende perchè fa schifo non dovrebbe nemmeno trovare gran diffusione nei canali warez.. e invece guardacaso i titoli più piratati sono anche quelli più venduti (e più attesi e giocati)








[QUOTE=Baltico]ormai si è delineato il modo per evitare che i giochi vengano piratati. (...) metterli dentro un sistema come quello della valve, steam

come nel caso proprio di Sin Episodes..
HexDEF631 Luglio 2006, 09:30 #7
Originariamente inviato da: magilvia
Si, probabilmente hanno perso la 15° villa a tre piani e si sono dovuti accontentare di 14...
Ma per favore non diciamo idiozie! Se un gioco non vende è perchè fa schifo il gioco. La maggior parte di chi lo pirata non lo comprerebbe comunque come è sempre stato.


secondo me non navigano nell'oro come tu credi... ultimamente sono spariti molti produttori di giochi, e non credo che abbiano smesso perche' avevano fatto troppi soldi!
In parte e' vero quello che dici, ci sono molti che usano la versione pirata come demo, e solo nel caso il gioco piaccia se lo prendono originale, ma ce ne sono tantissimi che non hanno nemmeno un gioco originale e giocano tutti i giorni!.... pero' i 1000 euro per il sistema SLI li trovano sicuramente!
In parte e' questione di "educazione" nel senso che quando si pirata una copia del gioco non si ha la minima impressione che si stia rubando qualcosa, e questo si capisce sopratutto quando si inizia a lavorare (io mi incazzerei a bestia se non mi pagassero per un lavoro che ho fatto)...

D'altra parte le case produttrici non credo abbiano scelto i metodi migliori per diminuire la pirateria... protezioni sempre piu' rompiballe danno solo fastidio a chi ha comprato originale, prezzi molte volte assurdi (Mark Rein in un'intervista aveva detto che se fosse per lui i giochi avrebbero come prezzo circa 20$) restrizioni che una volta non c'erano... pensate al vecchio diablo che permetteva di giocare in LAN con una sola copia del gioco!... secondo me dovrebbero permettere l'installazione su almeno 2 macchine dello stesso gioco senza tante rogne, e con la possibilita' di farsi almeno una partita in LAN... tipo fear adesso controlla il codice di gioco anche in LAN, e quindi con una copia sola non si riesce a giocare

Ovviamente tutto questo IMHO!

Ciao
Eugenio_3031 Luglio 2006, 09:32 #8
Chi pirata un gioco non lo comprerebbe comunque........al limite lo comprerebbe insieme ad altri e poi farebbero le copie per tutti i partecipanti alla spesa, perciò il rapporto resterebbe comunque vicino a 5:1, gli ISP non c'entrano nulla!!
Se i giochi invece di 60 euro ne costassero 20, o meno.........mi ricordo Max Payne 2, finito in 3 ore di gioco effettive e pagato 50 euro (poi prontamente rivenduto) !!! Questo no è un furto ?!?!?!
topspin8731 Luglio 2006, 09:34 #9
si ma anke il sistema della valve è stato fregato...infatti2settimane dopo l'uscita era già disponibile in rete.........ha ragione dias quando dice ke la campagna pubblicitaria è fondamentale, ma nn dirmi ke la pirateria distrugge il mercato......
ErminioF31 Luglio 2006, 09:41 #10
La pirateria non colpisce duramente nè i grandi giochi (i quali comunque vengono comprati originali da parecchie persone), nè quelli mediocri (che vengono scaricati più per noi che effettiva voglia di giocare, non fossero copiabili non si comprerebbero certamente).
Sin emergency appartiene alla 2° categoria
E poi c'è sempre il multiplayer...
Di certo la pirateria danneggia, ma non in maniera così significativa

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^