Peak, un gioco mobile progettato da neuroscienziati

Peak, un gioco mobile progettato da neuroscienziati

Peak è studiato per migliorare lo sviluppo cognitivo dei suoi giocatori ed è approvato da un team di neuroscienziati.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:01 nel canale Videogames
 

Questo videogioco per iOS e Android è stato progettato per aiutare a raggiungere un livello ottimale di abilità cerebrali attraverso il miglioramento di memoria, concentrazione, problem solving, agilità mentale e abilità di linguaggio. Peak è progettato, testato e convalidato da neuroscienziati e accademici, come si può leggere sul sito ufficiale.

Peak

La versione di base di Peak è gratuita, mentre sottoscrivendo l'abbonamento da 4,99 € al mese si ha modo di accedere ai programmi di allenamento avanzati e di migliorare più velocemente.

Fra i progettisti degli esercizi mentali di Peak troviamo la professoressa Barbara J. Sahakian dell'Università di Cambridge. "I nostri studi allo stato dell'arte sulle neuroscienze, combinati all'approccio innovativo di Peak, portano il concetto di videogioco a un nuovo livello e allo stesso tempo promuovono i benefici del potenziamento cognitivo", dice la scienziata.

Anche C8Sciences ha collaborato allo sviluppo di Peak. Si tratta di un fornitore di programmi di allenamento mentale fondato da Bruce E. Wexler, un professore di psichiatria e ricercatore presso la Yale School of Medicine. C8Sciences affronta il problema del miglioramento cognitivo sia attraverso i videogiochi che tramite l'attività fisica, con focus sui bambini e su coloro che sono affetti da ADHD.

Della lista dei collaboratori fa parte anche Jinxia Dong, direttrice del Centro di Ricerca per la Società e lo Sport dell'Università di Pechino. "Queste partnership puntano a migliorare il design, lo sviluppo e la distribuzione di Peak, mentre tramite il programma di neuroscienze di C8Sciences si può consentire al videogioco di migliorare grandemente le funzioni cognititive", aggiunge Wexler.

Il progetto coinvolge anche Intelligym, che ha come principale focus il miglioramento delle attività cognitive degli atleti, e BrainWays, programma invece destinato agli imprenditori.

Peak si compone di 24 giochi, allo stesso tempo divertenti e stimolanti. Si può personalizzare il programma di allenamento e accedere alle analisi approfondite delle performance. Peak si può scaricare su App Store e su Google Play.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ferro7507 Maggio 2015, 08:48 #1
4.99 €/mese!
Si accontentano di poco
Rubberick07 Maggio 2015, 09:22 #2
Originariamente inviato da: ferro75
4.99 €/mese!
Si accontentano di poco


sempre dottori sono

va almeno non c'e' da pagare anche la 2-5 euro di mancia obbligatoria e in nero alla segretaria in ingresso che non fa un cavolo se non aprirti la porta
PietroGiuliani07 Maggio 2015, 10:00 #3
Non è che è una sòla alla Lumosity?
C'era un articolo interessante intitolato "Fake progress" mi pare che parlava di gamification applicata ai giochi di brain training... fa aprire gli occhi...
Cappej07 Maggio 2015, 10:06 #4
abbonamento? però...
djfix1307 Maggio 2015, 10:17 #5
saranno anche dei geni ma l'icona del gioco fa pena proprio...
diddum07 Maggio 2015, 10:17 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
va almeno non c'e' da pagare anche la 2-5 euro di mancia obbligatoria e in nero alla segretaria in ingresso che non fa un cavolo se non aprirti la porta


Eh ????

Scusa, stavi scherzando, vero ? Oppure dimmi in quale citta'/secolo vige questa
pratica, perche' una cosa simile non l'ho mai sentita dire.
pabloski07 Maggio 2015, 11:08 #7
Originariamente inviato da: diddum
Scusa, stavi scherzando, vero ? Oppure dimmi in quale citta'/secolo vige questa
pratica, perche' una cosa simile non l'ho mai sentita dire.


Magari. Il mio medico di base ha una vecchia come "segretaria" ( è talmente vecchia che ha bisogno di aiuto, altro che offrirne ). Ebbene costui ( già di famiglia ricca, divenuto ancora più ricco ) non le passa lo stipendio e la vecchia campa con l'euro/obolo che pretende da tutti gli avventori dello studio medico.
atomico8207 Maggio 2015, 11:29 #8
pabloski sono sicuro che sei di Napoli... purtroppo questa dell'euro alla porta è una brutta usanza nostra. Ma se non siamo prima noi a ribellarci non possiamo lamentarci. Io per partito preso non ho MAI dato niente.. mi dispiace per la povera segretaria.. ma che io le paghi lo stipendio se lo scorda... il medico può benissimo pagare i suoi dipendendi come fanno tutti.
Cooperdale07 Maggio 2015, 11:30 #9
Originariamente inviato da: PietroGiuliani
Non è che è una sòla alla Lumosity?
C'era un articolo interessante intitolato "Fake progress" mi pare che parlava di gamification applicata ai giochi di brain training... fa aprire gli occhi...


Ah è una sola Lumosity? Io mi ci divertivo...

Ormai comunque non è facile distinguere le sòle, o capire se l'articolo su una sòla sia a sua volta una sòla.
cignox107 Maggio 2015, 11:52 #10
-Magari. Il mio medico di base ha una vecchia come "segretaria" ( è talmente vecchia che ha bisogno di aiuto, altro che offrirne ). Ebbene costui ( già di famiglia ricca, divenuto ancora più ricco ) non le passa lo stipendio e la vecchia campa con l'euro/obolo che pretende da tutti gli avventori dello studio medico.

Se non fosse che questa settimana ho giá avuto tre brutte notizie riguardo a persone a me vicine, questa sarebbe al primo posto tra le piú tristi.

Domanda: ma controlli non se ne fanno? Denuncie non ne partono? Tutto cosí, alla luce del sole?

Comunque spero proprio che queste tecniche siano alla portata se non mia, almeno dei miei figli. Non per farli arrivare a 110 anni, ma magari per farli arrivare bene a 90 :-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^