Overwatch: arriva il browser delle partite

Overwatch: arriva il browser delle partite

Blizzard sta provando sul PTR il nuovo browser delle partite, che offrirà una serie di filtri che consentiranno ai giocatori di trovare il match che preferiscono.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:21 nel canale Videogames
BlizzardOverwatch
 

È una novità molto importante per il mondo di Overwatch: il game director Jeff Kaplan ha infatti rivelato che presto arriverà il browser delle partite. Quest'ultimo elencherà tutti i match personalizzati presenti in ciascuna regione e offrirà una serie di opzioni di filtro e ordinamento in modo che i giocatori possano individuare con esattezza il match che preferiscono. Inoltre, i giocatori potranno gestire i propri server di gioco pubblici o privati.

Overwatch

La scelta di Blizzard, benché non presente nella versione iniziale di Overwatch, è contraria alla recente tendenza, con i giochi multiplayer che vanno sempre più verso matchmaking automatizzati in modo da associare i giocatori con lo stesso livello di abilità, ping e che si trovano geograficamente in condizioni di prossimità.

"In molti casi i giocatori vogliono provare modalità di gioco differenti rispetto al gioco veloce, arcade o competitivo, e giocare Overwatch in un modo differente rispetto al consueto", dice Kaplan nel video che riportiamo in questa pagina. "Per noi, però, è impossibile creare un sistema di matchmaking automatico che soddisfi tutte queste esigenze".

Kaplan aveva accennato alla presenza del browser delle partite già nella scorsa estate. È già disponibile nella Public Test Region, ma non c'è ancora una data per la disponibilità pubblica.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^