OnLive: app per iPad, ma senza gameplay streaming

OnLive: app per iPad, ma senza gameplay streaming

Il noto servizio di game streaming arriva anche sul dispositivo portatile di Apple, pur senza funzionalità di gameplay streaming.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:36 nel canale Videogames
AppleiPad
 

OnLive ha rilasciato una nuova app per iPad chiamata OnLive Viewer che consente di usare alcune caratteristiche da social network, come la possibilità di contattare gli amici e di condividere con loro i risultati ottenuti nei giochi. Si possono anche registrare i video, caricarli nel cloud e consentire così agli amici di vederli. Altre informazioni si trovano qui.

OnLive è il servizio di gaming basato su cloud che consente di giocare su PC e Mac mentre i calcoli della grafica vengono realizzati in remoto. Sarebbe stato interessante poter giocare anche su iPad mentre il sistema sfrutta la potenza computazionale disponibile nel cloud. Probabilmente, gli sviluppatori di OnLive stanno lavorando su una funzione del genere, ma la vedremo solamente in futuro.

OnLive ha raggiunto accordi con i produttori Electronic Arts, Ubisoft, 2K Games, THQ e Warner Bros. Secondo il produttore la latenza della connessione a internet non costituisce un problema, perché l'esperienza di gioco sarà comunque gratificante e coinvolgente. Per realizzare OnLive sono serviti otto anni di sviluppo. Il principio di base riguarda il calcolo della grafica in remoto e l'invio delle immagini già renderizzate sul terminale di casa senza che quest'ultimo effettui altri calcoli.

OnLive è compatibile con PC e Mac, in questi casi basta installare un semplice plug-in del browser. Funziona anche con un semplice monitor, al quale va collegato un box che la società definisce MicroConsole. Questo serve esclusivamente per ricevere le informazioni dal computer remoto. Per il corretto funzionamento del sistema occorre una connessione ad ampia banda, di 5MBps per la risoluzione 720p HD e di 1,5Mbps per la risoluzione 480i.

Il servizio su PC e Mac è disponibile negli Usa dallo scorso giugno al costo di $9.99 mensili. Ulteriori informazioni sul cloud computing per i videogiochi si trovano in questa news.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JamesTrab10 Dicembre 2010, 12:00 #1
Mi sembra una cosa fantastica se dovesse funzionare bene!
A parte questo progetto Apple, sembra il futuro in molti ambiti, fai lavorare workstation e mandi soltanto il flusso video ad un netboook, notebook o comunque un pc senza prestazioni enormi. Ci vorrebbero connessioni migliori perché comunque si tratta di inviare in streaming un video in HD o fullHD, ma l'idea è geniale.

Dovrebbe pensarci anche Google col suo Chrome OS.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^