Oculus, sesta acquisizione per la realtà virtuale

Oculus, sesta acquisizione per la realtà virtuale

La startup adesso controllata da Facebook ha confermato di essere vicina al completamento dell'acquisizione di Pebbles Interfaces, una compagnia che si occupa di sensori di movimento con sede a Israele.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
Oculus RiftFacebook
 

Fondata nel 2010, Pebbles Interfaces si occupa di sensori di movimento capaci di riprodurre nella virtualità oggetti fisici come le mani dei giocatori. Sostiene di fornire una tecnologia priva di latenza, il che è uno dei principali punti di interesse per Oculus VR in vista del lancio di Oculus Rift nella primavera del 2016. L'acquisizione di Pebbles mira soprattutto all'integrazione di una tecnologia avanzata per il tracciamento delle mani all'interno dell'esperienza in realtà virtuale.

Pebbles Interfaces ha costruito una tecnologia che si basa su ottica personalizzata, sistemi di sensori e algoritmi, con l'obiettivo di replicare i movimenti delle mani. "Nel corso del tempo, le innovazioni tecnologiche nel settore dei sensori abilitano nuove modalità di interazione in realtà virtuale e rivoluzionano il mondo di comunicare all'interno dei mondi virtuali", si legge sul blog di Oculus.

Pebbles ha ricevuto già due round di finanziamento, uno da 450 mila dollari nel 2011, e un secondo da 11 milioni di dollari nel 2013, guidato in questo caso da SanDisk.

"Negli ultimi cinque anni ci siamo occupati di riproduzione del comportamento umano", si legge in un comunicato di Pebbles. "Contemporaneamente, abbiamo notato enormi passi in avanti per le tecnologie di realtà virtuale, cambiando il modo in cui le persone interagiscono tra loro. Al culmine di questo avanzamento, troviamo gli sforzi di Oculus, che punta a rivoluzionare l'interazione umana in ambito digitale. Ringraziamo i nostri partner, gli investitori e i dipendenti, e non vediamo l'ora di iniziare la nostra collaborazione con il team di Oculus".

Dal momento in cui Facebook ha acquisito Oculus a marzo 2014 per 2 miliardi di dollari, diverse compagnie sono entrate nell'orbita Oculus a partire da Carbon Design Group. Acquisita nel mese di giugno 2014, questa compagnia aveva aiutato Microsoft a realizzare il controller di Xbox 360, così come Kinect. Due settimane dopo, Oculus acquisiva anche RakNet, una società che gestisce un engine di game-networking.

Lo scorso dicembre, Oculus acquisiva altre due compagnie operanti nel settore della realtà virtuale, precisamente Nimble VR e 13th Lab, prima di far propria anche la startup di computer vision Surreal. Pebbles Interfaces è quindi la sesta acquisizione fatta da Oculus dal momento in cui la società è stata acquisita da Facebook. Anche in questo caso, come per i cinque precedenti, non viene divulgato il valore dell'accordo.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^