Nuovi dettagli per Mass Effect Andromeda da BioWare

Nuovi dettagli per Mass Effect Andromeda da BioWare

Torneranno le missioni lealtà di Mass Effect 2 e il protagonista Ryder sarà più inesperto di Shepard. Confermata una fase di beta test su PlayStation 4 e Xbox One.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 08:01 nel canale Videogames
Electronic Arts
 

Il trailer di Mass Effect Andromeda pubblicato da BioWare nella giornata di ieri ha permesso ai fan della serie di conoscere qualche nuovo dettaglio sul protagonista Ryder e sullo scopo che sarà perseguito nel corso dell’avventura. Il giocatore avrà l’incarico di esplorare la galassia di Andromeda nell’ambito di un ambizioso progetto di colonizzazione interstellare che ha avuto inizio nel 2185, poco prima che il comandante Shepard venisse riportato in vita da Cerberus.

L’equipaggio coinvolto nell’Iniziativa Andromeda riuscirà quindi a viaggiare in ipersonno per ben 600 anni, arrivando a destinazione intorno all’anno 2785. L’ampio scarto temporale e la notevole distanza sono proprio i principali elementi che permettono di considerare Andromeda come un’esperienza narrativa completamente scollegata dalla trilogia precedente.

Peraltro BioWare ha confermato che alcune delle caratteristiche disponibili nei precedenti capitoli ritorneranno, ad esempio le missioni lealtà presenti in Mass Effect 2. Il direttore creativo Mac Walters ha dichiarato che queste dinamiche saranno riproposte anche in Andromeda, tuttavia rispetto al passato avranno una funzione secondaria e opzionale.

Nome immagine

“Ho amato le missioni fedeltà. Come autore una delle cose che ho apprezzato è stata la libertà di dire ‘so che questo personaggio avrà un’evoluzione’, in modo che quelle missioni potessero farsi carico di una parte importante della narrazione. Ciò ha reso il mio lavoro più semplice ma anche più divertente, perché ho potuto raccontare una storia più specifica in alcune di quelle missioni”, ha spiegato Walters durante un’intervista concessa a Game Informer.

“La principale differenza tra Andromeda e Mass Effect 2, dove le missioni lealtà avevano un impatto sul finale, è che in questo caso saranno per lo più opzionali. Se non vorrete affrontarle non sarete obbligati. Al contempo se vorrete cimentarvi con questi incarichi dopo aver completato il percorso principale, sarete liberi di farlo”.

Walters ha poi fornito alcuni dettagli su Ryder – Scott nella versione maschile, Sarah in quella femminile – spiegando che il nuovo protagonista possiede meno esperienza di quanta ne avesse il Comandante Shepard agli inizi della precedente trilogia.

Il sistema di combattimento di Andromeda sarà ulteriormente migliorato rispetto al passato e sarà presente un sistema di coperture dinamico, simile a quello di The Last of Us, che incoraggerà il giocatore a muoversi in modo più frequente e sistematico all’interno delle mappe.

Il maggior dinamismo sarà garantito anche dall’utilizzo del jetpack, con cui sarà possibile sfuggire agli attacchi o acquisire una miglior visuale sui bersagli. BioWare ha intenzione di proporre la suddivisione in classi, dando però una certa libertà al giocatore nella scelta delle abilità e degli stili di combattimento. Crescendo di livello si acquisiranno punti da spendere in specifiche categorie abilità, mentre gli equipaggiamenti potranno essere migliorati e personalizzati.

Nelle ultime ore BioWare ha confermato che Mass Effect: Andromeda attraverserà un periodo di beta testing su PlayStation 4 e Xbox One. La conferma proviene dal producer Fabrice Condominias, il quale segnala che è già possibile iscriversi sul sito ufficiale.

Il lancio di Mass Effect: Andromeda è previsto nella primavera del 2017 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^