Nuova causa da sviluppatori di Infinity Ward contro Activision

Nuova causa da sviluppatori di Infinity Ward contro Activision

Activision non intenderebbe pagare i bonus pattuiti se non al termine dei lavori su Modern Warfare 3.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:33 nel canale Videogames
Activision
 

38 sviluppatori di Infinity Ward hanno lanciato una nuova causa contro Activision presso la Corte Federale di Los Angeles. Dei 38 impiegati, 17 lavorano ancora per Infinity Ward, mentre i rimanenti hanno recentemente abbandonato la software house. Il motivo del contendere riguarda il mancato pagamento di bonus sui guadagni di Modern Warfare 2. Secondo l'azione legale, Activision intenderebbe pagare questi bonus solamente al termine dei lavori su Modern Warfare 3.

Gli impiegati di Infinity Ward reclamano il pagamento di complessivi 54 milioni di dollari. Aggiungendo i danni derivanti dai mancati pagamenti e altri danni scaturiti dalla situazione che si è venuta a creare tra Infinity Ward e Activision, nella nuova azione legale si chiede un risarcimento danni tra 75 e 125 milioni di dollari.

"Activision mantiene una condotta inappropriata con l'obiettivo di obbligare gli impiegati di Infinity Ward a lavorare sui progetti in corso contro la loro volontà. Activision vuole che i lavori su Modern Warfare 3 proseguano a tutti i costi", si legge nel documento dell'azione legale. "L'obiettivo di Activision è di tenere in ostaggio gli impiegati di Infinity Ward al fine di completare secondo i tempi previsti Modern Warfare 3".

Questa la posizione ufficiale di Activision: "Riteniamo che l'azione legale non abbia motivo di esistere. Activision ha il diritto di determinare il momento in cui vengono pagati i bonus. Ci aspettiamo la conferma giuridica che la nostra posizione è corretta".

Si apprende intanto che Mike Griffith, presidente e CEO di Activision Publishing, sussidiaria di Activision Blizzard, ha rassegnato le dimissioni dalla sua carica. Griffith continuerà a far parte dell'esecutivo di Activision, nel ruolo di vice-presidente, e rimarrà nel Consiglio di Amministrazione. Non sono state specificate le cause che hanno portato a questa decisione.

La grave situazione che si è venuta a creare tra Activision e Infinity Ward ha avuto inizio con l'azione legale avviata da Vincent Zampella e Jason West per il mancato pagamento delle royalties su Modern Warfare 2, e la controazione di Activision, che accusa i due di aver adottato delle strategie per impossessarsi di Infinity Ward, oltre che di rallentare lo sviluppo di Modern Warfare 3.

Rimanendo in ambito Activision e Call of Duty, è emersa la notizia che l'annuncio ufficiale di Call of Duty 7 verrà fatto nella serata di venerdì (da noi in piena notte) su SpikeTV, che mostrerà anche i primi media del nuovo sparatutto di Treyarch. Questo gioco, stando alle indiscrezioni, dovrebbe proporre una rivisitazione per i conflitti più importanti che si sono verificati dal secondo dopoguerra a oggi.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Jabbavacca29 Aprile 2010, 09:38 #1
"Riteniamo che l'azione legale non abbia motivo di esistere. Activision ha il diritto di determinare il momento in cui vengono pagati i bonus. Ci aspettiamo una conferma giuridica che la nostra posizione è corretta"

ah beh... io aspetterei anche l uscita di CoD 10...
Ventresca29 Aprile 2010, 09:40 #2
mi spiace solo che la serie CoD:MW continuerà a vendere a palate solo per il nome, visto che la stragrande maggioranza della gente non sarà mai che gli infinity ward che la svilupperanno non hanno nulla a che vedere con quelli che hanno sviluppato CoD:MW e CoD:MW2...
dannyb7829 Aprile 2010, 09:42 #3
credo che abbiano il diritto di pagare quando credono ma non si può legare il pagamento di un obiettivo già raggiunto ad un altro obiettivo definito successivamente. non so legalmente, ma moralmente è molto scorretto
iNfectedMachine29 Aprile 2010, 09:52 #4
se zampella e west hanno denunciato subito activision è sicuramente perchè questi bonus di cui parliamo sono mancati nel giorno in cui dovevano entrare nelle mani dei due,quindi hanno raggione loro due. il motivo per cui activision si è comportata scorrettamente è indubbiamente legato al titolo moder warfare,che come sappiamo vende quasi o più di halo stesso della bungie. Qui si tratta di guadagni assurdi,perquesto la SH non ha pagato come d'accordo i due per la paura che la infinity ward si allontanasse dalla società. Zampella e West infatti molto spesso hanno ammesso di non trovarsi bene con la activision che punta sempre e solo al guadagno personale,quandi i ragazzi infinity ward oltre al guadagno cercano di creare un gioco aperto a tutti i giocatori. Tutti noi sappiamo i cambiamenti tra il primo modern warfare e il secondo,in quest'ultimo si vede gia lo zampino della activision,ora figuriamoci cosa vedrete nel terzo. Il quale io personalmente non lo prenderò...
beppe87.8729 Aprile 2010, 11:13 #5
Ma sono in 38 e devono spartirsi i 54 milioni tra loro? O solo tra i 17 che hanno smesso di lavorare? Sembra che con questa mossa activisionvoglia assicurarsi in cod8 più milionario del 6...

elevul29 Aprile 2010, 11:44 #6
Non riesco a capire: se Activision obbliga i dipendenti a lavorare su MW3 il gioco non uscirà fatto male per via dell'insoddisfazione degli stessi?
Teoricamente non dovrebbero fare un ambiente in cui i lavoratori facciano del loro meglio volentieri, e non perché costretti?
Alexx198629 Aprile 2010, 11:51 #7
Spero solo che la fame di soldi di Activision gli si ritorcerà contro. Non deve esistere il mancato pagamento per un lavoro già completato, se poi Modern Warfare 3 era incluso nel contratto sarebbero comunque due progetti diversi. Salvo fregature nel contratto stesso.
Andreazzo29 Aprile 2010, 12:04 #8
Activision multinazionale mangiasoldi
Romeosardo29 Aprile 2010, 15:56 #9

e si...

Stè cose mi fanno davvero sorridere, ormai quella dei videogiochi è diventata un'industria quasi come quella automobilistica, esiste il programmatore operaio assunto alla COD stanco della monotonia del suo lavoro costretto a frustate a creare livelli di gioco tutti uguali, per non parlare di quei poveracci alienati costretti a modellare dalla mattina alla sera e che dire di quei miserabili addetti alli linea di assemblaggio texture? qui ci vuole una rivoluzione!!! Programmatori, grafici, 3D modeler, operai informatici unitevi!!!
PGI-Bis29 Aprile 2010, 20:51 #10
Call of duty 7... mi viene in mente quella battuta in robocop, dove il mezzobusto del telegiornale annuncia "veniamo al cinema con Rocky 5...mila".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^