No Man's Sky: Sean Murray si augura che il progetto cambi i rapporti tra studi indie e grandi publisher

No Man's Sky: Sean Murray si augura che il progetto cambi i rapporti tra studi indie e grandi publisher

Murray ha voluto anche ringraziare Sony per il sostegno dimostrato in questi tre anni di sviluppo, sottolineando che l’azienda non si è mai intromessa dal punto di vista creativo nelle decisioni intraprese dal team.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 09:00 nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Sean Murray, leader e fondatore di Hello Games, ritiene che l'eventuale successo di No Man’s Sky possa avere un impatto notevole sul rapporto tra grandi publisher e sviluppatori di videogiochi indipendenti.

Nel corso di una conversazione su Reddit, Murray ha ringraziato Sony per il sostegno dimostrato in questi tre anni di sviluppo, sottolineando che l’azienda non si è mai intromessa dal punto di vista creativo nelle decisioni intraprese dal suo team.

"E' stato bello poter lavorare con Sony, principalmente perché non sono stati coinvolti nello sviluppo. Per ovvie ragioni siamo ancora considerati degli underdog con Sony e in generale nel panorama tripla A. Se No Man's Sky sarà un successo, credo che probabilmente avrà un certo impatto su come verranno interpretati i giochi indie nei publisher più grandi. La gente generalmente pensa che No Man's Sky sia un titolo Sony, ma siamo ancora uno studio indipendente, è una situazione un po' particolare".

Nome immagine

Nei giorni scorsi Shanid Ahmad, uno dei principali fautori della partnership tra Sony ed Hello Games, aveva lasciato intendere quanto fosse particolare il viaggio intrapreso con No Man’s Sky. “All’epoca, credetemi, per Hello Games e PlayStation era uno dei rischi più grossi che uno sviluppatore si potesse prendere”, dichiarava Ahmad su Twitter. La pressione per Murray e la sua squadra è stata esponenziale, in alcuni momenti sostenuta dalle motivazioni di portare a termine un progetto ambizioso, in altre fasi difficile da gestire a causa della mole di aspettative che si stava instaurando tra i fan.

“Ci sono stati momenti, i peggiori del progetto, nei quali osservavo i subreddit, mi rallegravo e mi faceva andare avanti. Ma ci sono state altre volte in cui ho alzato gli occhi al cielo e mi sono disperato pensando ‘come possiamo mantenere le aspettative del pubblico che sta aspettando questo gioco da tre anni?”.

"Ovviamente l'hype è terrificante. Voglio dire, ci ho avuto a che fare per tre anni, da quando abbiamo effettuato l'annuncio. Se non l'avessimo annunciato con quelle tempistiche probabilmente avremmo abbandonato il progetto, senza la community a supportarci. Ogni volta che mostravamo il gioco davamo per scontato che la gente improvvisamente non l'avrebbe più apprezzato... invece l'hype è cresciuto sempre di più. Immaginate se in una realtà parallela avessimo potuto mostrarlo per la prima volta questa notte e pubblicarlo domani, provate a pensare quanto sarebbe stato divertente".

No Man's Sky è disponibile dalla giornata di oggi su PlayStation 4 mentre gli utenti PC dovranno attendere il 12 agosto.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Thehacker6611 Agosto 2016, 14:53 #1
Il problema è che il generare così tanto hype ti si rivolta contro se poi dopo non accontenti tutti (E un per un gioco di questo tipo è impossibile).
A vedere poi dalle prime recensioni la gente si è già stancata di esplorare pianeti sì diversi ma dove alla fine si devono fare sempre le stesse cose.
761-17611 Agosto 2016, 15:24 #2
Ho letto ora di questo gioco. Sembra stra-noioso gia' nella grafica malinconica che ha.
mikegemini7711 Agosto 2016, 19:48 #3
Ho visto diverse ore di steaming di questo gioco incuriosito del hype generato sui vari forum/siti ma onestamente lo trovo ripetitivo e noioso al limite della banalità... Mettiamoci pure la grafica cartoon, super colorata in stile anni 70, che non è di mio gradimento.

Insomma non credo che ci giocherò, cmq gli faccio pure i complimenti per l'algoritmo e tutte le formule matematiche che generano miliardi di pianeti tutti diversi ...ma purtroppo tutti simili e sopratutto con le stesse cose da fare.
matsnake8611 Agosto 2016, 21:44 #4
ma è starbound in 3d praticamente?
Thehacker6612 Agosto 2016, 00:14 #5
Allora.. Oggi ho avuto news da una persona che ci sta giocando su PS4:

- Sembrano esserci edifici da esplorare ma non ha ancora potuto accederci perchè gli mancano delle skill e degli oggetti per (sembra) bypassare il blocco sulla porta.
- Ha incontrato altre navi ma erano IA e non di altri giocatori, ha combattuto con una nello spazio e l'ha distrutta, l'altra se l'è portata su un pianeta ma non mi ha detto se da essa sia poi sceso qualcuno..
- Ha incontrato mentre andava in giro nello spazio delle navi cargo enormi
- Ha incontrato razze aliene e androidi che gli hanno dato missioni che però non ha potuto fare perchè non comprendeva ancora la loro lingua. Le missioni sono state comunque accettate.

Gli ho fatto poi delle domande io:

- Non c'è nè un log delle missioni con i pianeti dove queste sono state accettate, ma appaiono comunque in basso a destra.
- Non c'è una mappa con i pianeti scoperti, ma vengono segnati come tali nell'interfaccia di warp insieme agli altri raggiungibili con la tecnologia disponibile in quel momento sulla nave.

Vorrei dire che queste risposte hanno migliorato la mia opinione sul gioco ma non è così..

Poi ho visto oggi per caso un video dove si vedono tutte le dichiarazioni di Sean sul Multiplayer e le attività possibili tra giocatori online promesse prima del lancio in tutte le interviste fatte..
E poi si vedono tutte le ritrattazioni fatte per dire che invece il gioco non è mai stato pensato come un multiplayer, che non è così che era stato pensato, ecc..

Dovrebbero sapere che il popolo di internet non dimentica, e che fare figure del genere al primo debutto non è il modo migliore di iniziare..

Sono più perplesso di prima

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^