Nintendo rivela il suo primo gioco mobile, Miitomo

Nintendo rivela il suo primo gioco mobile, Miitomo

Nintendo ha finalmente comunicato alcune delle caratteristiche di gioco di Miitomo, il suo primo videogioco per iOS e Android.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:31 nel canale Videogames
NintendoiOSAndroid
 

L'annuncio dell'arrivo di Miitomo è stato fatto all'interno del Nintendo Corporate Management Policy Briefing, che si è tenuto stamattina in Giappone. Si tratta di un momento molto importante nella storia di Nintendo, non solo perché produce un gioco per formati differenti dai propri ma soprattutto perché sancisce il debutto della compagnia di Kyoto su iOS e Android.

Miitomo

Miitomo arriverà in Italia entro la fine di marzo e sarà localizzato nella nostra lingua. In Miitomo i personaggi Mii rappresenteranno i giocatori all'interno dell'universo virtuale ricostruito dalla app.

"Tutti noi abbiamo avuto la piacevole esperienza di essere spinti da un amico a parlare di qualcosa che normalmente non avremmo affrontato in una normale conversazione", ha detto Tatsumi Kimishima, il presidente di Nintendo. "I personaggi Mii faciliteranno questo tipo di conversazioni attraverso una struttura di gioco sociale".

Troviamo qualche dettaglio in più nel comunicato ufficiale di Nintendo: "Attraverso i Mii gli utenti potranno interagire con i loro amici in un modo completamente nuovo che accenderà divertimento e conversazioni interessanti rispondendo a domande tipo “che canzone hai in testa ultimamente?”, “credi agli alieni?”, o perfino “se vedessi un pelo uscire dal naso di un tuo amico, cosa faresti?”. Attraverso le risposte date in Miitomo, gli utenti saranno in grado di scoprire informazioni e segreti riguardanti i loro amici, oltre a condividere le loro esperienze con altri semplicemente scattando e condividendo le foto dei loro Mii con la funzione Miifoto".

Le foto create con Miifoto potranno essere conservate nella memoria dello smartphone o condivise tramite i social. Nintendo vuole insomma spingere gli utenti a sfruttare il più possibile i loro Mii e ribadisce che a oggi sono stati creati oltre 200 milioni di personaggi Mii. Lo fa attraverso una app che mira a ricreare "un contesto social spensierato, scherzoso e accogliente".

Miitomo

Per via del fatto che il nuovo mobile game di Nintendo sarà disponibile in 6 differenti lingue, Miitomo introdurrà un nuovo stile di comunicazione che permetterà ai suoi giocatori di entrare in contatto tra di loro a prescindere dalle loro lingue originali. Il gioco verrà infatti lanciato in 16 nazioni, a metà marzo in Giappone e qualche giorno dopo nel resto del mondo.

"Miitomo fa parte della strategia volta a incrementare il numero di persone che hanno accesso a un IP Nintendo", ha detto Kimishima introducendo il servizio My Nintendo. Questo è il nuovo programma fedeltà di Nintendo che sarà in grado di connettersi a Miitomo. My Nintendo premierà gli utenti che interagiscono con i giochi e le app Nintendo in modo diverso. Inoltre, gli utenti Miitomo con un account Nintendo saranno in grado di sfruttare My Nintendo per accrescere la propria esperienza. Coloro che creeranno un Account Nintendo tra il 17 febbraio e il lancio di Miitomo a marzo riceveranno un bonus speciale per Miitomo.

Miitomo sarà un gioco free-to-play con acquisti in-app e sarà solamente il primo di una serie di mobile game di Nintendo. La compagnia di Kyoto, infatti, intende distribuire cinque app per dispositivi smartphone, compreso Miitomo, entro la fine di marzo 2017. Il discorso completo del presidente Kimishima è disponibile a questo indirizzo.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno03 Febbraio 2016, 18:05 #1
Miitomo fa parte della strategia volta a incrementare il numero di persone che hanno accesso a un IP Nintendo"

Ecco perché parte dalla fascia dei bimbetti.. meglio coltivarli da piccoli che poi quando crescono i personaggi Mii risultano un po' (tanto) ridicoli.
batou8303 Febbraio 2016, 18:12 #2
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Ecco perché parte dalla fascia dei bimbetti.. meglio coltivarli da piccoli che poi quando crescono i personaggi Mii risultano un po' (tanto) ridicoli.


Ma infatti, meglio i giochi con il fucile in primo piano, così quando si fanno grandi aderiscono al terrorismo islamico col solo scopo di giocare alla guerra...
CrapaDiLegno03 Febbraio 2016, 18:38 #3
Originariamente inviato da: batou83
Ma infatti, meglio i giochi con il fucile in primo piano, così quando si fanno grandi aderiscono al terrorismo islamico col solo scopo di giocare alla guerra...

Spero sia una battuta la tua. Il terrorismo Islamico non ha niente a che fare con i giochi con il fucile che esistono da 30 anni. Se uno è cogli.one lo è indipendentemente da quali giochi vengono prodotti.
Viceversa posso dirti che i giochi Nintendo non sono poi questo gran incentivo all'intelligenza e sarebbe interessante uno studio per vedere se fanno più danni i giochi violenti o quelli che ti rendono imbecille.
batou8303 Febbraio 2016, 18:55 #4
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Spero sia una battuta la tua. Il terrorismo Islamico non ha niente a che fare con i giochi con il fucile che esistono da 30 anni. Se uno è cogli.one lo è indipendentemente da quali giochi vengono prodotti.
Viceversa posso dirti che i giochi Nintendo non sono poi questo gran incentivo all'intelligenza e sarebbe interessante uno studio per vedere se fanno più danni i giochi violenti o quelli che ti rendono imbecille.


Quindi tu a un bambino di 5 anni gli fai vedere Cod o Battlefield, oppure lo metti di lato al computer per fargli vedere quant'è bella la tua gpu Nvidia ?
Giochi Nintendo ti rendono imbecille? Non sai di cosa parli se generalizzi così.

P.S. Chissà perchè i terroristi amano fare riprese con il kalashinov in primo piano mentre ammazzano la gente ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^