Nintendo: dobbiamo offrire contenuti che non possono esserci sugli smartphone

Nintendo: dobbiamo offrire contenuti che non possono esserci sugli smartphone

Il presidente di Nintendo Satoru Iwata è tornato sulla strategia della compagnia in un'era in cui la presenza sul mercato dei dispositivi smartphone è prevalente.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:59 nel canale Videogames
Nintendo
 

In una conferenza con gli investitori di Nintendo, Satoru Iwata ha dichiarato che "nessun sistema dedicato ai videogiochi dovrebbe esistere se non è in grado di offrire ai giocatori un divertimento unico". Alle diverse domande che gli sono state fatte a proposito della rivalità con gli emergenti dispositivi mobile, Iwata ha detto che l'unico modo per contrastarli per Nintendo è offrire contenuti di qualità più alta.

Satoru Iwata

Secondo il CEO di Nintendo, gli smartphone di oggi sono stati ispirati dalla tecnologia touch-screen del DS. Nintendo ha superato la competizione del gaming mobile al cambio del secolo e l'impresa, stando alle parole di Iwata, è nuovamente possibile.

"Quando è partita la moda dei telefoni cellulari in Giappone, tutti dicevano che la gente si sarebbe definitivamente spostata su quelli per giocare perché sono elementi pratici e si possono portare in giro con facilità. Questi dispositivi avrebbero dovuto eliminare definitivamente le console portatili", dice Iwata agli investitori.

"Abbiamo chiesto diverse volte ai nostri utenti come la pensassero su questo argomento, e ci hanno risposto che vogliono avere sulle nostre console dei contenuti che non possono esserci sugli smartphone. Dopo aver applicato questo suggerimento, abbiamo notato dei risultati positivi con il DS".

"Si può dire che il DS abbia dimostrato la potenzialità degli schermi touch-screen e, di conseguenza, che abbia creato i nostri nuovi rivali, che si possono chiamare dispositivi intelligenti, ma sento che effettivamente la storia si può ripetere".

Iwata ha poi ribadito che Wii U non sarà profittevole subito a partire da quest'anno, ma che si dovrà attendere un ancora imprecisato momento del prossimo anno per raggiungere questo traguardo. I costi di advertising, produzione, distribuzione e quelli legati allo sviluppo del software non sono infatti recuperabili in questo anno fiscale. Altri dettagli in proposito si trovano qui.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
luca2014130 Ottobre 2012, 10:33 #1

Megalomania?

Addirittura smartphone ispirati dal touch screen del DS... ma dai, esagerato!
Come se avesse inventatolui i touch screen.

In ogni caso la sua logica sarebbe giusta se fossimo tutti appassionati di giochi.
Chi si diverte con obbrobbri come Tiny Tower o Angry Brids su smartphone non cerca comunque roba di qualità superiore che Nintendo può offrire.

E per inciso: se su iPad si può avere giochi del calibro di Bastion, Machinarium, Dead Space, ecc. per 10/15 € ad un certo punto, da possessore di 3DSXL, mi farò anch'io delle domande...
leddlazarus30 Ottobre 2012, 11:14 #2
dipende sempre se la gente vuole davvero cio' che spera Nintendo.
NighTGhosT30 Ottobre 2012, 11:24 #3
Originariamente inviato da: leddlazarus
dipende sempre se la gente vuole davvero cio' che spera Nintendo.


Per un giocatore hardcore....:

"il grosso errore di Nintendo e' stato quello di non proseguire la strada del Gamecube...."

Per un giocatore casual....:

"la fortuna di Nintendo e' stata quella di voler cambiare mentalita' e approccio a partire dal DS e dalla Wii...."

StyleB30 Ottobre 2012, 12:26 #4
oggettivamente parlando, nintendo ha coperto una fasca che era rimasta libera.
uso nintendo da quando Mario veniva chiamato anche jumpman e la nintendo è sempre stata vincente.
trovo che ciò che ha dettosia giusto in quanto con la disponibilità HW presente ora sugli smartphones, non è difficile iniziare a piazzarci sopra giochi sempre più potenti e non è vero che tutti cercano il casual sul telefono.
con terminali come galaxy s3, PadFoe, Nexus 4, arriviamo a superare l'hardware console e non per nulla si trovano sempre più progetti di pad per questi terminali, a questo si aggiunge il fatto che molte aziende (che mi ricordo agli esordi con i loro tristissimi giochini stroncati) come GameLoft, stanno iniziando a produrre titoli veramente con i controca**i.
personalmente preferisco 2 terminali distinti, ma trovo sinceramente inevitabile che per la prossima generazione telefono e console portatile si uniscano tramite terminali come Ngage, Xperia play (imho prematuro e progettato male) o con devices esterni made in "nintendo, sony, microsoft, sega, atari, etc" che permettono anche l'utilizzo di schede gioco e non il patetico emulatore installato nell'experia play, abbinato a dei comandi orripilanti.
NighTGhosT30 Ottobre 2012, 12:34 #5
Originariamente inviato da: StyleB
oggettivamente parlando, nintendo ha coperto una fasca che era rimasta libera.
uso nintendo da quando Mario veniva chiamato anche jumpman e la nintendo è sempre stata vincente.
trovo che ciò che ha dettosia giusto in quanto con la disponibilità HW presente ora sugli smartphones, non è difficile iniziare a piazzarci sopra giochi sempre più potenti e non è vero che tutti cercano il casual sul telefono.
con terminali come galaxy s3, PadFoe, Nexus 4, arriviamo a superare l'hardware console e non per nulla si trovano sempre più progetti di pad per questi terminali, a questo si aggiunge il fatto che molte aziende (che mi ricordo agli esordi con i loro tristissimi giochini stroncati) come GameLoft, stanno iniziando a produrre titoli veramente con i controca**i.
personalmente preferisco 2 terminali distinti, ma trovo sinceramente inevitabile che per la prossima generazione telefono e console portatile si uniscano tramite terminali come Ngage, Xperia play (imho prematuro e progettato male) o con devices esterni made in "nintendo, sony, microsoft, sega, atari, etc" che permettono anche l'utilizzo di schede gioco e non il patetico emulatore installato nell'experia play, abbinato a dei comandi orripilanti.


Non dico che abbia sbagliato a coprire questa nuova fascia di mercato che SI E' CREATA (al tempo del DS e dell'uscita della Wii, in campo consoles, non esisteva questa fascia)......dico che ha sbagliato a costruire delle consoles con hardware obsoleto in partenza.

Se invece della WII che tutti conosciamo, per 150 euro in piu' avesse sfornato una console all'avanguardia o quantomeno che si potesse affiancare alle concorrenti, avrebbe fatto DAVVERO la mossa giusta.....coprendo lo stesso quella nuova fascia.....ma non deludendo al tempo stesso i fan Nintendo storici.....tranquillamente classificabili fra gli hardcore gamers.

Ecco come la penso.....e con la U sta commettendo di nuovo lo stesso errore.
Admiraltonzio31 Ottobre 2012, 20:50 #6
Beh io nn credo sia possibile superarli... il ds fa scintille fra i ragazzini tra i 7 e i 12 anni.. dove pokemon et similia sono ambitissimi... io credo che oramai il loro target sia quello e gli hardcore ma i casual ora il ds non lo usano piu ce angry birds e iphone...
Wii U fara sara simile co.e concetto... i bambin8 che vogliono la wii nuova e qualche hardcore e appassionato... ma la botta sta volta la faranno ps e xbox che m8 aspetto supermult8medialita...real hd e 3d...
Admiraltonzio31 Ottobre 2012, 20:52 #7
Scusate scrivo col note2... spero capiate il concetto :-)
NighTGhosT01 Novembre 2012, 09:11 #8
Ho capito il concetto....ma ripeto....gli bastava tenere un po il prezzo piu' alto e costruire consoles con hardware ALMENO pari alle sue concorrenti.....poi potevano lasciargli o aggiungergli tutti i sistemi di controllo che volevano......ma in quel modo non avrebbero tagliato fuori quella fetta di mercato che non e' nemmeno poi troppo piccola degli hardcore gamers.

Il DS lo usa mio padre.....da quasi subito....per giocare a quelle compilation da casino' coi vari giochi.

La Wii, dopo DUE SETTIMANE dall'acquisto..MAI piu' usata...e' qua sotto la mia scrivania assieme alla 360.........con la differenza che la Wii e' irriconoscibile......la 360 non ha un granello di polvere.

Questo e' l'errore di calcolo che ha fatto N.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^