Nintendo citata in giudizio a causa del laccetto del Wii remote

Nintendo citata in giudizio a causa del laccetto del Wii remote

Il Wii remote si sta rivelando una vera e propria croce e delizia per Nintendo: arriva, infatti, una citazione in giudizio per il laccetto che lo mantiene al polso.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:15 nel canale Videogames
Nintendo
 
E' decisamente risaputa l'importanza del sistema di interfacciamento per il successo di Nintendo Wii. Il colosso nipponico, di fatto, è riuscito nuovamente a rinnovare il mondo dei videogiochi inteso in senso lato con grande classe e riconosciuta genialità. Il Wii remote, tuttavia, dal momento in cui è entrato in commercio, ha presentato alcuni problemi di stabilità, soprattutto per via del laccetto che lo mantiene al polso, giudicato da alcuni insufficientemente resistente.

Arriva, in proposito, la prima citazione in giudizio per Nintendo per causa del laccetto del Wii remote. E' accaduto in Texas, ad Austin precisamente, dove un acquirente ha deciso di ricorrere alle vie legali, accusando Nintendo di aver violato il Washington Consumer Protection Act. La società nipponica è stata accusata di aver avviato "pratiche ingiuste e ingannevoli" in riferimento alle spiegazioni su come va usato fattivamente il Wii remote.

Il laccetto, inoltre, viene descritto come "inefficiente per il suo scopo". Inoltre, i problemi del laccetto del Wii remote sono considerati come una violazione della garanzia. Nintendo, d'altronde, ha già recepito la portata del problema, visto che negli Stati Uniti sta già procedendo al richiamo dei Wii remote, provvedendo alla sostituzione dei rispettivi laccetti. In Europa tale provvedimento non è, invece, in corso.

Inoltre, la società nipponica rilascia il seguente comunicato stampa in relazione alla notizia emersa oggi: "crediamo che questa azione legale non abbia alcun merito. Nintendo ha una lunga tradizione di prodotti di alta qualità e di servizi ai clienti eccellenti, accogliamo tutte le lamentele dei nostri clienti con grande serietà. Nel momento in cui siamo venuti a conoscenza dell'azione legale, avevamo già rinforzato la nostra campagna di comunicazione per spiegare come utilizzare correttamente il Wii remote e avevamo reso disponibili delle unità con laccetti al polso più resistenti".

Nintendo è già alle prese con un'altra azione legale, sempre legata al Wii remote. In questo caso, secondo il querelante, l'azienda californiana Interlink Electronics, il grilletto posto nella parte sottostante del controller assumerebbe dei connotati eccessivamente simili ad un loro precedente progetto.

85 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ENDer20 Dicembre 2006, 11:20 #1
"crediamo che questa azione legale non abbia alcun merito. Nintendo ha una lunga tradizione di prodotti di alta qualità e di servizi ai clienti eccellenti, accogliamo tutte le lamentele dei nostri clienti con grande serietà. Nel momento in cui siamo venuti a conoscenza dell'azione legale, avevamo già rinforzato la nostra campagna di comunicazione per spiegare come utilizzare correttamente il Wii remote e avevamo reso disponibili delle unità con laccetti al polso più resistenti"

Che altro dire?
luca2014120 Dicembre 2006, 11:20 #2

Bello essere europei

Com'è che i laccetti si rompono tutti in America, pur essendo il Wii commercializzato anche in Giappone ed Europa?
I casi sono tre:
1) Gli americani ci sguazzano con le cause per danni alle grandi aziende, giustificate o ingiustificate che siano.
2) Gli americani hanno qualche problema motorio, oppure cerebrale, visto che Nintendo ha letteralmente tappezzato i giochi di avvertimenti e messaggi. Non è così facile rompere un Wiimote, una volta legato al polso.
3) Entrambe le cose.
spaccabit20 Dicembre 2006, 11:21 #3
Se ne inventano di tutti i colori spillare soldi,baa
Motosauro20 Dicembre 2006, 11:21 #4
Ricordiamoci anche della causa contro McDonalds perché il caffè era caldo e un ci si è scottato lalingua.

Ma gli americani non hanno il senso del ridicolo?
oeN20 Dicembre 2006, 11:28 #5
ma loooooool...sti americani se ne inventano di tutte ci manca pure che gli facciano causa xkè giokando su Wii al gioko di bowling hanno lanciato per davvero il controller sulla Tv e si è rotto tutto!!!
gianni187920 Dicembre 2006, 11:30 #6
Originariamente inviato da: Motosauro
Ricordiamoci anche della causa contro McDonalds perché il caffè era caldo e un ci si è scottato lalingua.

Ma gli americani non hanno il senso del ridicolo?

a sto punto credo proprio di no


mammamia davvero ridicoli, non ho parole.....


p.s. beh le case di cd/dvd scrivono non commestibile.....
certo uno che ci prova e poi fa causa.....
R057020 Dicembre 2006, 11:31 #7
ricordatevi che in america devono scrivere sulle istruzioni del microonde che non ci si può infilare il gatto x asciugarlo, perchè una signora una volta l'ha fatto (povero gatto che fine orribile aggiungo...), ha fatto causa e l'ha vinta...

Io non ho parole, non ci credevo ma si è scoperto corrispondere a realtà.

ByE

PS: ma gli americani sono storditi o proprio ladri nel profondo...
capitan_crasy20 Dicembre 2006, 11:33 #8
Originariamente inviato da: Motosauro
Ricordiamoci anche della causa contro McDonalds perché il caffè era caldo e un ci si è scottato lalingua.

Ma gli americani non hanno il senso del ridicolo?

ATTENTO!
Se qualche navigatore Americano legge il tuo post denuncia te, Corsini e tutti quelli iscritti al forum!!!
nj20 Dicembre 2006, 11:34 #9
arriveremo anche noi ad essere così, aspettate che le nuove generazioni crescano...
Layenn20 Dicembre 2006, 11:38 #10
Originariamente inviato da: R0570
PS: ma gli americani sono storditi o proprio ladri nel profondo...


semplicemente hanno a disposizione avvocati a prezzi decisamente abbordabili vista la concorrenza spietata...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^