Nadeshot: da McDonald's a guadagnare un milione di dollari all'anno grazie ai videogiochi

Nadeshot: da McDonald's a guadagnare un milione di dollari all'anno grazie ai videogiochi

Il New York Times ha realizzato un ottimo articolo che fa capire bene come inquadrare oggi il pro-gaming.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
 

Matt Haag, a soli 22 anni, attualmente è uno dei giocatori professionisti in assoluto più apprezzati. Meglio conosciuto come "Nadeshot", è uno dei giocatori di Call of Duty più bravi nell'intero panorama mondiale. Fa parte, infatti, di un team di richiamo internazionale chiamato OpTic Gaming e sponsorizzato da Red Bull.

Nadeshot

E pensare che Haag solo tre anni fa lavorava in un McDonald's, come si apprende nello straordinario profilo del giocatore tratteggiato dal New York Times.

Ma fare parte di un team del genere è un lavoro serio, visto che Matt, insieme ai suoi compagni di squadra, si allena per diverse ore al giorno. Può disporre anche di un "tecnico sportivo", che tiene costantemente monitorati gli effetti che i videogiochi hanno sul suo cervello. E ha anche un nutrizionista che lo aiuta a mangiare in maniera salutare e a fare sufficiente esercizio fisico, in modo da intervellare opportunatamente le sessioni di gioco con la pratica fisica.

Il semplice fatto che una testata autorevole come il Times si occupi di videogiochi è indicativo di quanto sia ormai importante il mondo del pro-gaming, anche sulla base del volume di denaro che riesce a muovere. Nell'ultimo periodo i montepremi dei tornei di videogiochi più importanti hanno raggiunto delle cifre importantissime, visto che il team vincitore del torneo internazionale di League of Legends, proveniente dalla Corea del Sud, si è addirittura aggiudicato un milione di dollari. E i milioni di dollari sono stati addirittura cinque nel caso del The International di Dota 2, vinto da un team cinese.

Il fenomeno riguarda anche Twitch, la piattaforma che consente di seguire le gesta dei giocatori più e meno bravi. Twitch è stata recentemente acquisita da Amazon per un miliardo di dollari, all'interno di un processo che rende la piattaforma sempre più mainstream.

Haag, che oggi abita a Venice Beach, in California, riesce a racimolare circa un milione di dollari all'anno grazie ai suoi streaming su Youtube, alle vittorie nei tornei e agli accordi di sponsorizzazione. Secondo il Nyt, pare che 700 mila dollari gli derivino solo dal suo canale Youtube. Anche perché Haag conta su questo canale circa un milione di seguaci e lo mantiene sempre aggiornato, e non solo con contenuti di gaming.

Nonostante tutto questo, Haag rimane con i piedi per terra ed è consapevole che tutto questo successo potrebbe svanire da un momento all'altro, come tutte le mode di internet del resto. "Penso al mio futuro almeno dieci volte al giorno", ha detto al Times. "Cosa succederebbe se tutto questo finisse? E se per qualche motivo le persone smettessero di vedere i miei live streaming? Cosa fare se la squadra non andasse più bene e non fosse più competitiva? Cosa succederebbe se non si fosse più così bravi e si avesse voglia di mollare tutto perché si sta per diventare pazzi?"

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
iorfader18 Novembre 2014, 11:08 #1
purtroppo i tempi ora sono maturi, 10 anni fa quando dissi ai miei di voler fare lo stesso..mi stavano per diseredare...la vita è proprio bastarda a volte
TheAle18 Novembre 2014, 11:40 #2
L'approccio che lui attua è giusto , fare le cose con cervello , quindi si rende contro della sua situazione e sa che deve anche mantenersi in forma e mangiare bene senza farsi prendere troppo e tralasciare la salute. Poi ci sono gli aspetti emotivi ed emozionali , i videogiochi creano nel cervello sicuramente qualcosa (gli avvisi sull'epilessia non sono falsi) . Anche per questo aspetto direi che è giusto fare le pause anche se a volte è dura perché non vuoi ... ma è tutta salute anche per gli occhi.

Per quanto riguarda i soldi dico che con internet è molto più semplice e veloce perdere , o a volte vincere , il denaro . Basta guardare poker cash e casinò online ... potresti trovarti con mila euro sotto in pochissimo , più raramente sopra ma succede anche questo. Con i videogiochi penso ci sia una sorta di freno perché comunque devi fare la partita e quindi l'aspetto economico e i premi li si vedono alla fine di un torneo o di un duello (non saprei).
Mi domando se il suo milione all'anno sia netto , in caso lo sia non capisco perché lui si preoccupa alla fine dell' articolo ... non gli basta anche un milione per una vita ? Anche se succede qualcosa io sarei a posto lo stesso .
iorfader18 Novembre 2014, 11:46 #3
Originariamente inviato da: TheAle
L'approccio che lui attua è giusto , fare le cose con cervello , quindi si rende contro della sua situazione e sa che deve anche mantenersi in forma e mangiare bene senza farsi prendere troppo e tralasciare la salute. Poi ci sono gli aspetti emotivi ed emozionali , i videogiochi creano nel cervello sicuramente qualcosa (gli avvisi sull'epilessia non sono falsi) . Anche per questo aspetto direi che è giusto fare le pause anche se a volte è dura perché non vuoi ... ma è tutta salute anche per gli occhi.

Per quanto riguarda i soldi dico che con internet è molto più semplice e veloce perdere , o a volte vincere , il denaro . Basta guardare poker cash e casinò online ... potresti trovarti con mila euro sotto in pochissimo , più raramente sopra ma succede anche questo. Con i videogiochi penso ci sia una sorta di freno perché comunque devi fare la partita e quindi l'aspetto economico e i premi li si vedono alla fine di un torneo o di un duello (non saprei).
Mi domando se il suo milione all'anno sia netto , in caso lo sia non capisco perché lui si preoccupa alla fine dell' articolo ... non gli basta anche un milione per una vita ? Anche se succede qualcosa io sarei a posto lo stesso .


1 milione non è molto...in 15-16 anni usando 1000 al mese finiscono...
PhoEniX-VooDoo18 Novembre 2014, 11:49 #4
da McDonald's a guadagnare un milione di dollari all'anno grazie ai videogiochi


credo che non esista un modo peggiore per scrivere questa frase
probabilmente anche i poveretti che sbarcano a Lampedusa si esprimono meglio


cmq articolo inutile, pieno di cose ovvie o scritte di altri...
marezza18 Novembre 2014, 11:51 #5
Io l'ho fatto per un po, ho messo via abbastanza soldi per comprarmi casa e auto...poi si cresce devi trovarti un lavoro stabile per avere una pensione futura (si come no) e i riflessi si abbassano un po anche se rimani competitivo ti rendi conto di non essere piu quello di prima.
Ma per il resto si continua a giocare
PhoEniX-VooDoo18 Novembre 2014, 11:52 #6
Originariamente inviato da: marezza
Io l'ho fatto per un po, ho messo via abbastanza soldi per comprarmi casa e auto...poi si cresce devi trovarti un lavoro stabile per avere una pensione futura (si come no) e i riflessi si abbassano un po anche se rimani competitivo ti rendi conto di non essere piu quello di prima.
Ma per il resto si continua a giocare

interessante, a cosa giocavi?
Brajang18 Novembre 2014, 11:54 #7
Originariamente inviato da: iorfader
1 milione non è molto...in 15-16 anni usando 1000 al mese finiscono...


in teoria 1000 al mese sarebbero 83 anni se non sbaglio...
in 16 anni per finirli dovresti spenderne circa 5200 al mese
Morghel7718 Novembre 2014, 12:00 #8
1000 euro al mese sono 12.000 in un anno, 120.000 in 10 anni, 1.200.000 in 100 anni. non so di quanti mesi sia composto il tuo anno.
19giorgio8718 Novembre 2014, 12:01 #9
e pensare che Favij ha 1.300.000 iscritti sul suo canale youtube, ha 18 anni e non è nemmeno un gamer. beato lui ed i suoi 500K euro all'anno! ahah
marezza18 Novembre 2014, 12:11 #10
Giocavo a starcraft, ultima online e 3 corridors ovvero il padre putativo di dota.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^