Molyneux: 'Basta, non parlerò più con la stampa'

Molyneux: 'Basta, non parlerò più con la stampa'

Negli ultimi giorni sono state pubblicate due interviste molto polemiche a Peter Molyneux. L'oggetto del contendere, ovviamente, sono ancora le mancate promesse a proposito di Godus e di Curiosity.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:07 nel canale Videogames
 

In un'intervista concessa al Guardian, Peter Molyneux è tornato a parlare delle polemiche che sono nate dopo le sue ammissioni circa le promesse non mantenute a proposito delle caratteristiche di gioco di Godus e di Curiosity.

L'articolo del Guardian si basa sulla fastidiosa abitudine di Molyneux di promettere troppo rispetto a quello che poi riesce a mantenere, il che diventa un problema ancora più grave nell'era di Kickstarter, dove i giocatori/finanziatori decidono di spendere proprio sulla base delle promesse fatte dagli sviluppatori.

Già nelle scorse settimane Molyneux era stato criticato per l'ancora assente modalità multiplayer di Godus, così come per i ritardi della promessa versione Linux. Inoltre, il vincitore di Curiosity non ha mai ricevuto la ricompensa che gli era stata promessa, e il Guardian stuzzica il game designer britannico su tutti questi argomenti.

"Il problema è che non possiamo dare il via al suo regno di Dio degli Dei fin quando non implementeremo la tecnologia che gli possa permettere di influenzare il mondo delle persone e avere un ruolo nelle partite competitive di Godus. Come hanno fatto notare i giocatori, dobbiamo in realtà aggiungere ancora il combattimento in Godus", è la risposta di Molyneux al Guardian.

Lo stesso Molyneux diceva poi che quella sarebbe stata la sua ultima intervista. Dopo questa ondata di polemiche, infatti, non si sarebbe più rivolto alla stampa. Solo che nelle ore successive è apparsa un'altra intervista, questa volta a Rock, Paper, Shotgun.

Intervista, quest'ultima, che si contraddistingue per un tono polemico, se non ostile nei confronti di Molyneux. "Pensi di essere un bugiardo patologico?" viene infatti chieso a Molyneux. "Non ho mai detto una sola bugia", è stata la risposta. "A volte diciamo delle cose e per via di circostanze fuori dal nostro controllo queste cose non si verificano. Ma non credo che questo si possa definire come 'mentire'. Non credo di aver mai mentito volontariamente".

Certo, la posizione di Molyneux adesso diventa criticabile. Ma vorrei che tutti si soffermassero su due aspetti: innanzitutto, che oggi produrre dei videogiochi molto complessi con gli scarsi finanziamenti a disposizione di questi autori è molto complicato, anche con il sostegno di Kickstarter. E, secondariamente, ricordiamoci sempre che si sta parlando di un signore che ha inventato Populous, Black & White, Syndicate, Theme Park e Dungeon Keeper.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200616 Febbraio 2015, 17:26 #1
Certo, la posizione di Molyneux adesso diventa criticabile. Ma vorrei che tutti si soffermassero su due aspetti: innanzitutto, che oggi produrre dei videogiochi molto complessi con gli scarsi finanziamenti a disposizione di questi autori è molto complicato, anche con il sostegno di Kickstarter. E, secondariamente, ricordiamoci sempre che si sta parlando di un signore che ha inventato Populous, Black & White, Syndicate, Theme Park e Dungeon Keeper.


Se il gioco fosse stato davvero promettente, avrebbe ottenuto più fondi.

Che abbia il merito di aver inventato quei giochi, ok. Che ne sia il reale artefice è opinabile.

Stranamente dopo quelli, solo cantonate.

Inoltre era un epoca con molte meno pietre di paragone ed ogni gioco era quasi venerato.

Oggi c'è molta più scelta per fortuna.

Questo signore dovrebbe ricordarsi che un passo falso, oggi, può essere l'ultimo di una reputazione / carriera.

Oltre i soldi, il vero bene raro è il temlk a disposizione. Anche colui che si può comprare qualsiasi gioco al day one ha sempre e solo 24h al giorno e detratto il sonno.....

Comunque, crollato un mito, qualcun altro prenderà il suo posto. Non si può continuare a vivere di rendita in eterno.
Therinai16 Febbraio 2015, 17:38 #2
Originariamente inviato da: Articolo]ricordiamoci sempre che si sta parlando di un signore che ha inventato Populous, Black &
Appunto, ne ha di esperienza per gestire grandi progetti.
Poi ok che è sua abitudine racocntare qualche balla, ma a questo giro ne è venuto fuori un polverone, mi pare quasi che abbia perso il controllo della situazione.
O forse si è dimenticato che abusare di kickstarter non è una mossa che rimane impunita.
Comunque rimango dello stesso parere fin dall'annuncio di curiosity: avrebbe fatto meglio a continuare a battere la strada di Black & White. Di questi tempi un ipotetico B&W 3 [B][U]multiplayer[/U][/B] spacherebbe, ne sono certo.

ps: quoto Molyneaux
[QUOTE]Peter Molyneux: We could have gone and we were asked to by publishers to publish the Steam version, but we turned that down. The economics of doing Godus, unfortunately Kickstarter didn’t raise enough money. Now the trouble is with Kickstarter, you don’t really fully know how much money you need and I think most people who do Kickstarter would agree with me here. You have an idea, you think you need this much, but as most people will say with Kickstarter, if you ask for too much money up front because of the rules of Kickstarter, it’s very, very hard to ask for the complete development budget. I think Double Fine have gone back and asked for more money because development is a very, very, it’s a very confusing and bewildering time, and it’s very hard to predict what will happen.

Se non lo sa lui quanto ci vuole per produrre un videogioco...
ps2: cielo ma quanto è lunga questa intervista! Comunque Molyneaux è un grande, ce ne vuole di fegato per non arrendersi a un'intervista così. Forse la verità, in mezzo a tutte le balle che dice, è proprio la sua: "ti prometto che ci metto 7 mesi a fare qualcosa che richiede anni e anni perché altrimenti non mi finanzieresti, però la faccio".
Cavallaudo16 Febbraio 2015, 18:36 #3
Ma infatti pare un cazzaro di profesone, quelli che pure di fronte all'evidenza negano cosi bene che quasi ci credi, lol.

Riguardo i capolavori del passato, mi viene solo il dubbio che magari e' stata farina del suo sacco solo in parte e altri fattori/persone han fatto si che andasse ad azzeccare con quei giochi e ora che fa di capoccia sua inannela solo stronzate.

Capita lo stesso coi registi:

http://www.imdb.com/title/tt0238380/?ref_=nv_sr_1

prima dirige e scrive un piccolo capolavoro, forse perche limitato/aiutato/controllato da altri

poi una merda indecente senza capo ne coda ne come storia ne come girato/effetti speciali

http://www.imdb.com/title/tt0370032/?ref_=nm_flmg_wr_7

inframmezzata da filmetti da sufficienza o giu di li...
fek16 Febbraio 2015, 19:15 #4
Originariamente inviato da: Cavallaudo
Ma infatti pare un cazzaro di profesone, quelli che pure di fronte all'evidenza negano cosi bene che quasi ci credi, lol.


"Quasi"? E' un grande, io per cinque anni ho creduto ad ogni cosa che mi dicesse, ben sapendo che mi stava raccontando una palla faccia a faccia

Mi sono bevuto tutto. E' troppo bravo a raccontarle.
zbear16 Febbraio 2015, 19:18 #5
Originariamente inviato da: Cavallaudo
.........
poi una merda indecente senza capo ne coda ne come storia ne come girato/effetti speciali

http://www.imdb.com/title/tt0370032/?ref_=nm_flmg_wr_7

inframmezzata da filmetti da sufficienza o giu di li...


Ultraviolet una "merda indecente" ??

Certo che ce ne è di gente spocchiosa .....
Morghel7716 Febbraio 2015, 20:10 #6
Ricordo Black&White come un disatro ingestibile.
Therinai16 Febbraio 2015, 20:12 #7
Originariamente inviato da: Morghel77
Ricordo Black&White come un disatro ingestibile.


ricordi male
The_Real_Poddighe16 Febbraio 2015, 21:48 #8
Originariamente inviato da: zbear
Ultraviolet una "merda indecente" ??

Certo che ce ne è di gente spocchiosa .....


Guarda io nn sono molto critico quando guardo i film, ma, Ultraviolet fa davvero cacher...
Poi de gustibus...
avvelenato16 Febbraio 2015, 23:37 #9
Certo, la posizione di Molyneux adesso diventa criticabile. Ma vorrei che tutti si soffermassero su due aspetti: innanzitutto, che oggi produrre dei videogiochi molto complessi con gli scarsi finanziamenti a disposizione di questi autori è molto complicato, anche con il sostegno di Kickstarter. E, secondariamente, ricordiamoci sempre che si sta parlando di un signore che ha inventato Populous, Black & White, Syndicate, Theme Park e Dungeon Keeper.


quindi usando lo stesso criterio, daikatana è un videogioco epocale solo perché ci ha lavorato su john romero?
Antonio2317 Febbraio 2015, 00:17 #10
Originariamente inviato da: avvelenato
quindi usando lo stesso criterio, daikatana è un videogioco epocale solo perché ci ha lavorato su john romero?


*

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^