Mike Pondsmith torna a parlare di Cyberpunk 2077

Mike Pondsmith torna a parlare di Cyberpunk 2077

Il creatore dell'originario gioco di ruolo carta e penna si reca in Polonia, presso gli uffici di CD Projekt, svariate volte al mese.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 08:20 nel canale Videogames
 

Mike Pondsmith è tornato a parlare di Cyberpunk 2077 e dell'entità del suo coinvolgimento nel progetto. Il creatore dell'originario gioco di ruolo carta e penna - che ha riscosso notevole successo negli anni '80 e '90 - si reca in Polonia presso gli uffici di CD Projekt 5-6 volte al mese, per controllare l'avanzare dei lavori e avere un confronto diretto con gli sviluppatori.

L'obiettivo primario di Pondsmith è quello di spiegare cosa sia accaduto tra la quarta Corporate War avvenuta nel 2024 e l'epoca in cui si svolgeranno i fatti del gioco.

"Il principale problema consiste nello spiegare come la tecnologia non si sia particolarmente evoluta a dispetto di quanto avrebbero permesso 50 anni di storia", ha spiegato. "Ho lavorato su questi aspetti nell'ottica di un videogioco per anni, in realtà, e abbiamo tonnellate di strumenti su cui lavorare ora, e la capacità di creare mondi sandbox che riflettano accuratamente gli elementi di gioco della versione da tavolo".

"In definitiva, dev'esserci la giusta atmosfera. Tutti i richiami e gli antri oscuri della città. L'adeguato livello di sfida. Un mondo di personaggi umani che lottano organizzazioni inumane, sfruttando la tecnologia per migliorare le proprie possibilità, senza però diventare superuomini.

"Ho visto molti dei tool che CDP sfrutterà in 2077. C'è una quantità straordinaria di potenziale da concretizzare".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^