Microsoft: miglioramenti in arrivo per i giochi PC del Windows Store

Microsoft: miglioramenti in arrivo per i giochi PC del Windows Store

I dirigenti della divisione Xbox rassicurano gli utenti sulla riduzione delle limitazioni dei titoli Tripla A distribuiti nel Windows Store. Dichiarazioni rilasciate pochi giorni dopo il "caso" Rise of The Tomb Raider.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 13:01 nel canale Videogames
MicrosoftWindows
 

Il recente arrivo di Rise of the Tomb Raider nel Windows Store ha fatto emergere in maniera chiara l'esistenza di alcune limitazioni non presenti nella controparte distribuita tramite Steam. Come segnalato da diversi utenti, la versione distribuita utilizzando la Universal Windows Platform di Windows 10 non offre la possibilità di disattivare il V-Sync, usare la modalità a pieno schermo (supportata solo la modalità a schermo intero senza bordi), installare mod, utilizzare lo Steam Controller e sfruttare configurazioni multi-GPU.

Rise of the Tomb Raider

Circostanze che, unitamente alle regole che disciplinano la vendita di contenuti nello Store, a partire dal sistema di rimborsi, hanno portato alla conclusione che la versione del titolo presente nel Windows Store è inferiore a quella proposta da servizi concorrenti come Steam di Valve.

Partendo da tale presupposto e tenuto conto delle numerose lamentele degli utenti, alcuni dirigenti della divisione Xbox sono successivamente intervenuti per rassicurare il pubblico, annunciando una serie di miglioramenti in arrivo per i titoli Triple A distribuiti nello store. 

Il primo intervento è quello di Phil Spencer, capo della divisione Xbox, che risponde alle critiche sull'assenza di feature essenziali in termini generici, ma confermando miglioramenti in arrivo: 

Siamo consapevoli che liste come questa comprendono feature che i giocatori PC si attendono da noi, apprezziamo il feedback ed abbiamo intenzione di migliorare

Mike Ybarra, divisione gaming Windows e Xbox, entra un po' più nel merito delle modifiche in arrivo, affermando

SLI e Crossfire funzionano, i giochi hanno semplicemente bisogno di supportarli. Correggeremo il vsync

Quanto meno l'opzione che permette di disattivare il vertical sync rientra espressamente tra le priorità di Microsoft, anche se, per il momento, mancano informazioni più dettagliate sulla tempistica in base alla quale la casa di Redmond apporterà i sopra citati cambiamenti.

All'orizzonte si profila l'arrivo di altri giochi Tripla A per PC pubblicati nel Windows Store - si veda, ad esempio, Quantum Break, già presente nello store ma non ancora acquistabile. Migliorare il servizio distributivo per allineare l'offerta a quello delle soluzioni concorrenti e soddisfare le richieste del pubblico appare pertanto quanto mai opportuno. 

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Madcrix29 Febbraio 2016, 13:58 #1
Troppo poco, quasi troppo tardi, quando lanci uno store non puoi permetterti simili porcate.
Quantum Break sarà la prova del fuoco, se non sistemano entro il lancio del titolo Remedy, lo store è morto.
OptimusAl29 Febbraio 2016, 14:13 #2
si sentiva davvero la mancanza di un altro store, io già i titolo ubisoft non li compro al 90% perchè non voglio uplay, al 10% perchè sono mediamente buggati per diversi mesi prima che siano decenti.... se posso non userò lo store di windows... già che lo stesso origin almeno per quanto mi riguarda esiste per 2 titoli in croce..
cronos199029 Febbraio 2016, 14:18 #3
Originariamente inviato da: Madcrix
Troppo poco, quasi troppo tardi, quando lanci uno store non puoi permetterti simili porcate.
Concordo, riguardo ovviamente i videogiochi.

Tomb Raider prima, e soprattutto Quantum Break adesso, rappresentano il lancio del Windows store per quanto riguarda questo tipo di prodotti, e quindi creano le aspettative iniziali sulle quali poi si determina molto del successo, almeno nel breve-medio periodo.
Con tutte le limitazioni che invece i giochi si portano dietro se acquistati dal loro store, alcune delle quali sacrileghe per un giocatore PC, si sono dati la zappa sui piedi. Tra l'altro si tratta di limitazioni assurde, che più nate da limiti della piattaforma suonano come vere e proprie scelte.

Certe scelte oggettivamente non le capisco: a Quantum Break, personalmente, ero interessato, ma sinceramente ora come ora non so più se lo acquisterò o meno.
Bivvoz29 Febbraio 2016, 14:40 #4
Originariamente inviato da: OptimusAl
si sentiva davvero la mancanza di un altro store, io già i titolo ubisoft non li compro al 90% perchè non voglio uplay, al 10% perchè sono mediamente buggati per diversi mesi prima che siano decenti.... se posso non userò lo store di windows... già che lo stesso origin almeno per quanto mi riguarda esiste per 2 titoli in croce..


Concordo: no steam, no party.

Ho tollerato Origin per due tre titoli che volevo ed erano in esclusiva e basta.
hexaae29 Febbraio 2016, 14:53 #5
Non ne sono certo al 100% ma con WDDM2.0 e Win10 non dovrebbero esserci differenze in fatto di prestazioni tra modalità in finestra e a tutto schermo, come era nei Windows precedenti... Quindi questo forse è un non-problema
fraussantin29 Febbraio 2016, 15:07 #6
Originariamente inviato da: Madcrix
Troppo poco, quasi troppo tardi, quando lanci uno store non puoi permetterti simili porcate.
Quantum Break sarà la prova del fuoco, se non sistemano entro il lancio del titolo Remedy, lo store è morto.


io spero che muoia ,







... e che poi lo provino a resuscitare , con freegames bundlee offerte sensazionali
TheDarkAngel29 Febbraio 2016, 15:10 #7
Originariamente inviato da: hexaae
Non ne sono certo al 100% ma con WDDM2.0 e Win10 non dovrebbero esserci differenze in fatto di prestazioni tra modalità in finestra e a tutto schermo, come era nei Windows precedenti... Quindi questo forse è un non-problema


Il miglior modo per godersi un gioco è in modalità finestra senza bordi e con vsync off, questo più che un problema è l'unico merito. Tutte le altre limitazioni sono però delle assurdità, non prenderei mai un gioco su uno store che mi vieti l'utilizzo di mod, non ha senso su pc.
fraussantin29 Febbraio 2016, 15:14 #8
Originariamente inviato da: Bivvoz
Concordo: no steam, no party.

Ho tollerato Origin per due tre titoli che volevo ed erano in esclusiva e basta.


ma io guardo al prezzo.

se costa meno su gog origin o uplay , vado con loro.

su steam ci prendo in genere gli steamworks e basta.

il problema del gfwl.... heem windows store , è che i prezzi non sono buoni.
Bivvoz29 Febbraio 2016, 15:20 #9
Originariamente inviato da: fraussantin
ma io guardo al prezzo.

se costa meno su gog origin o uplay , vado con loro.

su steam ci prendo in genere gli steamworks e basta.

il problema del gfwl.... heem windows store , è che i prezzi non sono buoni.


Eh ma che scoperta, ovvio che guardo il prezzo.
Ma la preferenza va sempre a steam o a steam-key, che poi quando fanno i saldi su steam solitamente è il prezzo più basso in assoluto, certo se un gioco non è in saldo trovi le key altrove a prezzo più basso ma basta fare scorta quando ci sono i saldi e sei a posto tutto l'anno
Chiaro che questo non vale se vuoi comprare l'ultimo gioco appena uscito, ma è una cosa che non faccio più da anni.
hexaae29 Febbraio 2016, 15:23 #10
Originariamente inviato da: TheDarkAngel
Il miglior modo per godersi un gioco è in modalità finestra senza bordi e con vsync off, questo più che un problema è l'unico merito. Tutte le altre limitazioni sono però delle assurdità, non prenderei mai un gioco su uno store che mi vieti l'utilizzo di mod, non ha senso su pc.


Non ha senso disattivare il vsync, se te lo puoi permettere. Avere l'aggiornamento video uguale e sincronizzato con l'aggiornamento dei frame disegnati dalla scheda grafica equivale a una fluidità perfetta (es. 60fps/60Hz, se usi schermi a 120Hz dovrai avere GPU+CPU adeguati a far girare il gioco a 120fps)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^